Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Debbie Harry, 10 curiosità sulla rockstar leader dei Blondie

La leader dei Blondie è un mito intramontabile, oggi come negli anni 70

Getty Images

Debbie Harry è una delle voci più famose del rock, ti dicono niente i Blondie? Con le loro canzoni hanno fatto la storia della musica a stelle e strisce entrando nel cuore di milioni di fan. Proviamo a ripercorrere la sua carriera (e la sua vita) attraverso dieci curiosità che forse non sai della leader dei Blondie sinonimo del rock anni 70.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

1) Debbie Harry soffre di un disturbo della personalità. Il primo evento psichico si presentò quando Debbie aveva soli tre anni, subito dopo che i genitori le confidarono di essere stata adottata. Ha raccontato che a Hawthorne, nel New Jersey, dove ha trascorso un'intera estate, un giorno iniziò a sentire voci provenienti da un camino in mattoni che suo padre aveva costruito, che le parlavano informazioni complesse matematiche. Raccontò a sua madre la situazione ma lei si mise a ridere perché le sembrava ridicolo.

2) Se il suo vero nome era Deborah Ann Harry per tutta l'infanzia il suo soprannome fu Moon. È durante gli anni del liceo che Harry comincia a giocare con il make up. Fin da piccola infatti sognava di avere un viso dai lineamenti più dolci e non una faccia molto tonda e pallida, che le ha appunto fatto guadagnare il soprannome di Luna.

Debbie Harry nel 1978.
Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

3) Il vestito zebrato divenuto iconico che Debbie ha indossato in uno dei suoi poster più famosi era originariamente un cuscino che trovò lei stessa nell'immondizia! All'epoca, nessuno dei suoi amici se la passava bene economicamente, quindi capitò spesso che cercassero vestiti nella spazzatura.

4) Debbie Harry dei Blondie ha spesso raccontato di aver raggiunto la consapevolezza sessuale precocemente, quando aveva circa 10 o 11 anni. Nel suo libro racconta che un pomeriggio, quando aveva 11 anni, la sua famiglia era in vacanza a Cape Cod e lei uscì di nascosto con del rossetto sulle labbra in compagnia di una cugina. Le due trovarono due gentiluomini che le riaccompagnarono a casa e si offrirono di passare dopo per bere qualcosa. Ma quando tornarono a bussare alla porta ad aprire trovarono la madre, con lei e la cugina che erano già state mandate a nanna. Sempre trasgressiva.

5) Debbie Harry e Playboy: prima di suonare coi Blondie ha lavorato come coniglietta. Nel libro che Debbie Harry ha scritto con Chris Stein, dal titolo Making Tracks, racconta di aver lavorato per la nota rivista per adulti per nove mesi dopo un breve periodo come cameriera presso il famoso locale punk Max's Kansas City.

Debbie Harry sfila per Vin+Omi Primavera/Estate 2018.
Getty Images

6) Nel febbraio del 1999, Debbie Harry, allora 53enne, diventa la donna cantante più anziana ad ottenere la prima posizione nel Regno Unito con la canzone Maria. Il record precedente apparteneva a Cher che lo aveva ottenuto la settimana prima con la canzone Believe. La differenza di età tra le due è di una questione di giorni!

7) Debbie Harry iniziò a cantare nel coro della chiesa, strano da credere considerando la sua immagine pubblica. La principessa del punk in gioventù è stata anche una cheerleader ma la stessa Debbie ha detto di non essere mai stata troppo portata in quanto troppo ansiosa.

8) Debbie Harry era stata originariamente scelta interpretare Pris nel film di Ridley Scott del 1982, il cult Blade Runner, ruolo che poi andò a Daryl Hannah.

9) Nel grande successo dei Blondie c'è anche un po' di Italia. Una delle loro canzoni più famose, ovvero Call me, ha visto la collaborazione di Debbie Harry e Giorgio Moroder, produttore discografico, compositore e disc jockey italiano.

10) Durante la presentazione del computer Amiga 1000 Andy Warhol disegnò Debbie Harry e così entrambi entrarono nella storia. L'artista utilizzo infatti la fotocamera collegata al computer per immortalare la cantante e poi la modificò in diretta grazie a un software dedicato all'elaborazione di immagini digitali, un evento senza precedenti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Personaggi