Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Il mea culpa (immaginario) di Nina Moric in una lettera aperta a se stessa

Cosa avrebbe potuto dire e recriminare la Nina di ieri alla Nina di martedì scorso?

Getty Images

Lo strano caso di Nina Moric e Nina Moric. Nina Moric tra passato, presente e futuro. Nina Moric che muove i fianchi a regola d'arte e fa perdere la testa a noi e a Ricky Martin lasciandoci credere che Livin' la vida Loca sia dannatamente possibile. Una bellezza fragile che da sola non basta a schivare gli attacchi gratuiti che arrivano a destra e a manca. Eppure. Eppure Nina Moric è molto di più. Con le parole ci sa fare, oggi più di ieri, e lo ha dimostrato nella doppia apparizione al Grande Fratello, nell'edizione più infelice del secolo. Una doppia partecipazione in cui ha mostrato la sua doppia anima (e le sue fragilità formato xxl). La prima, dark e ferita, la seconda solare e (apparentemente) serena. La Moric ha avuto la possibilità, rara in tv, di poter replicare e, forse, rimediare. Ma cosa avrebbe potuto dire e recriminare la Nina di ieri alla Nina di martedì scorso? Cosa avrebbe scritto in una lettera aperta a se stessa? Proviamo a immaginarlo in un dialogo semi-serio tra la Nina di oggi e la Nina di ieri:

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

«Cara Nina ma cosa ti è venuto in mente? Mettere la faccia per uno che la faccia l'ha persa appena varcata la porta rossa - Luigi Favoloso, ndr. Che ha scelto la tv all'amore. Che non ha perso occasione di tenere la bocca chiusa anche quando avrebbe fatto meglio. Cara Nina ma cosa ti è venuto in mente? Dare in pasto agli haters di professione il momento più difficile della tua vita, a chi non aspetta altro che un tuo passo falso per rimarcare le tue fragilità e fare leva sulle tue debolezze. Cara Nina ma cosa ti è venuto in mente? Martedì scorso quando hai deciso di (tra)vestirti da donna forte, con un look maschile che non ammetteva repliche, gli occhi neri, i capelli neri. Una mise che doveva urlare potere, forza e coraggio, che invece ha portato solo altro odio. Cara Nina ma cosa ti è venuto in mente? Un purosangue non corre con i pony, lo sai, e dovresti essere la prima a crederci».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Personaggi