Gioia! Smart awards 2017: queste sono le persone e i prodotti che meritano i nostri premi

Dal cinema alla moda, dal beauty alle start up, dal volontariato ai libri: ecco tutti i vincitori della seconda edizione dei Gioia! Smart awards

Per noi di Gioia! c'è un solo modo di fare le cose: farle bene. Con dedizione, passione, coraggio, fantasia. Senza accontentarsi. Trovando sempre soluzioni creative. Nel corso del nostro lavoro ci capita spesso di imbatterci in persone che condividono questa filosofia. Per loro abbiamo ideato gli Smart awards, quest'anno alla seconda edizione, che si è tenuta alla Pinacoteca di Brera, diretta da James Bradburne, uno dei nostri premiati. Un premio destinato a personalità dello spettacolo, della cultura, della moda, della bellezza, dell'innovazione, dell'impegno sociale, capaci di mettere estro e talento al servizio degli altri o di qualche buona causa. Perché è con lo sforzo di ognuno che la vita di tutti può diventare più bella e più facile. In una parola, più SMART. Ecco i premiati e le rispettive motivazioni.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Empatia: Isabella Ragonese
Marco La Conte

«Sono diventata "famosa" relativamente tardi», ci ha confessato Isabella Ragonese alla fine della lunga, accorata intervista di copertina sul numero 18 di Gioia!. «Ma tutto quel che ho fatto prima, sperimentando nello spazio del teatro di provincia il lavoro di attrice, sceneggiatrice, regista, è il mio piccolo patrimonio, la mia cifra artistica, ciò che poi rende un attore unico e diverso dagli altri». È anche per questa sua ispirata lealtà al mestiere di attrice che abbiamo deciso di attribuire il Gioia! smart award proprio a lei (che ha appena vinto un Globo d'Oro per Il padre d'Italia, di Fabio Mollo): per il talento versatile, la passione sociale, la generosità, la ricerca incessante sui personaggi e la contemporaneità. Qualità che fanno della sua Eli di Sole cuore amore, l'ultima interpretazione, un'eroina del quotidiano, capace di trasformare una parabola tragica nella celebrazione della gioia di vivere.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Emergenze: Mariavittoria Rava
Diana Bagnoli

«Hanno dato più loro a me che io a loro», dice ancora oggi Mariavittoria Rava, a proposito della sua prima esperienza ad Haiti, nel 2000, quando decide che aiutare bambini in difficoltà diventerà la sua missione. È allora che, in onore della sorella scomparsa prematuramente, dà vita alla Fondazione Francesca Rava - N.P.H. Italia Onlus che da 17 anni aiuta l'infanzia in condizioni di disagio in tutto il mondo. Italia compresa: dopo il terremoto che ha devastato il centro del nostro Paese nel 2016, la Fondazione, in pochi mesi, ha costruito tre scuole elementari, asili e scuole medie a Norcia, altre due scuole a Cascia. Ma soprattutto ha restituito a tutti i bambini la possibilità di riprendere una vita normale. Più Smart di così!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Informazione: Corrado Formigli
Stephanie Gengotti

Reporter a tutto tondo, con la vocazione di stare "sul campo" in pace e in guerra, conduce il talkshow Piazzapulita su La7. Negli ultimi vent'anni ha raccontato da inviato i principali fatti nazionali e internazionali per Rai, Mediaset, SkyTg24 e La7. È stato il primo giornalista italiano a entrare a Kobane durante l'assedio dello Stato islamico. Nel 2013 ha pubblicato il libro Impresa impossibile. Storie di italiani che hanno combattuto e vinto la crisi (Mondadori) e nel 2016 Il falso nemico. Perché non sconfiggiamo il califfato nero (Rizzoli). È uno dei pochi giornalisti capaci di spiegare la politica senza faziosità. Ha vinto moltissimi premi importanti, ma il nostro contiene un surplus di ammirazione per una grande firma che ogni settimana si dedica anche alle nostre lettrici con la stessa puntualità e chiarezza.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Ironia: Carlo Verdone
Roberto Ghilardi / Getty Images

Furio, l'avvocato torinese pedante e logorroico di Bianco, rosso e Verdone; Enzo, il macho coatto di Un sacco bello; Ivano, il vorace edonista rockettaro di Viaggi di nozze («'O famo strano!») e con loro una lunga, irresistibile carrellata di personaggi e varia umanità: abbiamo il piacere di premiare con il nostro Smart award alla carriera un grande Maestro del cinema come Carlo Verdone, che da 40 anni racconta con ironia e una leggerezza mai superficiale virtù e vizi dell'Italia e degli italiani. Per il suo slancio visionario e il rigore da entomologo con cui fotografa le umane ossessioni. E per la generosità con cui ha scoperto e lanciato talenti, specie femminili (Eleonora Giorgi, Margherita Buy, Claudia Gerini, per fare solo qualche nome) camminando al loro fianco senza mai fare ombra.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Inventiva: EatTiamo.it
Matteo Carassale

Nicholas era product manager di L'Oréal a Parigi, Simona ingegnere nella sede tedesca di P&G a Colonia, Francesco general manager di una squadra di ciclismo italo-nipponica e Filippo responsabile mercati asiatici per Iveco: quattro giovani italiani, tutti di La Spezia, con una carriera internazionale ben avviata, in apparenza una classica storia di cervelli in fuga. Con una svolta inedita, quando i quattro amici decidono di mollare tutto per fondare EatTiamo, start up con la mission di portare i migliori prodotti gastronomici della tradizione italiana direttamente sulla tavola degli americani, in graziose scatole contenenti tutto l'occorrente per una cena con tanto di ricette e istruzioni di uno chef. Un progetto ora in piena ascesa, che conta già un network di un'ottantina di piccoli produttori e, come dicono i fondatori, «interpreta in maniera fattiva il moderno mantra think global & act local». Con il plus dell'amicizia. Proprio come piace a Gioia!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Originalità: Paola D'Arcano

La prima volta che abbiamo visto le sue scarpe ci siamo dette: che abito magnifico! Davvero, era insolito vedere broccati, sete e stoffe voluttuose vestire ballerine, sandali e décolletée. Segno che Paola ha davvero centrato un obbiettivo difficile per chiunque, e più che mai per chi si occupi di moda: rompere i luoghi comuni senza dare scandalo. Sarà perché viene da una famiglia di artisti, papà pittore e fratello scultore, o perché, ci piace pensare, la forza dell'amore è più dirompente di ogni calcolo stilistico: lei e il marito Giorgio condividono il gusto per la bellezza e la loro visione di stile, così rinascimentale e così artigianale, ma così contemporanea e smart, ci ha conquistato.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Valorizzazione: Arts of Italy Ovs

Se quest'estate, come noi, potrete fare le erudite e vantarvi di sfoggiare una gonna con deliziose fantasie marine uguali a quelle del tavolo in pietre dure della Galleria Palatina di Palazzo Pitti a Firenze, sappiate che il merito è tutto di Ovs. Un marchio made in Italy che sul made in Italy più autentico, il nostro patrimonio artistico, ha scommesso davvero, creando una capsule collection ispirata a piccoli capolavori semisconosciuti dell'arte italiana rinascimentale e barocca. Siamo sicure che Stefano Beraldo, amministratore delegato di Ovs, vorrà estendere lo smart-factor ai nomi noti del cinema, come Ambra Angiolini, Valeria Solarino e Giovanni Veronesi, del food, come Davide Oldani, e della musica, come Emma, che hanno messo il turbo alla campagna di questo progetto, diventandone i testimonial. Per una buona causa: i proventi delle vendite andranno al restauro dei momumenti danneggiati dal terremoto a Norcia. Bravi!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Etica: Pandora

Essere smart oggi significa anche essere attenti all'ambiente e agli individui. Pandora lo è: produce gioielli in modo etico e ha dimostrato di credere che il lavoro nobilita e non debilita l'uomo. I suoi maggiori stabilimenti produttivi sono in un Paese, la Thailandia, la cui antica tradizione orafo-artigianale viene valorizzata e tramandata in un contesto lavorativo unico, in cui la solidarietà e la cura della persona – sia sul piano materiale che spirituale – sono valori indiscutibili. Un luogo in cui la natura non solo viene rispettata, ma difesa e resa parte integrante dell'ambiente in cui si opera. Trattare 22.000 dipendenti in tutto il mondo come persone, e non come numeri è – più che un traguardo – un postulato esemplare per le generazioni future.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Coraggio: Raffaella Silvestri
A. Dedè, B Pulici

