Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Matrimonio e abiti da sposa: 100 anni di storia del costume

Come è cambiato l'abbigliamento delle spose negli ultimi 100 anni? E le regole e le consuetudini legate alle nozze? Ce lo racconta questa fotogallery (con qualche sorpresa)

Un secolo di storia del costume attraverso l'abbigliamento nuziale, nonché le consuetudini legate al grande giorno delle nozze: un viaggio fotografico che riserva alcune sorprese

1 di 100
1916

Molti giovani della Gran Bretagna erano impegnati in guerra e così le coppie si formavano in un modo molto particolare: attraverso le lettere. Molte di queste coppie si fidanzavano senza mai essersi viste nemmeno in faccia, il che provocò il fenomeno dei «matrimoni di guerra».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
2 di 100
1917

La tradizione delle damigelle che indossano abiti simili risale all'antica Roma, quando le damigelle d'onore non solo portavano vestiti uguali tra di loro, ma anche lo stesso vestito della sposa, per confondere gli spiriti maligni (e anche gli ex della sposa, forse!). Abiti a righe e cappello abbinato sono stati adottati da queste damigelle nel 1917.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
3 di 100
1918

Nel 1840 la regina Vittoria diede il via alla tradizione di indossare l'abito bianco nel giorno del matrimonio e fino ai primi anni del Ventesimo secolo questa tonalità diventò il colore scelto dalle spose dell'alta società.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
4 di 100
<p>Dopo la Prima guerra mondiale, i matrimoni formali diventarono più ufficiali e chi non aveva un maggiordomo a tempo pieno al proprio servizio si rese conto di aver bisogno di aiuto per il catering, gli inviti, i fiori, la sarta e via dicendo: nasceva così la figura del wedding planner.</p>
Austrian Archives/Imagno/Getty Images
1919

Dopo la Prima guerra mondiale, i matrimoni formali diventarono più ufficiali e chi non aveva un maggiordomo a tempo pieno al proprio servizio si rese conto di aver bisogno di aiuto per il catering, gli inviti, i fiori, la sarta e via dicendo: nasceva così la figura del wedding planner.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
5 di 100
1920

Quale modo migliore per inaugurare l'età del jazz che con la coppia più rappresentativa di quel periodo? F. Scott Fitzgerald e Zelda Sayre si sono sposati davanti a solo 8 ospiti il 3 aprile 1920, nella cattedrale di St. Patrick a New York.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
6 di 100
1921

L'attrice di film muti Natalie Talmadge sposò il grande Buster Keaton nel 1921, con un mazzo di rose decorato con grandi fiocchi, bouquet molto popolare negli Stati Uniti all'epoca.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
7 di 100
1922

Nozze reali in vista! Nel febbraio 1922 Mary, principessa reale e contessa di Harewood, sposò il visconte Lascelles presso l'Abbazia di Westminster a Londra: il matrimonio venne considerato da molti come le nozze dell'anno. Nella foto, degli operai preparano dei medaglioni decorativi con le immagini della coppia.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
8 di 100
1923

Tre modelle indossano tipici abiti nuziali degli anni Venti, con righe sottili, gonne corte e ampi veli.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
9 di 100
1925

Durante l'età d'oro del jazz, i venditori di articoli nuziali iniziarono a vedere il potenziale del marketing e aprirono quindi vari negozi pensati per i matrimoni, con ogni tipo di articoli per il grande giorno, tra cui, ovviamente, anche l'abito nuziale.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
10 di 100
1926

Nel dicembre del 1926, il leggendario regista Alfred Hitchcock si sposò con Alma Reville. I due si erano conosciuti sul set.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
11 di 100
1927

I magazzini Marshall Field's hanno inventato la lista di nozze nel 1924 e l'idea si è rapidamente diffusa anche in altri negozi, come un'indicazione dei futuri sposi per amici e parenti in merito ai regali. In foto, una collezione di regali nuziali del 1927.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
12 di 100
1928

La prima macchina fotografica con pellicola automatizzata venne brevettata nel 1928 e così si aprirono le porte al matrimonio come lo conosciamo oggi. Già sul finire del XIX secolo, in verità, alcune coppie avevano avuto l'idea di chiamare un fotografo per la foto ufficiale, ma solo dopo la Seconda Guerra mondiale la disponibilità sul mercato dei rullini fotografici e le nuove tecniche di illuminazione permisero ai fotografi di immortalare tutto l'evento nuziale.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
13 di 100
1929

Dopo il crack del 1929 la depressione portò molte donne a tornare alla tradizioni delle nonne, meno costose, e si riprese a indossare semplicemente il proprio abito migliore nel giorno delle nozze.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
14 di 100
1930

Le torte nuziali sono state considerate all'inizio come un bene di lusso, al pari degli zuccheri raffinati necessari per rendere bianca la glassa (non è un caso che il termine «glassa reale» derivi dalla regina Vittoria e dalla sua particolare torta nuziale a più piani, tutta bianca). Nella foto, una torta nuziale del 1930.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
15 di 100
1931

La contea di Las Vegas ha rilasciato la sua prime licenza per i giochi d'azzardo nel 1931 e da allora i matrimoni sono diventati un pilastro della Città del peccato, grazie anche alle leggi che non prevedono test del sangue né tempi di attesa. Tra i primi personaggi a sposarsi a Las Vegas ci sono stati Clara Bow e Rex Bell, che hanno celebrato le loro nozze nel 1931.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
16 di 100
1932

La prova che le coppie hanno sempre cercato matrimoni unici e stravaganti: questa foto del 3 dicembre 1932 mostra un matrimonio sul surf, al largo dell'Isola di Santa Catalina, California.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
17 di 100
1933

Brindisi! In America il proibizionismo è finito il 5 dicembre 1933 e quindi da allora diventà legale fare i brindisi con i calici alzati per gli sposi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
18 di 100
<p>Il primo numero della rivista <em>Brides</em> (spose) arrivò nelle edicole nel 1934.</p>
Courtesy of BRIDES
1934

Il primo numero della rivista Brides (spose) arrivò nelle edicole nel 1934.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
19 di 100
<p>Arriva nei cinema <em>La moglie di Frankenstein</em> che fa capire agli spettatori di tutto il mondo a quali disastri si vada incontro costringendo una donna a sposarsi contro la sua volontà.</p>
Getty Images/Silver Screen Collection
1935

Arriva nei cinema La moglie di Frankenstein che fa capire agli spettatori di tutto il mondo a quali disastri si vada incontro costringendo una donna a sposarsi contro la sua volontà.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
20 di 100
<p>Il 28 settembre 1936 la famosa tennista Eileen Bennet sposa l'addestratore di cavalli da corsa Marcus Marsh. Lei indossava un copricapo e un lungo velo, secondo lo stile dell'epoca.</p>
Imagno/Getty Images
1936

Il 28 settembre 1936 la famosa tennista Eileen Bennet sposa l'addestratore di cavalli da corsa Marcus Marsh. Lei indossava un copricapo e un lungo velo, secondo lo stile dell'epoca.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
21 di 100
<p>Il re Edoardo VIII ha abbandonato la corona per sposare Wallis Simpson, che era divorziata, nel giugno 1937. Il suo regno è durato 326 giorni ed è stato uno dei più brevi di tutta la storia britannica.</p>
Getty Images
1937

Il re Edoardo VIII ha abbandonato la corona per sposare Wallis Simpson, che era divorziata, nel giugno 1937. Il suo regno è durato 326 giorni ed è stato uno dei più brevi di tutta la storia britannica.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
22 di 100
<p>Presso la Grosvenor House di Londra, una modella indossa un abito di lusso, realizzato con 43 metri di raso e 20 di tulle. In media le spose degli anni Trenta spendevano circa 1.000 euro di oggi per i loro abiti.</p>
Getty Images
1938

Presso la Grosvenor House di Londra, una modella indossa un abito di lusso, realizzato con 43 metri di raso e 20 di tulle. In media le spose degli anni Trenta spendevano circa 1.000 euro di oggi per i loro abiti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
23 di 100
1939

Con l'inizio della Seconda guerra mondiale, la moda nuziale diventa molto più semplice. I matrimoni spesso venivano organizzati in pochi giorni, approfittando delle brevi licenze degli uomini. In foto, il golfista professionista Henry Cotton e sua moglie, M. I. Moss, il giorno del loro matrimonio. Sullo sfondo, una freccia indica il rifugio antiaereo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
24 di 100
1940

Prima delle Seconda guerra mondiale, gli anelli nuziali per uomini non erano così comuni come oggi. Gli americani scelsero di portare gli anelli mentre combattevano all'estero per avere sempre con sé idealmente le proprie mogli.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
25 di 100
<p>L'ereditiera Gloria Vanderbilt sposò il produttore cinematografico Pat DiCicco a Beverly Hills il 28 dicembre 1941 e già da allora la futura designer anticipava i tempi: sebbene il top per la torta avesse debuttato durante l'era vittoria, divenne popolare solo negli anni Cinquanta. Ma al suo matrimonio c'era già!</p>
Getty Images
1941

L'ereditiera Gloria Vanderbilt sposò il produttore cinematografico Pat DiCicco a Beverly Hills il 28 dicembre 1941 e già da allora la futura designer anticipava i tempi: sebbene il top per la torta avesse debuttato durante l'era vittoria, divenne popolare solo negli anni Cinquanta. Ma al suo matrimonio c'era già!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
26 di 100
<p>Il 19 giugno1942 la 16enne Marilyn Monroe (ma allora era solo Norma Jean Baker) sposò il suo vicino di casa, il 21enne James Dougherty.</p>
Getty Images
1942

Il 19 giugno1942 la 16enne Marilyn Monroe (ma allora era solo Norma Jean Baker) sposò il suo vicino di casa, il 21enne James Dougherty.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
27 di 100
<p>L'attrice Carole Landis potrebbe aver ballato il Jitterburg, come si usava allora per le nozze. Landis sposò Thomas Wallace, capitano dell'Air Force, il 23 gennaio 1943.</p><p><span></span></p>
Getty Images
1943

L'attrice Carole Landis potrebbe aver ballato il Jitterburg, come si usava allora per le nozze. Landis sposò Thomas Wallace, capitano dell'Air Force, il 23 gennaio 1943.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
28 di 100
<p>La coppia inglese in foto mostra come i matrimoni in tempo di guerra spesso erano celebrati con lui che indossava l'uniforme militare e lei il miglior abito del proprio guardaroba.</p>
Getty Images
1944

La coppia inglese in foto mostra come i matrimoni in tempo di guerra spesso erano celebrati con lui che indossava l'uniforme militare e lei il miglior abito del proprio guardaroba.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
29 di 100
<p>Terminata la guerra, gli americani erano pronti a mangiare, bere e sposarsi! Il loro mood ha dato poi vita alla generazione dei <em>baby boomer</em>.</p>
Getty Images
1945

Terminata la guerra, gli americani erano pronti a mangiare, bere e sposarsi! Il loro mood ha dato poi vita alla generazione dei baby boomer.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
30 di 100
<p>In New Jersey una coppia si sposa al Palisades Park, sulla stessa giostra in cui i due piccioncini si erano conosciuti prima dell'inizio della Seconda guerra mondiale.</p><p><span></span></p>
Getty Images
1946

In New Jersey una coppia si sposa al Palisades Park, sulla stessa giostra in cui i due piccioncini si erano conosciuti prima dell'inizio della Seconda guerra mondiale.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Speciale sposa