Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

La playlist da ascoltare per prepararti alla pride week

In occasione del Pride Month è stato creato lo Spotify Pride Hub, per essere se stessi anche a suon di musica

Getty Images

Giugno è sempre più il Pride Month, ovvero il mese in cui si celebrano i vari gay pride in tutto il mondo. Perché proprio giugno? Perché fu sul finire del mese di giugno del 1969 che avvennero i cosiddetti moti di Stonewall: una serie di violenti scontri fra gruppi di persone LGBT e la polizia a New York che poi portarono alla nascita del movimento gay in tutto il mondo. Teatro di questi scontri fu lo Stonewall Inn, un bar gay in Christopher Street nel Greenwich Village, New York.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Da allora, prima timidamente e poi con sempre più forza, la lotta per rivendicare parità di diritti si è allargata in tutto il mondo e nel mese di giugno si tengono i gay pride (che non sono solo le sfilate di cui parla la stampa, ma anche una serie di eventi culturali).

In Italia la stagione 2017 del Pride – che da qualche anno va sotto il nome di Onda Pride – è iniziata il 27 maggio ad Arezzo con il Toscana Pride e si concluderà il 19 agosto a Gallipoli con il Salento Pride. In mezzo, tanti appuntamenti tra cui quello di Roma (lo scorso 10 giugno), Milano (il prossimo 24 giugno) e ancora Napoli, Bologna, Catania, Torino: una vera e propria onda arcobaleno che attraversa l'Italia intera.

Il Pride Month è celebrato in molti modi anche online. Provate, per esempio, a cercare su Google le parole «gay» o «lesbica» e vedrete che il vostro schermo si colorerà di rainbow, vale a dire la bandiera del movimento LGBTQ in tutto il mondo. Tra l'altro quest'anno è particolarmente importante la bandiera perché lo scorso 31 marzo è morto Gilbert Baker, colui che inventò tale bandiera.

Spotify Pride Hub

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Tra le altre iniziative messe in campo dai vari colossi del web c'è lo Spotify Pride Hub, una serie che valorizza le icone queer e la loro musica di speranza, auto-accettazione e fiducia in se stessi. Si tratta di uno spazio dedicato alla celebrazione di artisti e sostenitori lgbtq e include le playlist e il commento di voci appartenenti alla comunità.

Lo Spotify Pride Hub è organizzato secondo varie playlist: quella dedicata squisitamente al Pride, con le canzoni che ormai sono diventate inni della comunità in tutto il mondo, le playlist dei vari artisti lgbtq come anche quella dei vari leader della comunità a livello mondiale. Ci sono, poi, anche dei podcast dedicati e una lista con le canzoni preferite da alcune icone del mondo gay.

È possibile accedere al Pride Hub dalla pagina principale di Spotify, nell'esclusiva categoria Pride del menu e su Spotify.com/Pride.

La playlist ideale per il Pride

In base ai dati di Spotify la playlist ideale per il Pride è questa qui sotto.

  1. Lady Gaga - Born this way
  2. Diana Ross - I'm coming out
  3. Abba - Dancing Queen
  4. Madonna - Vogue
  5. Macklemore & Ryan Lewis - Same Love - feat. Mary Lambert
  6. Whitney Houston - I wanna dance with somebody (who loves me)
  7. The Weather Girls - It's raining men
  8. Scissor Sisters - Let's have a kiki
  9. Katy Perry - Firework
  10. Katy Perry - I kissed a girl

    Essere se stessi, SEMPRE, anche a suon di musica!

    Pubblicità - Continua a leggere di seguito
    Altri da Musica