Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Sanremo 2017, le nostre pagelle della seconda serata del Festival

Non mancano i super ospiti internazionali - vedi Robbie Williams e Keanu Reeves - e nazionali come Francesco Totti, ma protagoniste sono le 11 canzoni in gara dei big: ecco, dunque, i voti di Gioia!

robbie williams a sanremo 2017
Getty Images

Per la seconda serata flessione fisiologica degli ascolti, ma il Festivalone del nostro cuore raggiunge comunque il 46,6% di share. Una lista infinita di ospiti che a tratti sono sembrati un po' come gli imbucati a un party - quelli che non sai da dove vengano, e soprattutto vorresti mandar subito via - a tratti, invece, hanno svoltato la serata. E le canzoni? Qualcosa si muove. Nello specifico, Francesco Gabbani con il suo balletto-scimmionemunito dal titolo quasi impronunciabile, Occidentalis Karma: onore al merito e 7,5 per il coraggio. Quanto agli altri, senza pretese di completezza, eccoli qui sotto:

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Robbie Williams, voto: 9,5
Getty Images

Un po' per il look da entertainer malandrino, l'eterno ragazzino pescato con le mani nel barattolo della marmellata (e dalla lingua lunga); un po' per la canzone che scalda il cuore e la pancia. Colpo di genio, il bacio in bocca alla De Filippi. Preparato o spontaneo? Il bello è che non lo sapremo mai. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Francesco Totti, voto: 8
Getty Images

La valletta ideale è lui: Er Pupone. Le sue apparizioni hanno molta più vis comica di qualunque siparietto di attori navigati. Il suo «diriggiorchestra» è già un cult, così come la gaffe sul nome del direttore d'orchestra che da Cheope diventa Sciopè. D'altronde se decidi di chiamare tua figlia Chanel è un attimo che tutte le parole che iniziano con «ch» si trasformino in «ssshhh». 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Keanu Reeves, voto: 5 al look, 6 al tentativo di operazione simpatia
Getty Images

Pensavamo ci avrebbe scatenato istinti diversi, e invece il protagonista di Matrix ci ha fatto soprattutto venire un gran voglia di mettergli la testa sotto un lavandino e fargli uno shampoo, che quel capello unto faceva male a occhi e cuore. Dopodiché, a dispetto di un'immagine solitamente mesta se non tristanzuola, Keanu ci ha provato, a duettare in modo simpatico con una Queen Mary in versione nostalgia portami via. Il risultato è stato sì un po' goffo, ma il finale al basso ne ha risollevato le sorti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Michele Bravi, voto: 7 e 1/2
Getty Images

La sua Il diario degli errori è «mengoniana», intelligente e molto bella. Lui ispira una sconfinata dolcezza anche se si intuisce che, dietro a quegli occhioni verdi, si cela del nervo, e non poco. Immaginiamo schiere di giovanissimi e giovanissime in adorazione del redivivo vincitore di X Factor che, ora sì, è proprio pronto per spiccare il volo. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Bianca Atzei, voto: 4
Getty Images

Non le manca la voce, non le manca la presenza scenica, non le manca la grinta. Quel che, come sempre, manca alla fidanzata di Max Biaggi, sono i pezzi. Anche questa Ora esisti solo tu ti piomba addosso come un cappotto bagnato e lì rimane per tutti quei 3 minuti che paiono infinito. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Marco Masini, voto: 7
Getty Images

Qualcuno ha detto che con il nuovo look sembra un seguace di Osho - c'è del vero, in fondo, in queste parole - ma in ogni caso la svolta matura dell'ex idolo delle teen sorprende e arriva a segno. La sua canzone, Spostato di un secondo, è un tentativo onesto e riuscito di spostarsi dalla propria comfort zone. Come dire: sono cresciuto, sono anche invecchiato, ma non mi vergogno.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Sergio Sylvestre, voto: 6
Getty Images

Un bel pezzo, che la sua calda voce black ha stonicchiato per l'emozione, scritto per lui da Giorgia (che era anche tra gli ospiti della serata e ha fatto una performance pazzesca). Non si piazzerà alto in classifica ma è un immenso gigante buono, impossibile sparargli addosso, va solo abbracciato. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito