La nuova Saddle Bag Dior disegnata da Maria Grazia Chiuri sa di Galliano (of course) e di rivoluzione

Quando aggiornare un mito si trasforma nella sfida più riuscita di sempre

image
Courtesy photo

Correva l'anno 1999 quando John Galliano, l'allora direttore artistico di Dior, inventò la Saddle Bag, la borsa a forma di sella (da qui Saddle, sella in inglese). Corre l'anno 2018 e Maria Grazia Chiuri corre dietro ops cavalca la moda e direziona la maison verso le nuove tendenze Autunno Inverno 2018/2019. Come? Aggiornando (gli archivi)/rivoluzionando (i miti)/ispirando (il mondo). Capitolo Saddle Bag: da dove partire? Dalla scelta di tessuti, passando per un micro restyling della forma (che la renda ancor più solida e concreta), per una nuova palette di colori, fino ad arrivare all'aggiunta di dettagli ipnotici dei ricami in tweed. Il fil rouge? La D dorata in metallo lucidato très chic.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Sono due le rivisitazioni della borsa di Dior: la prima in pelle monocromatica, la seconda in tela oblique, decorata con con micro perline. L'obiettivo di Maria Grazia Chiuri? Rivoluzionare. D'altronde Galliano docet.

Courtesy photo

BUY NOW!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Tendenze