Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Serie tv: chi sono i nuovi pazienti del dottor Mari nella stagione 3 di In treatment?

Dal 25 marzo 2017 è in onda, con la terza e ultima stagione la serie cult su Sky: ecco chi sono i quattro nuovi protagonisti e il motivo per cui vi conquisteranno

Bentornati nello studio del dottor Mari: dal 25 marzo alle 21.15, torna su Sky Atlantic e Sky Cinema Uno la serie In treatment, con gli episodi della terza (e ultima) stagione. La formula è quella tradizionale: una seduta al dì, dal lunedì al venerdì alle 19.40 su Sky Atlantic e alle 20.30 su Sky Cinema Cult, mentre al sabato sera vengono riproposte le cinque sedute della settimana su Sky Atlantic e Sky Cinema Uno. Se il meccanismo è quello noto, cambiano però i suoi protagonisti. L'unica vecchia conoscenza rimasta è infatti il nostro dottor Mari, interpretato da Sergio Castellitto: lo troviamo più tormentato che mai, alle prese con il morbo di Parkinson e un divorzio ancora tutto da metabolizzare. Il resto del cast, invece, è nuovo di zecca. Ecco chi sono i personaggi di questa terza stagione di In treatment, una delle serie tv da vedere a marzo!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Rita, interpretata da Margherita Buy

Rita è l'incarnazione delle paure femminili più recondite: arrivare spezzate a 50 anni, con una carriera ostacolata proprio dall'età che avanza e una vita personale trascurata e trascurabile. A cui si aggiunge lo spettro della vecchiaia che segna il proprio corpo. A prestare il volto a Rita è una Margherita Buy in stato di grazia, che sembra aver interiorizzato ogni stilla di ansia del proprio personaggio. L'attrice, tra l'altro, è in prima linea per difendere i bambini delle famiglie migranti, che fuggono dalle zone di guerra.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Padre Riccardo, interpretato da Domenico Diele

Vi conquisterà fin dalla prima seduta e non solo perché, a interpretare Padre Riccardo, c'è il talentuoso Domenico Diele, noto per la serie 1992. A intrigare sono soprattutto gli interessanti spunti, sollevati dal dottor Mari e padre Riccardo, sul rapporto tra fede e psicologia. Il sacerdote è infatti tutt'altro che entusiasta di intraprendere un percorso di analisi e, se si presenta dal dottor Mari, è solo per ubbidienza al proprio vescovo. Fin dalla prima seduta padre Riccardo chiarisce: «Un bravo sacerdote interpreta il meno possibile, perché contempla la parola di Dio». La sua è una vera e propria dichiarazione di guerra, alla quale il dottor Mari risponde con lungimiranza spiegando: «Forse il suo vescovo l'ha mandata qui da me perché pensa che, se lei ignora se stesso come uomo, potrebbe fraintendere anche Dio». 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Luca, interpretato da Brenno Placido

Il 17enne Luca rappresenta le nuove generazioni: un vulcano di rabbia pronto a esplodere, che non riesce a esprimersi, fino in fondo, nel mondo. Il suo momento di libertà inizia e finisce in quell'ora nello studio del dottor Mari: una volta fuori, anestetizza tutto (o quasi). Omosessuale dichiarato, Luca finisce dal dottor Mari dopo essere stato beccato a spacciare droga a scuola. Vive un rapporto conflittuale con i suoi genitori adottivi e, ora, dovrà anche vedersela con la madre biologica, che cerca di mettersi in contatto con lui. A interpretarlo è Brenno Placido.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Bianca, interpretata da Giulia Michelini

Giulia Michelini sembra essersi specializzata nei personaggi femminili piegati dal dolore e dal male. E, ogni volta, risulta sempre più credibile. La sua Bianca è infatti un fascio di nervi e tristezza, scosso da periodici attacchi di panico: di colpo, l'aria scompare e i suoi polmoni sembrano imploderle nel petto. A scatenarli sono le responsabilità che gravano sulle sue spalle e più di un problema con il marito Claudio: un pugile dilettante disoccupato. Le sue sedute sono quindi anche un'occasione per riflettere su questa malattia e capire come affrontarla.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Adele, interpretata da Giovanna Mezzogiorno

Giovanna Mezzogiorno riesce a infondere ad Adele una sicurezza tale, che verrebbe voglia di prendere subito appuntamento con lei per una seduta o due.  Sulla trentina, Adele è la nuova terapista del dottor Mari, anche se, per la verità, lui all'inizio si reca da lei solo per avere una ricetta. E la tratta anche abbastanza male. Tuttavia qualcosa scatta e Adele diventa il suo supervisore: lucida e affidabile. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da TV