Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Le 8 canzoni di Sanremo in assoluto più belle degli ultimi 10 anni

Da Il diario degli errori di Michele Bravi a Nessun grado di separazione di Francesca Michielin, passando per La canzone Mononota degli Elii e L'essenziale di Marco Mengoni, ecco quali sono, a nostro giudizio, gli 8 brani sanremesi più azzeccati delle ultime 10 edizioni

Gettyimages.com

Che cosa fate, voi, per ingannare l'attesa che ci separa dall'inizio di Sanremo 2018? Ebbene, noi parliamo di Sanremo. In modo maniacale? Sì. Ossessivo? Certo. E pure trasversale, perché se ci tenevamo tantissimo a condividere con voi la nostra passione per il a rapper Mudimbi, in gara tra i Giovani, in parallelo non potevamo certo trascurare un focus su i due co-conduttori che affiancheranno Claudio Baglioni sul palco dell'ariston. Ecco che, quindi, per le tante fan di Pierfrancesco Favino abbiamo pensato potesse essere gradito un pezzo-identikit sulla sua moglie pazzesca, giusto per spazzare via, che poi non ci si pensa più, ogni speranza di far breccia nel cuore dell'attore romano. Ma, dato che pur sempre di Festival della canzone italiana si parla, torniamo al cuore della faccenda, parlando di canzoni. Nello specifico delle 8 più belle canzoni sanremesi degli ultimi 10 anni, scelte, al solito, seguendo il più che democratico metro del nostro insindacabile giudizio.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
1 Marco Mengoni - L'essenziale
Getty Images

Marco Mengoni, che nonostante i quasi 10 anni di successi, è ancora giovanissimo (farà 30 anni quest'anno) e nell'ormai lontano 2013 riuscì nell'impresa di vincere un'edizione densa di talenti, con ossi particolarmente duri da battere come Malika Ayane e Modà. Lui, però, dalla sua ha sempre avuto la dote, comune a pochi in Italia, di saper far combaciare classe e modernità. La sua L'essenziale ha tutte le qualità di un classico della musica di casa nostra, e quindi non potevamo che partire con lei.


Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
2 Elio e le Storie Tese - La Canzone Mononota
Getty Images

Sempre dalla fortunata edizione del 2013,con come direttore artistico Fabio Fazio, non possiamo non mettere in lista anche La Canzone Mononota degli Elii, tutti in forma smagliante e destinati a una vittoria a mani basse, non avessero incontrato sul loro cammino il poco fa citato Mengoni. Si sono diruti accontentare del premio della critica, ma possono ancora rifarsi quest'anno, con il brano inedito Arrivedorci.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
3 Michele Bravi - Il diario degli errori
Getty Images

Gabbato da Gabbani, che ha trionfato sulla scorsa edizione con il tormentone Occidentali's Karma, Michele Bravi ha presentato un pezzo con caratteristiche poco sanremesi (nessun acuto, mood molto intimistico, misura invece di furbizia) ma che pian piano si è fatto strada nel cuore di molti. La sua Il diario degli errori è una perla di raffinatezza che ci piace sempre riascoltare. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
4 Francesco Michielin - Nessun grado di separazione
Getty Images

Francecsa Michielin, come e più di Marco Mengoni, è una che, nel più positivo dei significati, sul palco dimostra moltissimi anni in più della sua, tenera, età. Per nulla intimorita dal più osservato dei palchi italiani, nel 2016, solida come roccia, ha presentato Nessun grado di separazione, il pezzo più bello di quell'edizione vinta, invece, dagli Stadio, ma che ha comunque lanciato Franci verso un successo dal sapore via via sempre più internazionale. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
5 Arisa - La Notte
Getty Images

Senza dubbio la canzone più vibrante di Arisa è La Notte, inedito presentato a Sanremo 2012, e che, però, ha dovuto cedere il gradino più alto del podio a Non è l'inferno della collega ed amica Emma. Provate a dire quale dei due è diventato un classico, super coverizzato a ogni edizione di talent show?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
6 Max Gazzè - Il solito sesso
Getty Images

Basta leggere il titolo per iniziare a canticchiare quel "ma tu non pensare male adesso/ ancora il solito sesso". Eppure questa delizia di Max Gazzè targata 2008 non ha vinto il Festival traghettato (malamente) da Baudo e Chiambretti, preferendogli, invece, la coppia Lola Ponce e Giò Di Tonno, sparita subito dopo nell'Upside Down. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
7 Malika Ayane - Ricomincio da qui

Abbonata al Premio Mia Martini, Malika Ayane nel 2010 ha portato nel disordinato Festival condotto da Antonella Clerici uno suo tipico, bellissimo, difficilissimo pezzo che è Ricomincio da qui. In un Paese che fa vincere la gara a Valerio Scanu la vita è dura se si è Malika. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
8 Nek - Fatti avanti amore
Getty Images

Nel 2015 abbiamo tifato fortissimo per Nek, per il suo ritorno tutto cassa dritta e energia da vendere e, soprattutto, aspetto nemmeno vagamente intaccato dal passare degli anni, ma dato che non vinciamo quasi mai anche l'emiliano più amato dalle milf ha dovuto cedere il passo ai 3 tenorini de Il Volo. Ma questo certo non significa che il 2015 non sia, poi, stato l'anno di Nek. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito