Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Stefano Accorsi: le immagini di una carriera in 15 ruoli dal Maxibon a oggi

Stefano Accorsi torna al cinema con Veloce come il vento, ultima tappa della sua trasformazione in 25 anni di carriera: la ripercorriamo con le immagini dei suoi 15 suoi ruoli più famosi

Stefano Accorsi è Veloce come il vento. E lo è davvero, alla guida di una vecchia Peugeot da rally che ha condotto personalmente nel film diretto da Matteo Rovere, nelle sale dal 7 aprile 2016. L'attore bolognese ha affrontato questo suo nuovo ruolo con una dedizione degna delle regole dell'Actor's studio: ha preso lezioni di guida da Paolo Andreucci, il pilota più vincente in questo tipo di guida; è dimagrito 11 chili e si è svegliato per giorni alle 3 di notte per avere l'espressione emaciata di chi ha un problema con la tossicodipendenza; si è fatto crescere i capelli (ma questo, in effetti, possono farlo tutti).

Veloce come il vento racconta, con libera ispirazione, la vita di Carlo Capone, genio e sregolatezza del circuito rally. Nel film la disperazione di Accorsi si intreccia alle vicende di un'adolescente - interpretata da Matilde De Angelis - con una viscerale passione per le corse. Se si tratti di dramma o redenzione, lasciamo che sia a deciderlo chi guarderà il film. A noi, adesso, piace di più vedere come è cambiato l'attore in 25 di carriera, dai gelati due gusti alla guida da urlo. Abbiamo scelto 15 ruoli: eccoli.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
1 Spot Maxibon (1994)

Un giovane "ganassa" da riviera tacchina due belle ragazze al bar sulla spiaggia, complice la scelta dello stesso gelato. «Du gust is megl che uan» è la battuta che resta tra le tante in un inglese irresponsabile, e diventa un tormentone. Ovviamente, le ragazze sono romagnolissime. È lì che Accorsi, diretto da quel Daniele Luchetti che ritroverà più avanti, diventa un volto noto.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
2 Fratelli e sorelle (1991)

Stefano Accorsi, però, ha già esperienze di lavoro. Nel 1991 ha vent'anni e gira questo film, nel ruolo di uno dei due figli di una madre che, delusa dal marito, trova rifugio a St. Louis. Il regista è Pupi Avati.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
3 Jack Frusciante è uscito dal gruppo (1996)

Effetto Maxibon: il nostro si fa strada nel ruolo dell'adolescente Alex, protagonista del libro di Enrico Brizzi da cui il film diretto da Enza Negroni è tratto. Accanto a lui c'è Violante Placido, altrettanto giovane. E intorno a loro una Bologna uscita da una canzone dei Lùnapop.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
4 I piccoli maestri (1998)

Accorsi ritrova Luchetti per un ruolo più maturo: il partigiano liberale, studente di filosofia e protagonista dell'eponimo romanzo di Luigi Meneghello. Uno fascio di luce su una Resistenza poco raccontata ma comunque importante.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
5 Radiofreccia (1998)

È un anno importante, il' 98, per Accorsi. Ligabue - il cantautore, sì - lo vuole come protagonista del proprio esordio alla regia. Stefano diventa quindi Freccia, cioè Ivan Benassi, anima persa nell'Emilia degli anni Settanta. Un personaggio dolce e maledetto, cullato dalla musica delle radio libere e ucciso dall'eroina.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
6 L'ultimo bacio (2001)

Bum! È il film della consacrazione, quello diretto da Gabriele Muccino. Accorsi fa il trentenne terrorizzato dal cambio di stagione: la leggerezza dei vent'anni lascia il posto alla maturità dei trenta, e a una figlia in arrivo. Prima di stabilizzarsi, succede un bailamme mica da ridere.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
7 Le fate ignoranti (2001)

Nello stesso anno, giusto per consolidare la consacrazione, Stefano è il protagonista del film di Ferzan Ozpetek sulla scoperta di un mondo: quello dell'omosessualità, ignoto ad Antonia (Margherita Buy), vedova di un marito che aveva proprio in Accorsi il suo amante. Dal trauma della scoperta nascerà un legame forte.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
8 Santa Maradona (2001)

Ruolo minore, ma importante per capire le vicissitudini di un neolaureato nella fase di passaggio dall'università al mondo del lavoro. Con i ritmi della commedia scanzonata, Accorsi scopre che prima della carriera viene l'amore (con una bellezza come Anita Caprioli).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
9 Un viaggio chiamato amore (2002)

Cambio radicale, si torna indietro nel tempo e si vestono i panni di Dino Campana, per ripercorrere il rapporto tormentato e intenso del poeta con Sibilla Aleramo, seducente "collega" (nel cui ruolo c'è Laura Morante). Regia di Michele Placido.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
10 Romanzo criminale (2005)

Di nuovo Placido dietro la macchina da presa, per raccontare la banda della Magliana e l'intreccio di politica, malaffare e droga nella Roma degli anni Settanta e Ottanta. Accorsi è chi questo intreccio prova a sciogliere, stretto nell'impermeabile del commissario Scialoja.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
11 Saturno contro (2007)

È tempo di ritorni, questa volta alle "dipendenze" di Ozpetek per un affresco sull'amore, etero o gay. Un amore tradito, nel caso di Accorsi, che deraglia da moglie (ancora la Buy) e figli per un amante abbastanza irresistibile (Isabella Ferrari).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
12 Baciami ancora (2010)

L'ultimo bacio, 9 anni dopo. I trentenni disorientati dalla maturità si sono ancor più incasinati. Accorsi fa la parte del divorziato che, d'un tratto, ritrova la moglie e la figlia. E per non farsi mancare nulla, nel pieno della tempesta di un rapporto che rinasce, diventa di nuovo papà.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
13 La vita facile (2011)

Prendete tre dei protagonisti del film precedente - Vittoria Puccini, Pierfrancesco Favino e, ovviamente, Accorsi - e fatene i lati di un triangolo amoroso. Stefano è medico in Africa in mezzo al nulla, Favino lo è a Roma in mezzo agli agi, Vittoria è la moglie di quest'ultimo ma pensa ancora al vecchio amore che è andato a curare gli ultimi. Aggiungete una storia di corruzione, e avete servita la vostra storia.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
14 1992 (2015)

#daunideadistefanoaccorsi è diventato un hashtag tanto popolare da essere applicato a ogni idea apparisse su Twitter (da una ricetta a un taglio di capelli), quando la serie tv sul primo anno di Tangentopoli è stata la lanciata. Accorsi è nel ruolo, piuttosto ambiguo, di un pubblicitario con un passato da dirigente comunista.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
15 Veloce come il vento (2016)

Eccolo, Accorsi, dopo il "trattamento". Della storia abbiamo già detto, sicché - se ti va - non resta che andare al cinema.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da TV