W le donne delle fiction italiane, W questi 5 esempi di attrici che fanno (e faranno) la differenza

Sempre più protagoniste, le donne della fiction italiana incarnano differenti modi di pensare e stili di vita. Il messaggio? Non tutte le donne sono uguali, ma sono tutte interessanti...

image
Gettyimages.com

Decise, sfrontate, coraggiose, intelligenti, simpatiche e dolci: quante qualità hanno le donne! Non c'è giornata migliore per ricordarlo se non quella dell'8 marzo: mimose a parte, però, come stiamo messi a rappresentazione dell'universo femminile in tv?

Mentre negli Stati Uniti, da tempo, i ruoli da protagoniste per le atttrici fioccano come paillettes su un red carpet, in Italia (per la serie meglio tardi che mai) ci stiamo accorgendo solo di recente che dire donna non vuole affatto dire danno, anzi: i ruoli da protagonista aumentano anche nelle nostre fiction e, con loro, anche le diverse tonalità di rosa che devono indossare le nostre interpreti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Dimenticatevi le casalinghe disperate tutte grembiule ed apprensione perché il loro amato non ha ancora fatto ritorno a casa: la fiction italiana oggi ci regala donne argute, tuttofare, che non si fermano alla prima difficoltà e che sanno dire di non quando è necessario. Ovviamente, non si dimenticano dell'amore, ma sanno essere loro al comando delle relazioni, per buona pace dei personaggi maschili, sempre più costretti a subire una rivoluzione che è solo all'inizio.

"In Italia il personaggio predominante è sempre stato l'uomo, da Cattani a Montalbano, e c'erano pochissime donne rappresentate, la maggior parte erano madri o protagoniste di storie d'amore": questa l'ammissione del direttore di Rai Fiction Eleonora Andreatta, artefice del cambio di passo della serialità targata Rai degli ultimi anni. Intervenuta l'autunno scorso ad un panel del Mercato Internazionale dell'Audiovisivo che si è tenuto a Roma, Andreatta si è detta giustamente orgogliosa di aver "presentato la varietà di ruoli che una donna può avere oggi, una donna che lavora e sta in famiglia, abbiamo raccontato il suo modo di essere sia nel pubblico che nel privato". Una varietà che si esprime anche nella rappresentazione fisica dei personaggi: "Negli anni '80 erano belle e giovani e apprezzate dagli uomini, secondo criteri omologati che valevano sia per la pubblicità che per le fiction, noi vogliamo rappresentare un altro tipo di bellezza, che metta in luce il temperamento e il carattere delle donne".

Ok, le buone intenzioni ci sono, ma nei fatti, dove sono queste donne della nuova generazione della fiction? Ve le presentiamo noi, in una carrellata che va da Rai a Mediaset, passando per Sky, con -ovviamente- le relative serie tv in cui ammirarle. Ve le siete perse? No problem: su RaiPlay, Mediaset On Demand e Now Tv le potete trovare e ritrovare quando volete: il girl power, oggi, passa anche dallo streaming.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

1-Rosy Abate (Giulia Michelini)

Boss mafioso, poi madre, poi suora, poi ancora madre: vi presentiamo Rosy Abate, la Regina di Palermo che dopo aver trovato il consenso del pubblico in Squadra antimafia, l'autunno scorso è diventata protagonista di una serie tutta sua che porta, appunto, il suo nome. Rosy Abate (interpretata da un'eccezionale Giulia Michelini) ne ha dovute passare di ogni: dall'omicidio del suo allora promesso sposo, a rapimenti e tradimenti, fino al tragico assassinio del figlio. Da qui, la decisione di chiudersi in convento e la successiva fuga, lontano da quella terra che tanto dolore le ha provocato. Ma la scoperta che il figlio, in realtà, è vivo, cambia tutto: Rosy Abate ha imparato che è sola contro il mondo, e che nessuno la piegherà. In una parola: magnetica.

2-Alice Allevi (Alessandra Mastronardi)

La giovanissima studentessa di Medicina Alice, complice un caso che riguarda la propria famiglia, prende una decisione: specializzarsi in Medicina Legale. Durante il suo tirocinio, l'allieva deve vedersela con la ragione degli esami ed il sentimento suscitato da ogni singolo caso a cui lavora. E, perché no, anche con gli squilibri ormonali che le provoca il suo superiore, l'affascinante Dr. Conforti (Lino Guanciale). L'impacciata ma sveglia Alice, personaggio già noto ai lettori di Alessia Gazzola, dai cui libri nasce la serie tv L'Allieva, è interpretata da Alessandra Mastronardi, ormai in ascesa anche nel panorama internazionale -è nel cast della seconda stagione di Master of None e la vedremo anche ne I Medici 2-: un volto acqua e sapone che non poteva essere più azzeccato. In una parola: adorabile.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

3-Valeria Ferro (Miriam Leone)

La carriera della Miss Italia Miriam Leone, messi da parte gli studi televisivi, è decollata grazie alla recitazione. E quello di Valeria, protagonista di Non Uccidere, è il suo ruolo più importante ad oggi (ed è un peccato che in tv l'abbiano vista in pochi). Una donna distaccata dal mondo, che vede nel lavoro l'unico appiglio per una vita normale, da ricostruire dopo l'omicidio del padre avvenuto anni prima per mano di sua madre, che però nasconde ancora alcuni segreti. Una serie dal sapore nordeuropeo ma totalmente Made in Italy: una rivelazione tra gli appassionati di crime, così come la Leone stupisce tutti e porta in tv un ispettore della Squadra Mobile più unico che raro. In una parola: sorprendente.

4-Camilla Baudino (Veronica Pivetti)

Restiamo nel mondo dei polizieschi, ma con un sorriso: perché la protagonista di Provaci ancora prof!, uno dei pilastri di Raiuno in onda dal 2005, sa combinare nella propria vita le sue due più grandi passioni: quella per i gialli e quella per l'insegnamento. Se nel secondo caso non incontra problemi ed, anzi, in ogni stagione diventa quasi la migliore amica dei suoi studenti, per quanto riguarda i gialli la faccenda si fa più complicata: riuscire a estrapolare qualche informazione riservata al Commissario Berardi (Paolo Conticini) non è cosa facile. Meno male che lui ha un debole per lei... Veronica Pivetti rende il tutto più leggero, ma non superficiale. In una parola: familiare.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

5-Scianel (Cristina Donadio)

Anche il mondo di Gomorra-La serie vede una donna in prima fila. E che donna: Scianel non le manda a dire a nessuno e riesce, con il suo sguardo duro e sentenzioso, a comunicare più che con mille parole. Una vera e propria protagonista della guerra tra clan raccontata nella serie tv di Sky, in cui non si fanno sconti a nessuno quando si tratta di strategie per il controllo del potere. A Cristina Donadio il merito di aver accettato, con coraggio, una sfida che poche altre colleghe sarebbero riuscite a portare a termine. In una parola: glaciale.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da TV