Cantanti famosi italiani e stranieri: 10 canzoni da ascoltare almeno una volta nella vita

Ecco quali sono le canzoni di cantanti famosi italiani e stranieri da ascoltare almeno una volta nella vita per una playlist che non vi farà sfigurare con gli amici

10 canzoni da ascoltare di cantanti famosi italiani e stranieri
Getty Images

Ti piacciono i cantanti famosi e sei in cerca di canzoni da ascoltare per una playlist che ti accompagni quando fai jogging, mentre sei in metropolitana, oppure semplicemente come sottofondo per un pomeriggio da dedicare a lettura e pc?

O magari come accompagnamento musicale per una festicciola con gli amici? Qualunque sia il motivo, sei nel posto giusto.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Fermo restando che i gusti di ognuno sono soggettivi e che è assolutamente legittimo che chiunque nella propria playlist possa inserire Sono un pirata, sono un signore di Julio Iglesias, oppure Disco Samba (la canzone dei trenini di Capodanno), o ancora – perché no? – Anima mia dei Cugini di Campagna, ecco una serie di suggerimenti per una compilation dedicata a personaggi immortali della musica, una sorta di super hit di tutti i tempi che abbracci la musica leggera, il rock o il pop in un suggestivo pot-pourri melodico. Italiani o stranieri non fa differenza, del resto le note non hanno frontiere.

Cantanti famosi stranieri: gli evergreen

Getty Images

Ti piacciono i cantanti stranieri? E allora si potrebbe cominciare con un pezzo da leggenda, Scar Tissue dei Red Hot Chili Peppers, per scaldare l'atmosfera e volare con la fantasia verso gli sconfinati paesaggi del Midwest statunitense, a guidare un'auto scoperta tra dune e cactus, col vento che ti sbatte in faccia, mentre respiri a pieni polmoni la sensazione della libertà più autentica.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Poi, in una sorta di passaggio del testimone, lasciare che le note finali della canzone si fondano con quelle iniziali di un altro capolavoro made in Usa, Smells like teen spirit dei Nirvana. Kurt Cobain non c'è più, ma la sua impronta permea inevitabilmente quella che è a tutti gli effetti la sua canzone più conosciuta, quella che allo stesso tempo è in grado di far riflettere e di far scatenare nello stesso tempo, quando arriva il ritornello e la voce del cantautore si fa rabbiosa.

Torniamo al rock classico. L'eterno dilemma – e ne ha parlato pure Gianni Morandi – riguarda i Beatles o i Rolling Stones. Ma in fondo perché scegliere? Facciamo tutti e due. Cominciamo dai quattro ragazzi di Liverpool, di cui possiamo inserire la traccia di Hey Jude, da cantare a squarciagola soprattutto nel finale, con tutti quei «Na na na na na na na….».

E poi ecco che partono le note di Satisfaction, con Mick Jagger a dettare i tempi del ritmo e della melodia e coi movimenti che si fanno via via più sconnessi.

C'è ancora posto? E allora non scordiamoci dei cantanti anni 80 e di Michael Jackson e del suo Thriller, giusto per citare uno dei tantissimi successi sfornati dal re del pop di ogni epoca.

Cantanti famosi italiani: le canzoni più belle

Getty Images

Siamo pronti per passare ai cantanti italiani, i big di casa nostra, e allora giusto per continuare col rock melodico scegliamo Ogni volta, la canzone che Vasco Rossi ha dedicato al suo papà scomparso e, probabilmente, alle sue debolezze.

È ora di tornare a tonalità più riflessive, magari a quelle illuminate dalla voce calda e indimenticabile di una delle più brave cantanti italiane e cioè Mia Martini, che con Almeno tu nell'universo è entrata direttamente nel mito della musica nazionale, assieme a mostri sacri come Mina e Adriano Celentano, di cui potrebbe essere un must inserire un successo come Acqua e sale, relativamente recente ma già diventato un grande classico.

Come proseguire? Con l'assolo di Lucio Dalla, grandissimo cantautore italiano, in quel monumento della canzone napoletana e nazionale che è Caruso, perché è impossibile non emozionarsi ed evitare di cantare «Te voglio bene assaje».

E per continuare in bellezza, spazio ad altri due titoli della grande tradizione italiana, La solitudine che lanciò una giovanissima Laura Pausini in un Sanremo dei primi anni '90 (all'epoca la Pausini non era ancora entrata nell'Olimpo delle cantanti famose) e la profondissima Meraviglioso, per la quale si può scegliere tra la versione originale di Domenico Modugno e quella più recente dei Negramaro.

Impossibile poi, per chi ha un animo sensibile e romantico come il nostro, non inserire nella playlist Questo piccolo grande amore, l'immortale successo di Claudio Baglioni che ancora oggi ci fa urlare a squarciagola «Mi manca da morire…».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Musica