Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Un infortunio capitato al momento sbagliato lo ha tenuto fuori dai Giochi, ma a Rio Gianmarco Tamberi ci è andato lo stesso. Anche se non ha potuto gareggiare per una medaglia (praticamente certa) nel salto in alto, l'atleta marchigiano è stato chiamato dal presidente del CONI Malagò per sostenere l'Italia Team e ingaggiato dalla Rai come commentatore multitasking. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Maurizia Cacciatori lo ha intervistato per farsi raccontare le sue emozioni a cinque cerchi.

Tamberi ha sentito una grande vicinanza da parte del mondo sportivo e non solo dopo l'infortunio al tendine. Uno tra i primi a sostenerlo pubblicamente in quel momento delicato è stato l'ex ginnasta Jury Chechi, che negli Anni '90 ha vissuto una vicenda sportiva simile. Una rottura del tendine lo ha tenuto fuori dalle Olimpiadi di Barcellona 1992, per cui era tra i grandi favoriti, ma ha partecipato ai Giochi in veste di telecronista Rai proprio come Gimbo. E poi, ha trionfato ad Atlanta 1996.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito