Primarie Usa: Hollywood si schiera per il nuovo presidente

Mentre la battaglia tra Clinton e Sanders si accende e il repubblicano Trump si fa più forte, anche le star scendono in campo nelle primarie Usa 2016: vediamo chi sta con chi

image

Dalla truppa di vip messa in campo da Hillary Clinton, ai numerosi sostenitori famosi dell'outsider Bernie Sanders fino ai pochi ma agguerriti di Trump, ecco da che parte stanno le star

1 di 13
image
Getty Images
Rosario Dawson

L'attrice è una sostenitrice della prima ora di Bernie Sanders: impegnata dall'inizio della campagna, insieme all'amico regista Spike Lee, per le primarie, la meravigliosa attrice de la 25esima ora è stata anche arrestata durante un sit-in in favore di Sanders e contro la corruzione della classe politica americana.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
2 di 13
image
Getty Images
Lena Dunham

La molto influente Lena, regista, sceneggiatrice, attrice a migliore amica di gente come Lorde e Taylor Swift, è da sempre al fianco di Hillary Clinton, per la quale si sta impegnando al 100% (ha mollato qualunque altro impegno per seguirla nella campagna) per portare «i voti dei Millenials.».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
3 di 13
image
Getty Images
Puff Diddy

Il rapper Sean Combs, in arte Puff Diddy, è un supporter del repubblicano Donald Trump (e vedremo che non è l'unico fan di colore del candidato dai toni spesso rasenti il razzismo). Diddy ha infatti dichiarato al Washington Post: «Donald è mio amico e so che lavora sodo. Non è soltanto un mogul da prendere a modello.».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
4 di 13
image
Getty Images
Susan Sarandon

Susan la pasionaria è, ovviamente, per Bernie Sanders di cui è praticamente diventata la portavoce. Il suo per il candidato più «marxista» d'America è un amore incondizionato: «In tutta la vita - ha detto a Repubblica - non ho mai visto un candidato attivo in politica da tanto tempo che non abbia mai accettato soldi dall'industria farmaceutica, pertrolifera o da Wall Street. Quando si è candidato gli ho detto, "Bernie, faccio tutto quello che vuoi!". E sono subito andata in Iowa per i caucus.».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
5 di 13
image
Getty Images
Salma Hayek

L'attrice di origini messicane sostiene da tempo la candidatura di Hillary Clinton. In un'intervista al magazine Latina ha spiegato: «Nutro molte speranze per Hillary. Abbiamo bisogno di qualcuno con esperienza che sappia resistere. E questa donna ha resistito sempre. Hillary è tosta.».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
6 di 13
image
Getty Images
Clint Eastwood

Il 5 volte attore e regista Premio Oscar è notoriamente di fede repubblicana ed è iscritto al partito dal 1951. Tuttavia, non considerandosi un conservatore ma, anzi, avendo idee piuttosto progressiste su, per esempio, temi etici, stupisce abbastanza la sua simpatia per Donald Trump. Con il quale, invece, ha avuto un lungo colloquio privato dopo aver detto alle primarie repubblicane: «Chiunque sarà meglio di Obama.».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
7 di 13
image
Getty Images
Ryan Gosling

E anche Bernie ha il suo sex symbol da sfoderare: sì, perché non solo il bel Ryan parteggia per lui, ma anche rotto il silenzio che dominava da ben 100 giorni il suo account Twitter per postare un video a favore del candidato democratico. Un gesto non da poco, per il super riservato attore di Drive, da poco diventato papà per la seconda volta insieme alla compagna Eva Mendes.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
8 di 13
image
Getty Images
Demi Lovato

La popstar ha introdotto Hillary Clinton a un comizio all'università dell'Iowa dicendo: «Non voto Hillary solo per le sue convinzioni, la sua forza e il fatto che incarna completamente l'idea di una donna forte. La voto perché credo davvero che non c'è nessuno più qualificato per guidare questo Paese, il nostro Paese, del nostro Segretario di Stato.».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
9 di 13
image
Getty Images
Mike Tyson

Il pluricampione di boxe, che ha passato 3 anni e 6 mesi in prigione con una condanna per stupro, si schiera con Trump. A sorpresa vista la dichiarata fede musulmana di Tyson, che fa a pugni, appunto, con le innumerevoli dichiarazioni islamofobiche del candidato repubblicano. Ma l'ex pugile spiega che «siamo ottimi amici, ci conosciamo dal 1986 e molti dei miei migliori incontri sono andati in scena negli hotel di Trump. Non era il mio manager, mi ha solo aiutato nella mia vicenda giudiziaria, quindi voto per lui e spero di portare altre 200 mila persone a farlo.».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
10 di 13
image
Getty Images
Viggo Mortensen

Viggo Mortensen ha presentato a Cannes il suo film, Captain Fantastic, per la regia di Matt Ross, sventolando sul red carpet, insieme a tutto il cast, una maglia con scritto «Bernie Sanders for President 2016». L'attore in un'intervista a Variety ha anche definito l'altra candidata democratica alle primarie Hillary Clinton «una repubblicana moderata.».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
11 di 13
image
Getty Images
Snoop Dogg

Anche Hillary Clinton ha la sua quota gangsta: il rapper Snoop Dogg, infatti, ha detto durante il talk show Watch What Happens Live: «Mi piacerebbe molto vedere una donna parlare da una prospettiva globale mentre rappresenta l'America. Così voterò per la signora Clinton.».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
12 di 13
image
Getty Images
Azealia Banks

La più sorprendente della fan di The Donald è la rapper afro americana Azealia Banks, nota anche per finire un giorno sì e un giorno no in carcere per atti vandalici di vario tipo. La ragazza classe 1991 che viene da Harlem e diventata famosa con l'album di grande successo Broke with expensive taste, ha detto che voterà Trump «perché è cattivo come l'America.».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
13 di 13
image
Getty Images
Shailene Woodley

Shailene Woodley, la star della saga distopica tratta dai libri di Veronica Roth, ha partecipato attivamente al rally dello scorso aprile a New York in sostegno del candidato democratico Bernie Sanders e si è anche schierata su Twitter, scrivendo «FEELIN THE BERN! #bernie2016» in un post del 2 marzo, prendendosi così anche il rischio di perdere il favore di parte dei suoi fans. Ma in un'intervista ha dichiarato che proprio attraverso il social network spera di incoraggiare i giovani a votare.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito