Aids e star: le celebrities vittime della malattia e i vip impegnati nella lotta all'Hiv

Ci sono le celebrities sieropositive come Charlie Sheen, le vittime illustri dell'Aids come il compianto Freddie Mercury e anche le star che ci hanno messo la faccia, come Madonna, Rihanna e gli U2

aids-star-hiv-sieropositivi
Getty Images

1° dicembre, Giornata mondiale contro l'Aids, per non abbassare mai la guardia sul virus che continua a diffondersi. Nonostante non sia più una condanna a morte come in passato (la storia di Freddie Mercury insegna), si deve fare di più per lottare contro il virus dell'Hiv, a cominciare dall'informazione. Per questo, il supporto dei famosi diventa fondamentale per veicolare i messaggi più importanti: la prevenzione è fondamentale, il contagio si può evitare proteggendosi nei rapporti sessuali, fare il test è fondamentale per proteggere se stessi e i propri partner, non si devono stigmatizzare i sieropositivi. Alcune star non si sono mai tirate indietro in questa missione, anzi, hanno sempre sostenuto la lotta contro l'Aids a partire da Madonna, Elton John, Bono Vox degli U2. Ecco le star sieropositive, le vittime famose dell'Aids e le celebrities che si impegnano da sempre nella lotta all'Aids mettendoci la faccia e spesso anche le canzoni.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Freddie Mercury
Getty Images

Alla fine degli anni '80 a Freddie Mercury, lo straordinario musicista e cantante frontman dei Queen, fu riscontrata la positività al virus dell'Hiv, divenuta poi Aids conclamato. Nel 2016 è stato celebrato il 25esimo anniversario della sua scomparsa, avvenuta a Londra il 24 novembre 1991.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Keith Haring
Getty Images

Keith Haring, il creatore dei famosissimi murales, esponente più conosciuto del graffitismo di frontiera, muore di Aids il 16 febbraio 1990 a New York: aveva 31 anni. In diverse sue opere aveva affrontato il tema dell'Aids in modo che facessero da deterrente (una tra tutte, il dipinto AIDS, del 1985), ma a causa della promiscuità sessuale presente in quel periodo a New York contrasse anche lui il virus.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Charlie Sheen
Getty Images

L'attore dopo una vita di eccessi ha ammesso nel 2015 la sua sieropositività.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Magic Johnson
Getty Images

Dopo un controllo di routine, nel 1991 il cestista scopre di aver contratto il virus dell'Hiv e lo annuncia al mondo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Tina Chow
Getty Images

Tina Chow, modella, stilista e designer di gioielli, è stata un'icona di stile degli anni Settanta e Ottanta e fervente attivista contro l'Aids, che le aveva portato via molti amici, alla fine degli anni Ottanta. Le viene diagnosticata la malattia nel giugno 1989, contratta nel 1985 dopo una relazione con l'aristocratica francese bisessuale Kim D'Estainvillle, che muore di Aids nel gennaio 1990. Resa pubblica la malattia, Tina continua con il suo impegno contro l'Aids ma muore a 41 anni, il 24 gennaio 1992.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Cindy Lauper

Tra le canzoni più famose sul dramma dell'Aids, Boy Blue di Cindy Lauper (1986), dedicata a un amico della cantante morto di Aids.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
In this life

Nel 1992 Madonna dedica In this  life agli amici Martin Burgoyne e Christopher Flynn e alla loro tragica fine. Il cantante Martin Burgoyne, compagno di stanza di Madonna quando lei visse a New York nei primi anni Ottanta, muore di Aids a 23 anni nel 1986. Per la stessa malattia morì Christopher Flynn, insegnante di danza e mentore della cantante che, nel tour del 1993, il Girlie Show, sul palco ricordava la tragedia dell'Aids con un breve discorso prima di cantare In this life.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Elton John

Nel 1992 Elton John canta il dramma dell'Aids in The Last Song. Il cantante ha creato una fondazione (EJAF) per finanziare la ricerca e la prevenzione.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Bruce Springsteen

1993: Bruce Springsteen compone Streets of Philadelphia, colonna sonora del film denuncia Philadelphia, dedicato al dramma dell'Aids, che raggiunge il culmine proprio negli anni Novanta. Struggente l'interpretazione di Tom Hanks, omosessuale malato do Aids e discriminato. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
George Michael

1995: George Michael con  Jesus to a Child - composta in meno di un'ora - ricorda l'amico brasiliano Anselmo Feleppa, morto di Aids nel 1993. Al tempo la canzone e il rapporto tra i due fece molto parlare perché George Michael non aveva ancora dichiarato la propria omosessualità, cosa che avviene nel 1998.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Madonna
Getty Images

Amica di Keith Haring (l'artista morto per Aids), Madonna è impegnata da tempo nella lotta all'Hiv.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Rihanna
Getty Images

Anche Rihanna si è esposta più volte per dire "no" all'Aids e con i suoi cosmetici  ha raccolto 50 milioni di dollari per il Mac Aids Fund.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Bono Vox
Getty Images

Tra le altre celebrità contro l'Hiv, Bono Vox degli U2, che nel 2007 ha donato oltre 50 milioni di sterline.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Sharon Stone
Getty Images

In prima linea tra le celeb impegnate nella lotta all'Aids anche Sharon Stone, qui al gala amfAR's Cinema Against Aids.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Miley Cyrus
Getty Images

Ha da poco compiuto gli anni la cantante che da sempre è schierata nella lotta all'Aids e per i diritti Lgbt, tanto da fondare la Happy Hippie Foundation, gruppo no profit che raccoglie fondi a favore degli homeless, dei giovani Lgbt e delle persone con Hiv.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Personaggi