Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Domanda del giorno: perché per la Festa della donna si regala proprio la mimosa?

Non piace a tutte. Eppure la mimosa ha un significato speciale che la rende il fiore perfetto per l'otto marzo

Gettyimages.com

Amata, bistratta, mimosa: tutti la vogliono per l'8 marzo, ma nessuno si entusiasma per lei. C'è chi infatti storce il naso per il suo profumo intenso, chi per l'aspetto poco aggraziato. Per non parlare delle immancabili polemiche sui costi raggiunti da questi mazzolini gialli durante la Festa delle donne. Eppure, in quel giorno, la mimosa diventa il nostro fiore.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Chi e perché l'ha eletta a simbolo della Festa delle donne?

Per saperlo dobbiamo risalire al 8 marzo del 1946 quando, per la prima volta, anche in Italia si è celebrata la Festa delle donne. Le organizzatrici, di origine romana, cercavano un fiore che sbocciasse propri i primi di quel mese e che non fosse particolarmente costoso. Per trovarlo è bastato guardare i campi: a Roma i prati si tingono di giallo, grazie all'abbondante presenza di mimose selvatiche.

Da qui la scelta della mimosa.

Tra l'altro secondo i Nativi Americani, la mimosa è simbolo proprio della forza e della femminilità: un connubio perfetto per l'8 marzo!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Storie