X Factor 11, i finalisti e le pagelle della semifinale (a dir poco sottotono)

La semifinale di X Factor 11 ha visto eliminati, dopo 3 ballottaggi, i Ros che hanno avuto la peggio al ballottaggio con Samuel Storm, ultimo concorrente rimasto nella squadra degli under uomini; Enrico Nigiotti, Lorenzo Licitra, Maneskin e Samuel Storm sono i finalisti

E così è andata in scena anche la semifinale di questo X Factor 11, in una puntata al cardiopalmo più o meno quanto una cena a base di minestrina in brodo, oltretutto di dado. E i finalisti? Andiamo per ordine. I bookmaker davano i Ros grandi sfavoriti della serata, e i Ros, puntualmente, sono tornati alla loro provincia di Siena, con una Camilla ingrassata di qualche chilo di make up. Il tutto si è aperto senza Noel Gallagher, che i soldi sono finiti, ma con un medley infinito di Levante, giudice riciclato ad ospite, che prima ha cantato con tutti i concorrenti di quest'anno, compresi quelli di cui non ricordiamo nemmeno più il nome (e la stecca presa da Camilla in questa esibizione pensiamo abbia contribuito alla cacciata del suo power trio) per poi finire al centro di figuranti colpiti da delirium tremens. Lo show, teso ovviamente a farci capire a fondo la portata artistica della giudice donna più fallimentare della storia del talent show alla faccia delle aspettative che riponevamo in lei, ci ha traghettato verso la prima, vera brutta notizia della serata: un Alessandro Cattellan, del tutto insensibile al calo di tensione generale intorno alla gara, ci ha informati con un'allegria fuori luogo che nella prima manche i cantanti avrebbero fatto i loro inediti, ed ecco che in un attimo gli effetti benefici del ponte lungo dell'Immacolata sono svaporati, lasciando il posto al nervoso alle gambe. Ma a consolarci è piovuta dal cielo una gentile sconosciuta, che evidentemente ha raccolto il nostro appello di settimana scorsa ed ha postato questa preziosa GIF in cui viene svelato che uno dei maschi muti dei Ros si chiama Kevin. Oh yes: Kevin.

Ma ecco un veloce riassunto della manche degli inediti: Samuel Storm tostissimo canta il suo bel pezzo che avrebbe potuto essere nella colonna sonora di Django Unchained (e giuro che l'ho scritto prima che portasse al ballottaggio un pezzo della colonna sonora di Django Unchained), i Ros hanno suonato che pareva non si conoscessero manco di vista tra loro, Enrico Nigiotti è andato meglio del suo fan club che sembrava più una veglia contro la pena di morte, i Maneskin che ve lo dico a fare (anche se per una volta si poteva fare una cosa mattissima e vestire la bassista Victoria con abiti veri e non con pezzuole da fronte), mentre Lorenzo Licitra non riesce proprio a vivacizzare un brano che avrebbe, forse, affossato anche Tizianone. Ma lasciatici alle spalle con un silente sollievo gli inediti, una voce narrante che pensiamo possa essere quella di Mistero di Raz Degan oppure, ma non è detto che una cosa escluda l'altra, di Sensualità a corte tenta di farci salire l'ansiella per la seconda manche con protagonista, ed è subito Sanremo, l'orchestra. In realtà le emozioni forti, quest'anno, arrivano soprattutto dai social, dove, mentre noi ci perdevamo guardando video di Britney Spears che dipinge quadri, il resto del mondo twittava a proposito di un tweet della Rita Bellanza, immediatamente cancellato, pieno di livore verso i Maneskin. Il finale di questo plot degno di Shonda Rhimes è, secondo X Factor e secondo Levante, che l'account a nome di Rita sia in realtà un fake, e tra i pochi a crederci ci siamo noi, che pensiamo davvero che una sopravvissuta agli attacchi degli haters non andrebbe mai a cercarsi le ingiurie dei ruspanti fan della band del bel Damiano da Roma, o no? Ma via, ci siamo dilungati anche troppo, e anche se è festa ecco le pagelle più buone del web sulla semifinale di X Factor 11.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
1 Enrico Nigiotti: voto "reggere il lume"
sky

E la veglia continua, anche nella seconda manche, con l'infelice idea di accendere intorno al Nigiotti mezzo centinaio di ceri, in uno scenario a cavallo tra Like a prayer de noantri e L'Esorciccio. Il Nigiotti, alle prese con Bob Marley e la gloriosa Redemption Song, di solito non lesina erotismo, ma stavolta risulta un po' forzato e manieristico, ma forse era solo la tensione di trasformarsi da un momento all'altro in una torcia umana. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
2 Ros: voto non dimri di no
sky

Acida dei Prozac + lo facevo anche io con la mia cover band e anche se suonavamo solo note e mai accordi (e non ci alzavamo mai dal letto per meno di un panettone gastronomico) in tutta onestà la facevamo meglio del power trio + orchestra. Perché questo, cari Ros, è un pezzo dove o ti lasci andare alla follia, all'estremo, o te ne torni dietro le quinte con la coda tra le gambe. E spiace dirlo ma stavolta Camilla ha strillato la noia per confondere le idee a chi la ascoltava.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
3 Samuel Storm: voto black power
sky

Stand by me calza a Samuel Storm grossomodo quanto a me un completo intimo di Victoria's Secret, ma l'ultimo dei concorrenti di Fedez ha preso una canzone, piuttosto arata, a sberle di R&B  e tutto sommato ne è uscito bene. In veste di ballerino, invece, siamo rimasti in zona Sangiorgi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
4 Lorenzo Licitra: voto brillocco
sky

Più che Diamonds Lorenzo ha tirato fuori dei brillocchi, che se si sottovaluta RiRi poi la si paga cara, ma lui alla faccia delle assegnazioni sbagliate ha un seguito di grandi appassionati del genere, e dopo la clip con la mamma al posto di un amore scommettiamo che i consensi sono aumentati indistintamente tra tutti i generi sessuali.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
5 Maneskin: voto Grammy
Sky

Le cose che ci sono molto piaciute nelle esibizioni dei Maneskin sono state Ethan pettinato come Beyonce in Lemonade che fa subito Grammy Awards e il siparietto che hanno involontariamente originato, ovvero: Mara "Non capisco perché a loro è concesso cambiare genere e ai miei no, ma quando saremo vecchi, caro Manuel, me lo spiegherai davanti a un caminetto". Fedez: "Portate un caminetto". Bene, sperando che alla finale al Filaforum ci sia anche sto caminetto, applaudiamo la band coatta perché, pur con qualche pecca nell'esecuzione di Damiano (occhio, che quando poi vai in tour e canti 3 sere di fila ci devi arrivare lo stesso a certe note), alla fine escono sempre alla grande da qualunque assegnazione. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da TV