Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Perché il bikini è il primo vero manifesto femminista

Dal 1946 a oggi il costume a due pezzi è stato molto di più di un accessorio moda, decisivo nell'evoluzione dello stile femminile: altro che t-shirt di Dior...

Getty Images

Forse non tutte lo sanno, ma il primo vero manifesto femminista, prima delle t-shirt alla Dior, è stato il bikini.

Simbolo dell'emancipazione femminile è buffo pensare che la sua storia abbia avuto inizio per un mero problema economico: con la guerra i materiali tessili servivano per le uniformi miliari e nel 1943 il governo statunitense ordinò una riduzione del 10% dei materiali usati per confezionare costumi femminili.

È il 5 luglio 1946 quando viene presentato per la prima volta il bikini. A inventarlo è il sarto francese Louis Réard ispirato da un prototipo, l'Atome, ideato dal designer francese Jacques Reim qualche mese prima e dall'immagine di una bagnante a St. Tropez vista ad arrotolare le estremità del costume per abbronzarsi meglio.

«Il costume più piccolo al mondo», viene così commercializzato ed è destinato a fare la storia della moda e del costume. Louis Réard lo sa, tanto che lo chiama come un atollo sperduto del Pacifico dove venivano condotti test nucleari e dà il compito a Micheline Bernardini, spogliarellista di Parigi, di indossarlo la prima volta. Tutto il resto è storia (compreso il fatto che per anni alcune leggi vietano di indossarlo e che il Vaticano lo considera peccato)!

È dunque un uomo che dà il potere alle donne di essere per la prima volta davvero padrone del proprio corpo, sicure del proprio status, libere di mostrare lembi di pelle per diletto e non necessariamente per seduzione.

Dalle dive di Hollywood, Marylin Monroe e Brigitte Bardot, alle Pin Up passando per le eroine dei film, dalle Bond girl in su, arrivando agli Angeli di Victoria's Secret, il bikini si è fatto portavoce dell'autodeterminazione dell'io femminile e femminista fino a quando c'è stato bisogno di scriverlo sulle magliette.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Micheline Bernardini
Getty Images

11 luglio 1964

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Jayne Mansfield
Getty Images

1955

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Marilyn Monroe
Getty Images

Anni '50

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Brigitte Bardot
Getty Images

Anni '50

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Ursula Andress
Getty Images

1962

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Lady Diana
Getty Images

1993

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Gli angeli di Victoria's Secret
Getty Images

2011

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Michelle Hunziker
Getty Images

2012

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Gigi Hadid
Getty Images

2015

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Kendall Jenner
Getty Images

2017

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Speciale estate