Il divino surrealismo del Cage Dress, l'abito Dior presentato a Parigi all'Haute Couture Primavera Estate 2018

Non un semplice abito d'Alta Moda ma una vera e propria opera d'arte che racchiude in sé la storia e il savoir-faire della maison

image
Gettyimages.com

Spesso l'arte dialoga con la moda e viceversa ma non sempre questo dialogo riesce a materializzarsi in un solo abito. È successo con Dior e il suo Cage dress alle sfilate Haute Couture Primavera Estate 2018. Un pezzo unico che attraverso l'arte, quella surrealista, tra sogno e realtà, intrecci, fiocchi, tessuti e reti, racconta in un solo capitolo: l'heritage Dior, lo straordinario savoir-faire dell'atelier della maison e l'interpretazione contemporanea della couture. Una couture che torna a essere il sogno della moda, un luogo in cui tutto è concesso e tutto è possibile. E proprio da qui che nasce Cage dress, un abito sospeso tra realtà e fantasia. Magico e surreale dove la gabbia che appare in tante opere surrealiste diventa una rete che copre e scopre il corpo femminile.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ma come nasce questa magia? La formula magica ha radici lontane. Il modello della Primavera Estate 2018 si ispira, infatti, a un altro abito del passato: Panier Percé del 1950 dello stesso Monsieur Dior. Oggi come ieri, l'evocazione della gabbia, oggetto feticcio dell'immaginario surrealista, è alla base dell'abito. L'intreccio fermato dal ricamo che copre tutto il corpo crea un oggetto leggero e allo stesso tempo in forma. Emblema di una couture in cui la maestria delle lavorazioni diventa azione concettuale e quindi realtà. Dalla crinolina realizzata con crine elastico alla gabbia che compone l'abito... A raccontarlo gli stessi uomini e donne che lo hanno realizzato in un video che svela l'immenso lavoro che c'è dietro ad un abito couture come il Cage dress...

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Tendenze