Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Tina Fey: «La vita è tutta una commedia»

Diventata famosa con la tv l'attrice comica è ora protagonista del film Le sorelle perfette: ce ne parla qui, svelando anche qualcosa di sé, dai diari segreti alle sue icone

Per tutti è la donna della commedia moderna americana. Tina Fey deve dire grazie ai sette anni di Saturday night live, lo show comico del sabato sera sulla Nbc (indimenticabile lo sketch sulla leader dei Tea party Sarah Palin, ndr); al ruolo di scrittrice-produttrice per la serie tv 30 Rock (durata otto anni, con 112 nomination agli Emmy, 7 Emmy conquistati e 2 Golden Globes) e alla serie successiva Unbreakable Kimmy Schmidt (su Netflix).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Per i colleghi è la persona che ha letteralmente aperto la strada alle comiche soliste, prima come Amy Schumer, Melissa McCarthy (in Ghostbusters, nelle sale). Poi è passata, sempre con successo, al grande schermo e ora è al cinema con Le sorelle perfette, insieme ad Amy Poehler.

Tina Fey con Amy Poehler in una scena del film Le sorelle perfette.

Come è nato il film?

Dall'amicizia decennale che ho con Paula Pell e Amy (Poehler). L'idea è basata sull'esperienza personale di Paula che, a 13 anni, aveva sottratto i diari segreti della sorella, rivelandone il contenuto: amore, sesso, cotte, scappatelle. 

Anche lei aveva dei diari segreti?

Certo, anche se di natura diversa. Nascosi a tutti il mio vero nome Stamatina, diventato Tina. Non dissi a nessuno del mio primo amore: Wall Street, e dei segreti che mio padre mi aveva insegnato. E la cotta che avevo per il mio primo insegnante di recitazione, Adam McKay, Oscar de La grande scommessa.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Quali oggetti della sua giovinezza (anni '80) ricorda? 

Sicuramente le tutine colorate stile Jane Fonda, i bigodini di gomma, le musicassette, i poster del film Xanadu e gli scaldamuscoli. se ride la caccio dal set...

Icone comiche preferite?

Mel Brooks, sin da quando ho visto Frankenstein junior, Gilda Radner, il mio mentore, la mia ispirazione, e Catherine O'Hara (Mamma ho perso l'aereo, Beelejuice), la prima attrice comica moderna, dal mio punto di vista.

Tina Fey insieme ad Amy Poehler.


Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Film