Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Frida Kahlo, grandi muse e rifugiate: l'universo femminile in mostra al primo festival di fotografia di Torino

L'universo femminile protagonista di "Fo.To – Fotografi a Torino", la kermesse espositiva Primavera-Estate che conquista Torino per tre mesi

Frida Kahlo nella Casa Azul, Leo Matiz - PINACOTECA ALBERTINA - Fo.To – Fotografi a Torino​​

Dal punto di vista culturale (ma non solo), Torino si conferma una delle città più vivaci d'Italia, pronta a inaugurare anche il suo primo festival di fotografia, con i tre mesi di programmazione di Fo.To – Fotografi a Torino e la Notte Bianca della Fotografia che apre tutte le mostre fuori orario, sabato 12 maggio 2018. La kermesse, unica nel suo genere, è ideata e curata dal direttore del MEF – Museo Ettore Fico, Andrea Busto, insieme alle fondazioni, associazioni, gallerie d’arte, musei pubblici e privati, spazi no-profit, istituti d’arte e di design del capoluogo piemontese.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Un lungo tour per più di 90 mostre, ospitate in oltre 70 spazi espositivi, dislocati dal centro alla periferia, da giovedì 3 maggio a domenica 29 luglio 2018. Ad animare il tessuto urbano dell'intera città, saranno diversi percorsi. Dieci per l'esattezza, pronti a spaziare tra generi e atmosfere differenti, dal fotogiornalismo e la guerra, allo still-life e la moda. Quello che ho intenzione di prediligere è però quello dedicato all'universo femminile che arricchisce il suo percorso, attraversandone molti altri.

Frank Horvat, Parigi, Monique Dutto all’uscita della metro, 1959
Frank Horvat. Storia di un fotografo - Musei Reali di Torino​ - Fo.To – Fotografi a Torino​​​
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Perfettamente a suo agio, tra i paesaggi del reincanto di Luigi Ghirri (Phos Centro, 6 maggio - 27 luglio) e gli spazi della sostenibilità del Prix Pictet (Camera, 23 maggio – 26 agosto), non manca il contributo di tante donne e grandi artiste. Da Frida Kahlo nelle foto di Leo Matiz (Pinacoteca Albertina, fino 3 giugno), alle seducenti signore nell'obiettivo di un maestro come Frank Horvat (Sale Chiablese dei Musei Reali di Torino, fino al 20 maggio 2018), la lista è lunga e molto intrigante.

Le donne protagoniste di sperimentazioni e riflessi di Duane Michals (MEF - Museo Ettore Fico, 4 maggio - 29 luglio), arricchiscono gli stimoli e le visioni, insieme all'occhio magico di Carlo Mollino (Camera, fino al 13 maggio), di Urs Lüthi (Fondazione 107, 3 maggio) e tutti quelli in mostra con la ricca collezione dello stilista napoletano Ernesto Esposito (archivio di Stato, 24 maggio - 22 luglio). Da von Gloeden a Robert Mapplethorpe, fino a Helmut Newton e Bruce Weber, passando per Cindy Sherman, Thomas Ruff, Wolfgang Tillmans e Thomas Struth.

Guido Montani. I mestieri del riso ieri e oggi
Guido Montani, CAMERA, Fo.To – Fotografi a Torino​
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Signore anche tra le copertine di vinili e l'universo musicale e visionario di Art Kane, tra le mondine che arricchiscono la sezione storica di Guido Montani, l'identità politica e di genere di Fatma Bucak (Fondazione Merz, 12 maggio), di un cantastorie visivo come Emanuele Pensavalle (ArtPhotò di Tiziana Bonomo, 3 maggio). Un gatto nero, una pizza e una scala da scendere (o da salire), incontrano la donna anche gli scatti del Crusti di Ivan Cazzola.

