Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Marylin Monroe perse la testa per Norman Norell, lo stilista gentiluomo che la vestì per anni

Uno stilista poco famoso ma adorato dalla più bella e amata delle dive

Gettyimages.com

Ci sono dei sodalizi tra moda e cinema che hanno fatto la storia. Givenchy e Audrey Hepburn, che attraverso la più fedele delle amicizie costruirono anche un rapporto collaborativo che tendeva all'arte del vestire. O la divina Grace Kelly che scelse come personale couturier e amico fidato, Christian Dior. E poi c'è un'altra diva, divissima, nella lista delle attrici amiche dei designer: Marylin Monroe.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

courtesy of Gettyimages.com

Marylin che è culto e che è icona di bellezza e di stile, un couturier di fiducia lo scelse e lo ammirò per tutta la vita. Si chiamava Norman Norell. Un uomo di origine statunitense, lontano per cultura alla couture parigina di un tempo, fu a modo suo un grande personaggio della moda di allora. In suo onore è stata indetta una mostra al Fashion Institute of Technlogy di New York, una delle scuole di moda più famose a livello globale, Norman Norell: Dean of American Fashion. Il rispetto e la fama (postuma), Norell se l'è guadagnata per aver portato numerose innovazioni al fashion system. Una fra queste, quella di essere stato un profondo conoscitore dell'haute couture e di essere stato tra i primi stilisti americani a codificare la moda in chiave pret à porter. Norell, nativo dell'Indiana, studiò illustrazione e fashion design a New York; dopo una collaborazione lavorativa ventennale con un produttore di abbigliamento, Anthony Traina, con cui produsse collezioni molto importanti, si dedicò alla propria carriera con una collezione personale.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

courtesy of Gettyimages.com

Jeffrey Banks, curatore della mostra dedicata a Norman Norell, ha raccontato al New York Post : "Norell creò i suoi pezzi iconici molto presto e continuò a riproporli. Come il look marinière, che continuò a fare in continuazione, ogni volta con un look fresco e diverso". L' esposizione (che dura fino al 14 aprile, ndr), raccoglie circa cento manufatti dello stilista, la maggior parte proveniente dall'archivio del designer Kenneth Pool, e mette in mostra strepitosi abiti da cocktail, accessori, completi ispirati alla moda maschile e lunghi abiti da sera. Ogni capo era studiato minuziosamente ed era assolutamente innovativo: propose abiti camicia quasi dieci anni prima che diventassero una tendenza, giocò con le linee morbide degli abiti da donna e utilizzò i materiali più svariati, dal cotone al lino, all'organza. Concentrandosi sugli ultimi dodici anni di carriera dello stilista, si riesce a capire come mai fu tanto amato dal mondo delle star (vestì anche diverse first ladies). Norman Norell e Marylin Monroe amore per sempre.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Moda