Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Perché questa borsa mi ha cambiato la vita

La riconosci? E' la 2.55 di Chanel, un mito d'eleganza capace di ribaltare qualsiasi look: ecco come   

Più che un numero, è una vera soluzione ai problemi (si fa per dire, ovviamente) di styling. Vi sto parlando della 2.55, una borsa o meglio "la" borsa di Chanel per antonomasia. Io ho la fortuna di possederne due e vi assicuro che, in ogni occasione, sono un passepartout di gran classe. Il nome viene dalla data di nascita: Mademoiselle la disegnò, infatti, nel lontano febbraio 1955.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il bozzetto della Chanel 2.55 disegnato sull'iconica pelle matelassé della Maison

La borsa nacque dall'esigenza personale di Coco di creare un pezzo funzionale, che lasciasse le mani libere, a differenza di tutte le pochettes e le borse a mano che impazzavano negli anni 50. Fu attratta dalle borse usate dai militari, ma anche dal modo in cui lei stessa indossava il binocolo a tracolla all'ippodromo, potendosi così mettere le mani in tasca da donna libera e all'avanguardia qual era.  J'adore Mademoiselle!

Chanel 2.55 Red, in camoscio trapuntato con inserti in argento

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Negli anni successivi, ne sono state realizzate innumerevoli in materiali diversi, che hanno fatto della 2.55 una vera icona di stile. L'interno è sempre  in pelle borgogna, a ricordare la divisa da orfana degli anni trascorsi nell'Abbazia di Aubazine.  Il design è ricercato e pratico al tempo stesso, sempre impreziosito dalla classica catena in metallo oro e cuoio. E' una borsa davvero versatile. Perfetta dai 20 ai 90 anni, comunque  e sempre impeccable. 

Easy chic con un paio di jeans, sneaker e maglietta. Insuperabile se abbinata a un look cocktail. Professionally smart con un pantalone maschile e una camicia bianca. Glamour se scelta in una fantasia choc o una tonalità vivace, da indossare con colori a contrasto o con un look minimal. Rock, infine, con i jeans strappati e una t-shirt. Insomma, come direbbe Mademoiselle, sempre e comunque très chic!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Borse