Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Impossibile non riconoscere in Ludmilla Radchenko il "mi metto in testa una cosa e la faccio"

Ludmilla Radchenko da letterina ad artista d'avanguardia, è lei l'esempio di rivincita perfetto?

Dalla Siberia a Milano, da letterina ad artista d'avanguardia: è lo strano percorso, iperbolico ed entusiasmante, di Ludmilla Radchenko. La moglie di Matteo Viviani ha fatto di tutto nel mondo dello spettacolo: modella, attrice, ballerina, valletta, persino televenditrice. Ludmilla Radchenko oggi è però soprattutto una mamma di due splendidi bambini. E una delle esponenti più interessanti del Pop Realism.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Chi è Ludmilla Radchenko

La biografia di Ludmilla Radchenko (data di nascita 11 novembre 1978) ci dice che è originaria di Omsk, in Siberia. Bionda, occhi azzurri, ben slanciata e naturalmente portata per la moda, nel 1997 ha conquistato la fascia di Miss Fascino al concorso di Miss Russia. Poi, dopo il diploma in design nella moda, le prime esperienze in tv tra Mosca e San Pietroburgo e l'approdo in Italia.

Ludmilla Radchenko e Matteo Viviani.

La prima immagine italiana di Ludmilla? Una telepromozione, durante Paperissima. Per un po' fa la ballerina a La sai l'ultima, poi nel 2001 approda nell'ammiratissima schiera delle letterine di Passaparola. Ludmilla Radchenko, sexy e conturbante, fa impallidire Gerry Scotti e milioni di telespettatori, che restano incollati allo schermo per ammirare lei e le altre nei piccantissimi stacchetti tra un quiz e l'altro.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

L'esperienza da conduttrice dello Spicy Tg sull'emittente Antennatre è una parentesi nella carriera della bella siberiana, che continua a dividersi tra le apparizioni televisive e le passerelle di moda. Sfila per marchi famosi ed è paparazzata con divi e divetti del piccolo schermo. Anche il 2004 è un anno importante per Ludmilla Radchenko: il calendario realizzato per la rivista Fox va letteralmente a ruba. Ludmilla Radchenko nuda come mamma l'ha fatta è uno spettacolo che migliaia e migliaia di italiani non vogliono perdersi.

La popolarità della Radchenko è alle stelle. Nel 2005 partecipa al reality La Talpa, dove arriva sino alla semifinale. Debutta inoltre come attrice nel film tv Il viaggio e in due episodi della serie R.I.S. Qualche anno dopo girerà, tra gli altri, alcuni episodi di Un posto al sole e L'ispettore Coliandro.

Ludmilla Radchenko con uno dei suoi quadri.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Nel 2006 Ludmilla Radchenko è On the road, nel senso che conduce l'omonimo programma su Italia 1 dedicato ai viaggi. Conduce poi Tuning and fanatics su Sky, ma il suo vero amore è l'arte e dal 2007 torna a dedicarsi alla pittura di quadri, sua passione da adolescente. Ludmilla Radchenko è artista di grande talento espressivo, che si concretizza ben presto in una serie di collezioni che arrivano sino ad Amsterdam e a Monaco. Lo stile prediletto da Ludmilla Radchenko è la pop art. I suoi schemi, le sue teorie, il suo modus operandi è sintetizzato nel suo catalogo Power pop, edito da Skira a fine 2010.

Nel 2011 apre uno studio a Milano sulla pittura pop. La sua personale interpretazione della stessa, il Pop Realism, sbarca a New York, dove nel maggio 2011 una galleria raccoglie i suoi quadri. Quelle di Ludmilla Radchenko sono opere molto apprezzate in America, ma non solo. Grande successo riscuotono pure i suoi «barattoli» di Siberian Soup, una sorta di zuppa della sua Siberia inscatolata e messa in vendita perché tutti possano condividerla. Altra trovata di Ludmilla, la trasposizione su foulard, leggins e borse dei soggetti dei suoi quadri, che possono dunque essere letteralmente indossati: il Pret Art Porter.

E per quel che riguarda la sua vita privata? Insieme dal 2008, Ludmilla Radchenko e Matteo Viviani – celebre inviato e conduttore de Le Iene – hanno celebrato il loro matrimonio il 19 luglio 2013. L'anno precedente era nata la prima figlia, Eva Viviani. Il 25 maggio 2017 è nato il secondo figlio di Ludmilla Radchenko, Nikita.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Elegantemente social, l'ex letterina ha un profilo Instagram seguito da circa 75mila follower - @ludmillaradchenko - e costantemente aggiornato con foto delle sue ultime esposizioni, di tenera vita familiare con i figli e col marito Matteo Viviani, o legati ai suoi viaggi. D'obbligo anche un'occhiata al suo sito www.ludmillapopart.it, vero tempio della Ludmilla Radcheno pittrice e artista.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Personaggi