Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

I film francesi sono un patrimonio pazzesco: 6 pellicole da vedere almeno una volta nella vita

La quintessenza dei film francesi per tutte le amanti del genere

Quanti film francesi iconici conosci? Senza dubbio avrai visto Il favoloso mondo di Amélie e l'avrai amato. Ma se parliamo di quelli in bianco e nero? E di quelli che hanno fatto la storia del cinema? Ecco, allora, 6 film francesi da vedere prima di compiere 25 anni (ma vanno bene anche dopo!).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Fino all'ultimo respiro (1960)

Scritto e diretto da Jean-Luc Godard, Fino all'ultimo respiro (À bout de souffle) è considerato il film manifesto della Nouvelle Vague. Michel, un bandito marsigliese, corre verso Parigi alla guida di un'auto rubata, dove, inseguito dalla polizia per un'infrazione, uccide un agente. Conosce Patricia, una studentessa americana che vuol diventare giornalista. Tra loro nasce una intensa storia d'amore, ma il senso di Patricia per la giustizia è forte e allora…

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Jules e Jim (1962)

«È un inno alla vita e alla morte, una dimostrazione dell'impossibilità di qualunque combinazione amorosa al di fuori della coppia». Così François Truffaut parlò di questo suo film. Siamo a cavallo della Prima Guerra Mondiale e la pellicola racconta la storia di due amici, un francese e un austriaco, e della donna che entrambi amano.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Il disprezzo (1963)

lI disprezzo, ispirato all'omonimo romanzo di Alberto Moravia, è stato diretto daJean-Luc Godard e ha avuto come protagonista è Brigitte Bardot. La storia racconta della moglie di uno sceneggiatore, chiamato a Roma per rendere più commerciale un film sull'Odissea, che si rende conto della meschinità del marito quando questi non fa nulla per difenderla dalle avances del produttore.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Il favoloso mondo di Amélie (2001)

Amélie è una giovane cameriera in un caffè di Montmartre con il gusto per i piccoli piaceri della vita. Quando trova casualmente una vecchia scatola di latta piena di ricordi e la restituisce al legittimo proprietario, scopre che la vocazione della sua vita è quella di aiutare gli altri a raggiungere la felicità. Il film è stato scritto e diretto da Jean-Pierre Jeunet ed interpretato da Audrey Tautou e Mathieu Kassovitz

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
The Artist (2011)

The Artist è un film in bianco e nero del 2011 scritto e diretto da Michel Hazanavicius e interpretato da Jean Dujardin e Bérénice Bejo che ha fatto incetta di Oscar: miglior film, miglior regia, miglior attore protagonista, migliori costumi e miglior colonna sonora.

Siamo nel 1927, a Hollywood e George Valentin è una star del cinema muto, ma l'avvento del sonoro manda in frantumi la carriera dell'artista e lui dovrà fare i conti con il proprio orgoglio.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
La vita di Adele (2013)

Con La vita di Adele il regista Abdellatif Kechiche ha vinto il festival di Cannes 2013. Il film è tratto dal fumetto Il blu è un colore caldo scritto da Julie Maroh.

La quindicenne Adele sogna di trovare l'amore della sua vita. Quando incontra il bel tenebroso Thomas il suo sogno sembra avverarsi. Ma una fantasia erotica si fa strada nella sua testa: Adele immagina, infatti, che la misteriosa ragazza dai capelli blu che incontra spesso per strada la possieda nel suo letto con un piacere travolgente.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Film