La divina Maria Callas immortale nei nostri cuori per almeno 4 validissimi motivi

Sono passati 40 anni dalla sua morte ma, ancora oggi, Maria Callas resta un'icona: della musica, certo, ma anche di femminilità. Quella vera

image
Gettyimages.com

Sono passati 40 anni dalla scomparsa di Maria Callas eppure il ricordo della Divina è ancora impresso nella memoria di tutti noi. Di lei si ricordano soprattutto la straordinaria voce, dal timbro unico e l'estensione eccezionale, e la sua vita da diva, tra capricci e scalpori amorosi. Meno nota è invece la Callas artista: la donna che si cela dietro quella voce, che ha studiato senza posa per eccellere, colei che andava sempre via per ultima durante le prove teatrali. A colmare il vuoto ci pensa la mostra Callas e Roma - una voce in mostra, allestita nella Capitale fino al 21 gennaio 2018. Il percorso, scandito da 25 registrazioni della Callas, ci svela l'immagine di una donna fragile e determinata, attraverso foto, dichiarazioni, documenti relativi al periodo romano della sua carriera (1948 - 1958). Ed ecco perché la Callas ci piace ancora così tanto: perché era una donna vera, con i suoi sbalzi d'umore e i complessi esistenziali. Proprio come noi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Non era solo talento
Istituto Cinecittà - Luce

La chiamavano La Divina, Il Soprano Assoluto, La Dea: tutti erano abbagliati dalla sua voce prodigiosa. Eppure Maria Callas era una perfezionista, maniaca dello studio.  "Sul lavoro l'unica mia arma, arma molto potente e onesta, è di essere sempre preparata perché contro la bravura non c'è protezione che tenga. Quando il sipario si alza parla solo il valore. Dicono che vinco sempre. Questi sono i miei mezzi: il lavoro e la preparazione".

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Era una donna vera, con problemi di peso
Carlo Riccardi

Ebbene sì, la Divina mal digeriva le sue forme, troppo morbide persino per l'epoca. Solo per questo, l'ameremo per sempre: Maria Callas era come noi, ossia un brutto anatroccolo che sperava, primo o poi, di trasformarsi in cigno. Lei ci è riuscita nel 1953, dopo una ferrea dieta e una faticaccia immane. Azzittendo tutti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Visse amori tormentati
Carlo Riccardi

Maria Callas non rinunciò mai all'amore: né in nome della carriera, né quando faceva scalpore. La Divina amò infatti sempre con slancio, in modo passionale e tormentato. A rubarle il cuore fu più di un uomo: dal nostro Paolo Pasolini (foto), ad Aristotele Onassis, la cui relazione è stata degna di una tragedia greca. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Il suo look era mozzafiato
Getty Images

Non sarà stata una bellezza perfetta, ma Maria Callas aveva parecchio gusto nel vestirsi. I suoi look, sul palco e non, erano mozzafiato. Alla mostra Callas e Roma potrete ammirare ben tre costumi di scena, forniti nientemeno che dalla sartoria Tirelli. Strepitosa.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Musica