Emanuele Pensavalle, Amalia De Bernardis, Solosuinvito, 2017
Emanuele Pensavalle - ARTPHOTO - Fo.To – Fotografi a Torino​​

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il percorso che nasce dedicato all'Universo femminile è altrettanto eclettico, ma strettamente legato alle donne davanti e dietro l'obiettivo. Protagoniste delle storie che raccontano, come nel dialogo segreto tra il corpo e la sua morbidezza, colto da Irene Gittarelli con The Secret Language of Silent Things (Davide Paludetto Arte Contemporanea, 3 maggio - 9 giugno). Oppure solo dello sguardo rivolto al mondo degli uomini, nel caso delle Immersion di Sylvie Romieu, con immagini stratificate quanto le loro visioni (galleria Weber & Weber, 17 maggio - 20 luglio). In mostra anche i bordelli spagnoli protagonisti di Media Hora e le fotografie di Pablo Balbontin Arenas che inquadrano questi luoghi notturni, di giorno, quando le sue signore dormono e lo spazio si mimetizza con il resto dell'habitat urbano (Camera, 14 giugno – 9 settembre).


Un percorso talvolta breve ma intenso, come quello compiuto da Everything but the Girl (Innerspace17, 3 - 15 maggio), con l'interpretazione del corpo, della confusione di genere e l'esaltazione della bellezza della donna, fornita da Mauro Faletti, Francesca Galliani, Marina Rossi e Francesca Della Toffola. Sono i suoi accerchiati incanti a guidare le altre (della collettiva e forse di tutto Fo.To) in dimensioni possibili, pronte a fondersi con la natura degli sguardi, oltre l’orizzonte, oltre il limite, oltre il terreno.

Francesca Della Toffola, Accerchiati incanti. Conchiglie, 2013, Everything but the Girl
Francesca Della Toffola - INNERSPACE17 Fo.To – Fotografi a Torino

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito


Forse tutte quelle sfiorate quando Le donne (si) raccontano (Galleria FIAF Torino, 31 maggio – 13 giugno). Dalle donne in dolce attesa di Che bello darti al mondo di Vanessa Olandese (Phlibero aps, 20 giugno – 18 luglio). Da Le bambine salvate dal progetto Poonthaleer, dal terribile infanticidio femminile praticato in India, fotografato da Stegano Stranges (Febo & Dafne, 3 – 15 maggio). Da Le Odissee fiorite che navigano gli oceani del tempo con i frammenti di storia, storie e vite di 30 donne e 90 fotografie (Housing Giulia, 2 – 13 maggio).

Le bambine salvate - Stefano Stranges -Tamil Nadu
Stefano Stranges - Febo e Dafne - Fo.To – Fotografi a Torino​

Pubblicità - Continua a leggere di seguito




Sono le stesse rifugiate nigeriane fuggite ai trafficanti e alle torture, a usare la fotografia per dare voce ai propri sentimenti ed esperienze con Voice of Freedom, grazie alla collaborazione con Piam Onlus (Polo del 900 Museo Diffuso della resistenza, 20 giugno – 8 luglio)

Women's Portraits espone l’universo femminile ritratto da Daniela Foresto (The PORTRAIT, 3 maggio - 29 luglio). I Sorvoli sul quotidiano anche le sue derive più oniriche o traumatiche (CSA Farm Gallery, 3 – 19 maggio). R-Women, Essere donne in un mondo complesso, come quello dell'Iran, ne offre l'interpretazione di nove artisti iraniani e italiani (Sapori Reclusi, 31 maggi - 14 giugno).


Anche Elisa, 107 anni, e Marina, sua nipote, 28 anni, sono in mostra con Still Life di Rosset e Fornasie (Fusion Art Gallery – INAUDITA, 5 maggio – 2 giugno). Il concetto di casa e abitare in mostra con MoMoWo (PHLIBERO A.P.S., 4 maggio - 16 giugno), arriva da architetti, ingegneri civili, designer e paesaggisti (tutti donne), con progetti dedicati a se stesse e le proprie famiglie.

Il programma di mostre, presentazioni, incontri e scambi è molto più ricco e sono certa nasconda molti altri frammenti preziosi dell'universo femminile assicurati da una visita a Torino nella bella stagione.

Mahdie Mir Habibi, Woman, R-Women. Essere donne in un mondo complesso
​Mahdie Mir Habibi - GHOST BOOK - Fo.To – Fotografi a Torino​
THE PORTRAIT di Daniela Foresto, Women’s Portrait, Fo.To – Fotografi a Torino
Daniela Foresto - THE PORTRAIT - Fo.To – Fotografi a Torino​​
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Storie