X Factor 11: le pagelle della seconda puntata LIVE

La seconda puntata dei live colpisce Levante dritta al cuore e manda a casa la sua Virginia Perbellini, che paga caro il prezzo non tanto di una voce con particolari carenze, quanto quello di un personalità non troppo spiccata

image
sky

Per sentirmi più allineata con il programma, mentre lo guardo indosso un accappatoio e una tiara rosa con la scritta Scemo chi legge, sperando fortissimamente che non compaiono, almeno per stasera, cartonati, ecografie su maxi schermo, risultati del test della toxoplasmosi di Chiara Ferragni. E invece compare proprio lei medesima, al fianco di Luca Tommassini, con cui condivide l'amore per le uniformi e per gli zigomi (ben lucidati). Dopo il falsetto di Sam Smith, che per circa tre minuti ci ha fatto credere che il mondo sia popolato solo di gente meravigliosa, sulla scia di Halloween Alessandro Cattelan compare vestito da Will Ferrell in Elf.

Levante indossa, invece, un gran paio di cuissardes, ma la cattedra dei giudici ammazza la bonazza e lascia in mostra solo il meste maglioncino, quasi identico a quello di Anne Hathaway bullizzata da Meryl Streep ne Il diavolo veste Prada. La giudice debuttante, poi, dice talmente spesso la parola "credibile" che, a inizio seconda manche, notiamo quello che è palesemente un tic nervoso nel presentatore Cattelan detto Mitraglia, che si vede che avrebbe un paio di alternative da suggerirle, ma dovendo tacere può solo strizzare e strabuzzare gli occhi in evidente sofferenza. Tutt'altro sentimento ha, invece, suscitato nel pubblico maschile, femminile, transgender, l'ospite internazionale Dua Lipa, che ha una bella voce, una canzone così così, un mood simil- Rihanna, ovvero di una che quando si esibisce sembra che l'abbiamo appena sbattuta giù dal letto senza manco un caffè e quindi questo è il massimo che può fare, un corpo di ballo che raccoglie gli scarti che vanno da Beyoncé a Jessica Simpson, che giusto Maria De Filippi quando ballava, ballava peggio. Segnaliamo, perché è vita, questo dialogo: Mara a proposito del suo Enrico Nigiotti definito "maschio alfa" chiede che cosa diamine voglia dire; Cattelan le spiega che dovrebbe indicare "il maschio che comanda", al che lei chiosa con un folgorante "allora non ne conosco". Per noi potrebbero eleggere Mara vincitrice di X Factor 11, mandare i titoli di coda e arrivederci al 2018.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
1 Sem e Stenn: voto 9
sky

Anche a me, da ragazzina, terrorizzava il video di The Dope Show di Marilyn Manson, proprio come a Sem (vestito come Britney Spears in Oops! I did it again) e Stenn, con cui, è chiaro, ci sono delle affinità elettive. Per una volta Claudia detta Levante riesce a spingersi oltre l'aggettivo "credibile" e li definisce, a ragione, "internazionali". Ora, è chiaro che c'è troppo latex, troppe catene, troppo truccotroppo sesso, in quello che fanno per il pubblico medio italiano, ma loro sono dei moderni braveheart, se ne fregano, ci provano e cercano di spingere l'asticella un po' più in là, per questo ci fanno tifare fortissimo. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
2 Rita: voto 5
sky

Al secondo live scopriamo che Rita è la preferita di Manuel, mentre per il resto del mondo sta diventando la "concorrente pesante". E se dopo Dalla tutti ci si augurava di vederla alleggerita di qualche decade, con il buon Brunori Sas alla povera Bellanza sono diventati grigi i capelli. L'esibizione è sofferta, nel senso che fa proprio fatica a cantarla, sta canzone, e noi ad ascoltarla, e se tutto ciò accade dopo manciate di minuti guardati alla tele, figuriamoci dovessimo andare ad un suo concerto. Insomma, c'è da cambiare rotta, darci un taglio con le lagne, farle fare qualcosa che riporti interesse e curiosità. Anche se, la storia di X Factor insegna, lo stigma che ti si appicca addosso all'inizio è davvero duro da cancellare. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
3 Gabriele: voto 5 1/2
sky

Dai, ragazzi, aveva ragione Arisa (la quale, ve lo ricordiamo perché siamo suoi fedeli e strenui difensori, conosceva Dua Lipa quando tutti, che oggi ci si fanno le foto insieme, dicevano Lupa chi?): Gabriele niente di che. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
4 Maneskin: voto 8
sky

I Mansekin sono micidiali come l'ultimo shottino e poi vado a casa: vorresti, potresti evitarlo, ma chi ce la fa è bravo. Ecco, loro, o meglio lui, Damiano, perché gli altri sono decisamente in un cono d'ombra, vorresti poterli liberamente massacrare, tanto sono soggetti a ubris senza freni, ma ogni vota ti fregano e danno un senso alla definizione di show, quella parola che viene subito dopo "talent".

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
5 Ros: voto basta, dai
sky

I Paramore, no, scusate i Ros, hanno fatto la stessa cosa dai provini a oggi, e siamo già così stufi che accetteremmo di buon grado anche un ritmo in levare, pur di uscire da questa nebbia fucsia in cui ci avviluppano. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
6 Lorenzo, re della savana: voto non pervenuto
sky

In una scenografia da Il cerchio della vita di Ivana Spagna, Lorenzo, felicissimo dell'assegnazione, canta Miserere e fa sia la parte di Zucchero che di Pavarotti. No, non c'è nulla di ironico in questa descrizione: è ciò che è successo davvero, ed è successo intorno alle 23 e 30, quando mente e corpo erano proprio sul punto di mollare il colpo e lasciarsi andare al torpore. Lui canta e al contrario della scorsa volta ci rattrista moltissimo, e chissà quando se ne andrà dalla testa quel e misero me...

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
7 Virginia a casa, voto: ci sta
sky

Si sapeva fin dall'inizio che c'erano concorrenti destinati a uscire rapidamente, e se uno è il già eliminato Lorenzo, un'altra è Virginia Perbellini, che doveva fare Florence and the machine, ma qualcosa, nella machine, s'è ingrippato ed è finita in panne. Al televoto contro i Ros ha perso, ma quest'ultimi, se non faranno qualcosa di davvero diverso, rischiano grosso, così come Camille e anche Gabriele. Aggiungerei Enrico Nigiotti, ma zia Mara detta Madre dei Draghi riesce, per ora a proteggere a dovere la sua cucciolata. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da TV