Serie tv, tris d'assi al debutto: Gomorra 2, Marseille e The family

Palinsesto delle grandi occasioni con la seconda stagione di Gomorra su Sky Atlantic, The Family su Fox e la prima stagione di Marseille su Netflix, con un grande (e grosso) Depardieu

Periodo intenso per le serie tv: partono infatti 3 nuove proposte interessanti, una italiana, una francese e una di marca Usa. Sono Gomorra 2, Marseille e The Family, le prime 2 caratterizzate dall'azione cruenta e dai risvolti criminali, la terza invece più attenta alla psicologia dei personaggi, anche se non mancano certo i colpi di scena.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Gomorra 2

L'azione prende le mosse esattamente da dove si era conclusa la prima stagione, che era stata tra le più seguite in Italia, ma aveva anche raccolto premi, riconoscimenti e plausi all'estero, collezionando 130 versioni in tutto il mondo. La vicenda si svolge ancora tra Scampia e Secondigliano e i protagonisti sono gli stessi dell'antefatto.

Ciro, don Pietro Savastano, Genny, Salvatore Conte (i bravissimi Marco D'Amore, Fortunato Cerlino, Salvatore Esposito e Marco Pavetti) riprendono la loro lotta per il predomino di Scampia e come nella prima serie, sempre diretta da Sergio Sollima e Francesca Comencini, la lotta sarà cruenta e senza esclusione di colpi. New entry la giovane Patrizia, interpretata da Cristiana Dell'Anna, che prende il posto di Donna Imma Savastano, morta in un attentato alla fine della prima serie.

Dove e quando: su Sky Atlantic, 12 puntate a partire dal 10 maggio.

Consigliata a: stomaci forti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Marseille

Nel plot narrativo di questa prima produzione di Netflix Francia la guerra per il predominio del territorio è senza esclusione di colpi, anche se la lotta è più psicologica e le armi sono più sottili, ma non meno letali. Il protagonista della storia è il sindaco di Marsiglia Robert Taro, interpretato da un gigantesco (anche in senso letterale) Gérard Depardieu, insidiato dal suo delfino e vice sindaco che mette a segno un vero e proprio tradimento politico scatenando l'ira e la vendetta del buon Gerard.

Naturalmente la lotta non è solo politica ed economica, ma le tracce del traffico della droga e della malavita organizzata, che nella città del sud della Francia non è meno letale di quella descritta da Gomorra (ricordate I Marsigliesi?), fanno da sfondo a una vicenda che, puntata dopo puntata, svela i misteri e i crimini dei vari protagonisti.

Dove e quando: la stagione iniziale di 8 episodi è disponibile dal 5 maggio su Netflix.

Consigliata a: chi ama gli intrighi politici.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
The Family

Protagonista di questo dramma psicologico è Claire Warren, interpretata da Joan Allen, sindaco repubblicano di una cittadina della Maine, che ha basato tutta la carriera politica sul rapimento del suo figlio minore. La vicenda si apre con un colpo di scena: la ricomparsa di Adam, il bimbo rapito, ormai adolescente. Un ritorno che avrà ripercussioni drammatiche nella vita dei componenti della famiglia Warren: il marito di Joan, John, e i figli Willa e Danny.

Di molto curioso in questa produzione c'è la scelta degli interpreti che, per chi segue le serie tv, sono tutti volti molto noti: a parte Joan Allen, tre volte candidata all'Oscar come miglior attrice non protagonista e tra gli interpreti del recente Room, John Warren è interpretato da Rupert Graves, il commissario di Scotland Yard che non riesce a risolvere i casi e deve sempre chiedere l'aiuto di Sherlock Holmes-Benedict Cumberbatch, mentre a Willa Warren presta il volto Alison Pill, la stagista biondina di The Newsroom e infine lo scomparso Adam è Liam James, già figlio della detective Sarah Linden nel cupo e bellissimo The Killing.

Dove e quando: 12 episodi, in onda su Fox ogni lunedì dal 9 maggio.

Consigliata a: chi ama i drama a tinte cupe.


Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da TV