8 cose che non sai di Dexter, il serial killer più sexy nella storia delle serie tv

Sono passati 12 anni dal suo debutto e continua a essere una serie di culto: Dexter è l'assassino che più ci è rimasto nel cuore, ma c'è ancora molto da scoprire

Ci ha incantato col suo - crudele - senso della giustizia, ci ha tenuto sulle spine col suo Passeggero Oscuro, ci ha fatto innamorare con le sue piccole insicurezze. Dexter Morgan è indubbiamente il serial killer più amato nel mondo delle serie tv. Ci sono 8 particolari sulla serie che ancora potreste non conoscere: ve li sveliamo noi

Via: Fotogramas

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Si ispira (liberamente) a una serie di romanzi

Era il 2004 quando la produttrice esecutiva Sara Colleton ha deciso di dare una possibilità alla curiosa storia raccontata nel romanzo Darkly Dreaming Dexter (in Italia è La mano sinistra di Dio) di Jeff Lindsay. Non lo aveva neanche letto, ma aveva dato un'occhiata alle recensioni. Ha così chiesto a James Manos Jr di trasformare quel romanzo nella puntata pilota del telefilm. Nel frattempo Lindsay ha pubblicato altri sette romanzi che hanno poco a che fare con la serie. Se vi piace il genere leggeteli, sono davvero engaging.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Un killer che non si ferma mai

I fan di Dexter si sono divertiti a contare il numero di vittime nel corso delle otto stagioni della serie. Hanno deciso di contare il numero di campioni di sangue che il protagonista conserva di nascosto: 117 vittime, per un totale di 45 campioni nella prima scatola poi distrutta, 43 nella seconda e 20 vittime dalle quali non ha preso un campione di sangue. Confrontando questi numero con quelli degli omicidi avvenuti a Miami durante gli anni in cui Dexter è andato in onda (2006-2013) scopriamo che il bel Morgan sarebbe responsabile di una percentuale compresa tra il 15 e il 20 per cento degli omicidi totali, con una media annua compresa tra 12 e 16 omicidi. Il Passeggero Oscuro è davvero instancabile!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Dexter e Debra sono stati sposati nella vita reale

Fratello (adottivo) e sorella nella serie, marito e moglie nella vita reale. Dopo tante ore di lavoro insieme sul set, tra Michael C. Hall e Jennifer Carpenter è scoppiato l'amore e si sono sposati nel capodanno del 2008. Un matrimonio intenso, ma breve: dopo due anni hanno divorziato. Curiosa la scelta degli sceneggiatori che hanno deciso di giocare coi due personaggi e, nonostante fossero fratellastri, farli innamorare anche sul set. A twisted story in tutto e per tutto.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Miami non è in realtà Miami

Non uno scioglilingua, ma un trucco della regia. Quella che sembra Miami è, in realtà, un mix tra riprese in esterni a Long Beach (California) e di interni in uno studio sulla Sunset Boulevard.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
F*ck! La parola preferita di Debra

Che Debra non sia proprio elegante e delicata come una principessina si era capito dalla sua prima apparizione. Forse è proprio quel suo essere così grezza e diretta e renderla simpatica. Usa diverse parolacce, ma la sua preferita è sicuramente fuck. I fan hanno deciso di contare quante volte la dice nel corso delle otto stagioni: 996 volte, con una media di più di 10 fuck per episodio. È anche quella che dice più parolacce per singola puntata. Come non adorarla?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Michael C. Hall non era la prima scelta

Vi immaginereste un Dexter diverso da quello interpretato da Michael? Abbiamo rischiato che succedesse. I produttori all'inizio volevano Jeremy Renner che in quel periodo stava iniziando a farsi un nome, ma aveva appena interpretato un altro serial killer nella biopic di Jeffrey Dahmer nel 2002. I produttori hanno quindi ripiegato su Matthew Broderick, James Spader, John Cusack e persino su Ben Stiller, ma hanno rifiutato tutti. OMG, ve lo immaginate Ben Stiller che fa a pezzi della gente? Non sarebbe stato credibile. Per fortuna hanno trovato la quadra con Michael C. Hall che all'inizio non era interessato al ruolo, ma poi ci ha ripensato - luckily enough.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Il Dexter Drinking Game è roba per professioniste

Dexter è una serie molto originale, ma anche molto ripetitiva. Long story short: ha introdotto elementi innovativi rispetto alle serie concorrenti, ma alcuni elementi della storia si ripetono troppo spesso. Così spesso che alcuni fan hanno creato l'inevitabile Dexter Drinking Game: devi bere un drink ogni volta che Dexter dice o fa qualcosa di ricorrente. Ad esempio ogni volta che uccide, che dice la parola "sangue", che parla con se stesso, che Masuka dice qualcosa di inappropriato, che Debra dice fuck e via dicendo. In pratica finite sbronze marce dopo una puntata.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Un finale molto discusso

Il finale di Dexter ha scatenato l'inferno. Per molti è il peggiore nella storia delle serie tv, per altri non è così orribile ma comunque è troppo deludente. Una parte di fan crede che la migliore conclusione sarebbe quella che vede Dexter arrestato, processato, incarcerato. In effetti gli sceneggiatori avevano in mente qualcosa di simile, prevedendo addirittura la pena di morte che sarebbe stata la liberazione finale di Dexter dai suoi stessi demoni. I dirigenti del canale Showtime si sono opposti: non avevano nessuna intenzione di uccidere il personaggio perché potrebbe tornare utile in un futuro. Resta aperta la possibilità che Dexter torni, chissà quando, per riprendere il discorso da dove lo aveva lasciato. Who knows.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Magazine