Lupita Nyong'o, una vita da scenografia e una storia che potrebbe diventare un film

Attrice e modella kenyota con passaporto messicano, premio Oscar nel 2014

image
Getty Images

In cassaforte ha la statuetta che tutti gli attori sognano di vincere, ma oltre alla sua bravura di attrice Lupita Nyong’o ha sorpreso il mondo per la sua storia, che sembra essere essa stessa materiale per il mondo del cinema.

La biografia di Lupita Nyong’o

Lupita Nyong'o è nata il primo di marzo del 1983 a Città del Messico, in Messico. Di discendenza Luo (un insieme di tribù collegate tra loro che vivono nel Sudan del Sud, l'Uganda settentrionale, la Repubblica Democratica del Congo, il Kenya occidentale e il nord della Tanzania e parlano la lingua Nilotica), Lupita è la seconda di sei figli. I suoi genitori sono Dorothy Nyong’o e Peter Anyang 'Nyong'o, un politico in Kenya. Il suo nome riflette la tradizione keniota di nominare i bambini secondo gli eventi del giorno della loro nascita. Suo padre, ex ministro del Kenya per i servizi medici, al momento della nascita di Lupita ricopriva la qualifica di visting professor nella facoltà di Scienze politiche a Città del Messico. La Nyong'o tornò in Kenya con i suoi genitori poco dopo la nascita, quando suo padre fu assunto come professore all'Università di Nairobi. A sedici anni, i suoi genitori la rimandarono in Messico per alcuni mesi per imparare lo spagnolo. L'attrice ha frequentato l'università negli Stati Uniti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Dopo la laurea in Cinema e Teatro all'Università di Hampshire, ha iniziato a lavorare nel team di produzione di diversi film, tra cui The Constant Gardener – La cospirazione (2005) di Fernando Meirelles con Ralph Fiennes nel ruolo di protagonista, e Il destino nel nome di Mira Nair.

Getty

Nel 2008 ha recitato nel cortometraggio East River, girato a Brooklyn, New York, e diretto da Marc Gray. Nello stesso anno è tornata nel suo paese per recitare nella serie televisiva keniota Shuga. Nel 2009, ha scritto, diretto e prodotto il documentario In My Genes, sulla discriminazione che la popolazione albina del Kenya riceve, che è stata presentata in numerosi festival cinematografici.

Successivamente si è iscritta al programma di recitazione della Yale Theatre School. A Yale è apparsa in numerose produzioni teatrali, tra cui Doctor Faustus accende le luci, Zio Vanja di Cechov e opere di William Shakespeare come La bisbetica domata e Racconto d'inverno.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Dopo la sua laurea da Yale nel 2012, Lupita è stata selezionata per unirsi al cast di 12 anni schiavo, in cui ha interpretato il ruolo di Patsey. Il film è uscito nel 2013 con un grande successo critico. La Nyong'o ha ricevuto recensioni entusiastiche per la sua interpretazione ed è stato candidata a diversi premi, tra cui l'Oscar e il Golden Globe come miglior attrice non protagonista e due Screen Actors Guild Awards, tra cui la migliore attrice non protagonista e il 2 marzo 2014 Lupita Nyong’o ha vinto l’Oscar per il suo lavoro nel film.

Lupita ha successivamente completato le riprese del film thriller Non-Stop, dove ha lavorato con Liam Neeson e Julianne Moore. Nel maggio 2015 viene confermata la presenza di Lupita Nyong’o in Star Wars: Il risveglio della Forza, in cui veste i panni della saggia pirata spaziale Maz Kanata, ruolo che replicherà nel 2017 nell’ultimo film della saga, Star Wars: Gli ultimi Jedi.

Nel 2018 è stata protagonista del film Black Panther, diretto e co-scritto da Ryan Coogler e basato sul personaggio di Pantera Nera della Marvel Comics. In questo film la Nyong'o interpreta Nakia.

Getty

Alcune curiosità su Lupita Nyong’o

Nel 2014, è stata scelta come uno dei volti della campagna primavera del marchio Miu Miu, insieme a Elizabeth Olsen, Elle Fanning e Bella Heathcote.

Nel 2012, sua cugina, Isis Nyong'o, è stata nominata una delle donne più potenti in Africa dalla rivista Forbes mentre l’anno seguente suo padre Peter è stato eletto per rappresentare la contea di Kisumu, nel Senato del Kenya.

Attualmente Lupita risiede a Brooklyn, New York con il fratello minore, che è uno studente. Lupita parla correntemente spagnolo, luo, inglese e swahili.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Personaggi