Perché è un peccato che il Festival di Cannes abbia ritoccato la foto di Claudia Cardinale

La foto scelta come simbolo della prossima edizione del Festival francese è stata ritoccata per snellire la figura dell'attrice italiana: ma era proprio necessario?

image
Getty Images

I francesi, è cosa risaputa, sono i più magri d'Europa. E cotanto primato deve avergli dato un po' alla testa, visto che per l'edizione 2017 del Festival di Cannes hanno deciso di adeguare al loro formato xs anche la silhouette della nostra meravigliosa Claudia Cardinale. Sì, perché per il tradizionale poster che anticipa la manifestazione, hanno scelto una foto del 1959 in cui l'attrice, bella come poche, danza sorridente e selvaggia, e ribadiamo: bella come poche, sui tetti di Roma. Ma a quest'immagine, che sprizza libertà e gioia a non finire, gli organizzatori del festival più glamour del mondo hanno pensato servisse un ritocchino, e, come vedete qui sotto, hanno assottigliato con Photoshop (il cui uso smodato ha di recente fatto infuriare parecchie celeb tra cui Lena Dunham) punto vita e gambe di una Cardinale 21enne praticamente divina.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Che cosa abbiano mai visto, questi fan della taglia 38, che necessitasse di un'aggiustatina non è dato saperlo, quello che sappiamo è che la protagonista di, tra i tantissimi, La Ragazza di Bube , ha preso tutta la faccenda con grande spensieratezza, commentando: «Sono onorata e orgogliosa di fare da portabandiera per il 70esimo Festival di Cannes, e soddisfatta per la scelta di questa foto. È l'immagine che io stessa ho del Festival, un evento che illumina tutto intorno a sé (...) Questa foto mi ricorda le mie origini, e un momento in cui non avrei mai sognato di salire i gradini della sala cinematografica più famosa del mondo. Buon compleanno!».

Ma per una Claudia Cardinale (oltretutto tra le più avverse ai ritocchi, quelli veri) che abbozza e, come nel '59, sorride, ci sono i furiosi dei social, scatenati contro i grafici che hanno realizzato il lavoro e contro il Festival stesso che ha, come minimo, peccato di superficialità. Ma, (giusta) indignazione a parte, il punto è uno solo: perché ritoccare una delle donne più belle del mondo, oltretutto in una delle immagini più evocative di libertà e fierezza di sé? Perché quella sgarbata, anzi cafonissima, limatura alle curve che quella bellezza l'hanno fatta conoscere al mondo? Ridateci, per favore, le cosce di Claudia Cardinale, che non erano e non avevano nessun interesse a essere come quelle di Bella Hadid.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Film