Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

La trasformazione di Chelsea Clinton da brutto anatroccolo a donna di infinita classe è sorprendente

Dimenticatevi la ragazzina timida e impacciata e date il benvenuto a una donna con una marcia in più

Gettyimages.com

Ivanka Trump è stupenda ed è sempre stata bella, anche da bambina e adolescente, un po' come le Obama sister, stilose già all'asilo. Ma loro sono l'eccezione, perché diciamolo, 12 anni e affini non sono proprio il momento più alto per l'autostima di tutti noi. E Chelsea Clinton lo sa bene. Nata il 27 febbraio 1980 nella tranquilla e ridente Little Rock nello Stato dell'Arkansas, a 12 anni si trova sulle prime pagine di tutti i giornali del mondo, quando papà Bill Clinton diventa il 42esimo Presidente degli Stati Uniti ovvero l'uomo più importante del mondo. E Chelsea Clinton non è ancora sbocciata. Ha l'apparecchio, qualche brufolo in più, capelli rossi crespi e arruffati, un portamento goffo e labbra secche e screpolate. Non esattamente una dea, okay, complice l'età difficile in cui il corpo sta cambiando e si è devastati da una pioggia di ormoni impazziti. Insomma una pre-adolescente fatta e finita come tante. Però a lei non era molto permesso essere imperfetta e le critiche come gli sfottò non sono mancati (il nomignolo cessy vi dice qualcosa?).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Getty Images

Per otto anni è stata sotto la lente di ingrandimento, quando sembrava spaesata a Washington, sballottata dalle disavventure private della sua famiglia. Otto anni in cui ha capito quanto le battute possano essere taglienti e fare male, tanto che da ex first daughter e in qualità di esperta in materia, ha preso le difese di Barron Trump dalle grinfie degli avvoltoi mediatici invitandoli a «lasciarlo in pace e a fargli vivere l'infanzia che merita» conquistandosi la stima di mamma Melania.

Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Perché proprio lontano da Washington e dalla stampa, Chelsea ha subito la sua trasformazione da crisalide a bellissima (e elegantissima) farfalla. I capelli sono disciplinati, e dopo una parentesi blonde, sono tornati al colore naturale ma inderogabilmente lisci. L'apparecchio è sparito lasciando spazio a un radioso sorriso, biglietto da visita imprescindibile. Fondamentale il cambio di look, che ha seguito di pari passo la sua maturità anagrafica: spazio a abitini al ginocchio bon ton, o a tubino o svasati, monocolore o dalle tinte più accese, spesso accompagnati da un cardigan o un blazer, ma anche a outfit casual come jeans e camicia. L'incarnato chiaro è sempre ravvivato da un blush ad hoc, il focus rimane sulle labbra carnose con rossetti aranciati a esaltare il naturale candore del viso, senza strafare. Lo sguardo, suo punto di forza è esaltato ma con naturalezza.

Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Oggi Chelsea ha 38 anni appena compiuti, ha preso una laurea a Stanford, un master e un dottorato a Oxford, un master alla School of Public Health della Columbia University. Ha lavorato per McKinsey, la Clinton Foundation, ha insegnato alla Columbia University, per un paio di anni è stata giornalista per la tv Nbc. Sicura, spigliata, ironica, abile anche nel parlare in pubblico, l'unica figlia di Bill e Hillary Clinton ora è una donna forte, carismatica e super smart e anche il suo aspetto lo grida al mondo. Il resto della metamorfosi è merito della consapevolezza del proprio valore e dell'amore della sua famiglia, il marito Marc Mezvinsky, banchiere e figlio di deputati democratici sposato il 31 luglio 2010, e i due figli, Charlotte (2014) e Aidan (2016).

Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Personaggi