La disillusione dei trentenni raccontata senza disillusione: i protagonisti dei romanzi di Raffaella Silvestri, che per scrivere ha rinunciato a un lavoro importante in una multinazionale, hanno la sua età e, come lei, hanno conosciuto lo scintillio degli anni 80 e 90 e poi sperimentato le durissime conseguenze della crisi e il disprezzo di gran parte della società verso i sogni dei giovani. La loro sfida è diventata sorprendere la precarietà in contropiede invece che farsene schiacciare. Noi di Gioia! siamo rimasti conquistati dal fatto che, tra generico ottimismo e banale vittimismo, Raffaella ha trovato una terza via. Con le sue parole: «Scrivo di noi, delle promesse non mantenute e di quello che, comunque, riusciremo a fare con il nostro futuro». Perciò facciamo il tifo per lei. E per tutti i giovani che le somigliano.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Innovazione: Maison Shiseido

Nomini Shiseido e le donne italiane sanno subito che si parla di bellezza giapponese, come riconosce il Country Manager Italia di Shiseido Group Alberto Noè (in foto), molto orgoglioso dei risultati conseguiti nel nostro Paese. Un brand, Shiseido, nato nel lontano 1845 e che, da allora, ci fa sognare con trattamenti e make up efficaci, sicuri e imbattibili per l'eccezionale rapporto qualità prezzo. Ma soprattutto prodotti che ci rendono la vita più semplice, risolvendoci in un istante tutti gli impasse davanti allo specchio. Come uno dei cult dell'anno, il geniale Smart filtering smoother della linea Ibuki, primer hi-tech che perfeziona la texture del viso come un filtro di Instagram. Come non premiarlo?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Contemporaneità: Because It's You di Emporio Armani
Riccardo Ghilardi

Contemporanea, fresca, sensuale: è Matilda Lutz, giovane attrice e modella "made in Italy" che insegue i propri sogni tra Hollywood e l'Europa, a incarnare perfettamente la nuova fragranza femminile di Emporio Armani Because it's you, parte di un progetto olfattivo che comprende anche il maschile Stronger with you. Le coinvolgenti immagini della campagna raccontano di una coppia urban e innamoratissima che ama sfidarsi. Perché l'amore, come il profumo, ha bisogno di creare emozioni forti per diventare parte di noi. E Matilda, con la sua carica di energia positiva, il suo sorriso aperti e lo sguardo dolcissimo, è già parte di noi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Accoglienza: Paola Maugeri
Diana Bagnoli

A lei, amica di Gioia! affiatata ed entusiasta, abbiamo chiesto di interpretare il prestigioso ruolo di presentatrice e maestra di cerimonie del grande evento dedicato ai Gioia! Smart awards e Ballo di Brera, che si è tenuto il 21 giugno alla Pinacoteca di Milano. Veterana di tutte le veejay televisive, pioniera del giornalismo musicale dai tempi di Mtv, scrittrice, anticipatrice di movimenti e tendenze – è stata la prima a osare una chioma blu elettrico in tempi non sospetti – testimonial illustre di uno stile di vita a basso impatto ambientale che promuove e diffonde con garbo e tolleranza, Paola Maugeri possiede passione, carisma, sensibilità, humour e senso dello show. Tutte le carte in regola, insomma, per accogliere sul palco i nostri premiati e interpretare lo spirito di questa grande festa, che vi racconteremo per filo e per segno sia sul nostro sito e sul numero 27 di Gioia!.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Grazie

Prima di tutto alla redazione, che ha assegnato i premi scegliendo tra una rosa di candidati. Ai vincitori, che i premi li hanno accolti con entusiasmo. A tutta la "macchina" che ha reso possibile questa seconda edizione degli Smart awards e il debutto del Ballo di Brera. E a voi lettrici, naturalmente.

Maria Elena Viola

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito