Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Carolina Crescentini, l'attrice più promettente del cinema italiano, ha qualcuno di molto importante da salvare (e da baciare)

Carolina Crescentini oggi è una delle attrici italiane più apprezzate, ma per arrivare al successo ha dovuto studiare e lavorare molto. Scopri la sua carriera dagli esordi in teatro fino ai successi sul grande schermo

Gettyimages.com

Vogliamo credere al rumors più gentile che riguarda Carolina Crescentini, quindi, mentre scriviamo questo pezzo ascoltiamo La fine dei vent'anni ("Amico mio sono anni che ti dico di andare via, ma abbiamo sempre qualcuno da salvare, e da baciare") di Motta.

Carolina Crescentini segni particolari: è l'attrice più promettente del cinema italiano. Carriera da attrice in ascesa, il suo percorso inizia con il teatro si evolve in tv ed esplode al cinema. Romana doc, Carolina Crescentini nasce nel quartiere Monteverde. Prima di iscriversi all'Istituto Massimiliano Massimo frequenta per un anno lo stesso liceo di u'altra attrice romana sua amica e coetanea: Cristiana Capotondi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Dopo il liceo si iscrive alla Facoltà di Lettere, indirizzo Spettacolo. Frequenta numerosi laboratori teatrali, tra cui quello del Teatro dei Cocci. Nel 2006 si diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia e nello stesso anno interpreta un piccolo ruolo nel film di Alex Infascelli H2Odio. Ma l'occasione di sbarcare il lunario arriva con Fausto Brizzi, nel fortunato Notte prima degli esami.

La filmografia di Carolina Crescentini

Il primo ruolo da protagonista arriva col sequel di una pellicola che aveva riscosso un buon successo di pubblico, ovvero Notte prima degli esami. In Notte prima degli esami – Oggi (2006) Carolina Crescentini è Azzurra, una biologa marina che fa perdere la testa a Luca Molinari (Nicolas Vaporidis), un ragazzino in procinto di sostenere gli esami di maturità. Nel 2007 l'attrice romana ritrova due compagni di set del film precedente: Nicolas Vaporidis e Luca Martani, che da sceneggiatore di Brizzi esordisce alla regia con Cemento armato, genere noir. La prova le vale una nomination ai Nastri d'Argento come miglior attrice protagonista.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Quando Silvio Muccino debutta alla regia con una sceneggiatura tratta da un suo romanzo, Parlami d'amore (2008), le offre la parte impegnativa di Benedetta, ragazza romana benestante, dedita ai vizi e oggetto del desiderio di Sasha (lo stesso Silvio Muccino). Con questa interpretazione Carolina Crescentini si aggiudica la prima nomination ai David di Donatello per miglior attrice non protagonista.

In questo periodo in tv Carolina Crescentini partecipa alle due stagioni di Boris sul canale satellitare Fox.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Per il primo ruolo in costume deve aspettare finché Giuliano Montaldo non la recluta per I demoni di San Pietroburgo (2008). Siamo nella Russia fine '800 e viene narrata una parte della biografia dello scrittore Dostoevskij. La prova le vale un'altra nomination ai Nastri d'Argento.

Nel 2008 la troviamo in Generazione mille euro, diretta da Massimo Venier, centrata sul precariato cui sono condannati molti giovani italiani. La Crescentini interpreta Beatrice, direttrice dell'azienda in cui lavora Matteo (Alessandro Tiberi).

Al Festival di Roma 2009 Carolina Crescentini e Silvio Muccino esordiscono come doppiatori di un film d'animazione, Astro Boy. Nel 2010 la Crescentini è nelle sale con una partecipazione nel film di Ferzan Özpetek Mine vaganti, in cui interpreta Ilaria Occhini da giovane.

Nel 2013 appare nella tragicommedia Niente può fermarci di Luigi Cecinelli, storia di quattro ragazzi disturbati che cercano di riprendersi la vita; segue il film di Özpetek Allacciate le cinture.

Nel 2014 è tra le protagoniste di Fratelli unici, con Raoul Bova, Luca Argentero e Miriam Leone; nel 2015 è stata impegnata nel Maraviglioso Boccaccio di Paolo e Vittorio Taviani, tratto dal capolavoro del grande novelliere toscano, il Decameron.

Nel 2018 Carolina Crescentini torna sul grande schermo con la commedia Sconnessi, in cui affronta una riunione di famiglia in cui è obbligata a sconnettersi dalla rete.

Insomma, acclamata dai giovani come una star, richiesta da ottimi come Montaldo e Özpetek, apprezzata dalla critica: Carolina Crescentini è ormai entrata di diritto nel novero delle nuove promesse del cinema italiano del XXI secolo.

Anche se non è Hollywood, il cinema italiano sembra non mancare di giovani talenti, Carolina Crescentini è uno di quelli. Promettente.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

La vita privata di Carolina Crescentini

Single da tempo, Carolina Crescentini pare stia iniziando una conoscenza molto molto intima con il cantautore toscano, sognante e sognatore Francesco Motta. I due si starebbero frequentando da qualche mese e tra i due le intenzioni sembrano più che serie. D'altronde quando La fine dei vent'anni (pezzo spaccacuore di Motta, ndr), è ormai un lontano ricordo, ora è bene pensare all'inizio di un amore eterno.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Personaggi