Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Cannes 2016, la hit dei migliori film secondo Gioia!

Nella terza giornata di Festival la vera sorpresa, dopo un altro deludente film francese in concorso, è La danseuse, e il suo cast, Lily Rose Depp, Soko, Mélanie Thierry e Gaspard Ulliel, è una gioia per gli occhi

La regista di La danseuse Stephanie Di Giusto, con Soko, Lily-Rose Depp, Melanie Thierry e Gaspard Ulliel
Getty Images

Non è stato Ma Loute, secondo iper-manierato film francese in concorso, di Bruno Dumont, a strapparci gli applausi e l'entusiasmo, nonostante il cast spettacolare: Juliette Binoche, Fabrice Luchini, Valeria Bruni Tedeschi. E alla fine, nonostante l'originalità dall'approccio e le folate di gelido humour teutonico, nemmeno l'altro candidato alla Palma d'oro, Toni Erdman, della giovane regista tedesca Maren Ade, decisamente troppo lungo. A rifarci gli occhi e il gusto per una bella storia narrata in maniera rigorosa e spettacolare è arrivato grazie al cielo, ieri sulla Croisette, La danseuse-The dancer, dell'esordiente Stephanie Di Giusto, presentato nella sezione Un Certain Regard, con il suo cast inaspettatamente talentuoso e fresco: l'energetica Soko, cantante e attrice, si dice, ex fidanzata di Kristen Stewart, la piccola Lily Rose Depp, figlia di John e Vanessa Paradis, 16 anni appena, e i bravi (e belli) Mélanie Therry e Gaspard Ullial. Per noi si merita 3 stelle (il top è 5).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Soko, al photocall di La danseuse
Getty Images

Ma Loute

Di Bruno Dumont, con Juliette, Binoche, Fabrice Luchini e Valeria Bruni Tedeschi. 

Estate 1910, è probabilmente ambientato in Normandia, questo giallo à la Poirot, con personaggi ridotti a stucchevoli macchiette e troppi, davvero troppi capitomboli lazzi e gag per risultare davvero comico. E in sala ridevano solo i francesi.

Voto: 1 stella

Toni Erdman

Di Maren Aden, con Peter Simonischek e Sandra Hüller.

A trovargli un difetto è forse solo troppo lunga (tre ore) questa cronaca del pedinamento ostinato di un padre buontempone e socievole che insegue la figlia rampante e in carriera fino a Bucarest, dove questa cerca di affermarsi come consulente di una multinazionale petrolifera. Lui la insegue ribaltando il suo cinico ecosistema tra una beffa e un travestimento, lei gli resiste, fredda, implacabile. Finché una sola, folgorante domanda del padre non apre una crepa nella sue esistenza blindata: «Sei felice?».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Voto: 3 stelle

La danseuse (The dancer)

Di Stephanie Di Giusto, con Soko, Mélanie Thierry, Lily-Rose Depp, Gaspard Ulliel.

Ci porta nella Ville Lumière dell'inizio del Novecento il biopic su Loie Fuller (1862-1928), pioniera della danza americana che approdò dalle praterie del Midwest alle Folies Bergère prima e all'Opera di Parigi poi, che fu la scopritrice (e amante, forse) di Isadora Duncan e un'instancabile innovatrice delle arti teatrali. Un inno alla vocazione, alla perseveranza e al talento. Un viaggio nel tempo e nelle sinestesie delle arti della Belle Epoque  esteticamente irresistibile.

Voto: 3 stelle

Vedi le pagelle del 12 maggio.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito