Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Migranti, perché l'Europa tace sul muro del Brennero

Un'epidemia di paura impedisce alla Ue e all'Italia di fermare l'Austria, che sta chiudendo la frontiera meridionale con il filo spinato

Getty Images

È troppo debole la protesta dell'Europa per il muro del Brennero. L'Austria lo sta costruendo a tempo di record, una barriera di reticolato per respingere i migranti sbarcati in Italia e diretti a nord. È un'offesa ai valori fondanti dell'Unione europea e un calcio nei denti al governo italiano. Eppure, da Roma la risposta è flebile. Il nostro continente sta esplodendo. A minacciarne il futuro, prima di ogni invasione migratoria, è un'epidemia di paura.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

I numeri non contano: hai voglia a spiegare che non esiste alcuna invasione (lo dice chiaramente l'Unhcr, agenzia dell'Onu) e che, alla peggio, ci troveremo nel 2016 con un milione di migranti da distribuire su un continente abitato da mezzo miliardo di persone. Hai voglia a ipotizzare che, in parecchi casi, i profughi di guerra saranno in futuro i pagatori delle nostre pensioni. Non intendo minimizzare i problemi: accogliere i rifugiati richiede organizzazione ferrea e rispetto delle leggi. Ma non c'è alternativa e i nostri governanti dovrebbero saperlo. Finché il Medio Oriente sarà squassato dalla guerra, la gente fuggirà verso l'Europa. Si possono almeno rimpatriare i migranti economici? Nella maggior parte dei casi no, dal momento che non esistono accordi con i Paesi di provenienza. I quali non vogliono riprenderseli perché contano sulle loro rimesse economiche. Ecco la ragione per cui servirebbero un ministero europeo unico per l'immigrazione e un piano di accordi economici internazionali, specie con i Paesi africani.

E torniamo al muro del Brennero. Vi pare possibile che questa strada – una cessione delle sovranità nazionali sui temi dell'accoglienza – possa essere percorsa se nel frattempo accettiamo che Vienna tiri su un filo spinato al confine con l'Italia? La risposta ovviamente è no. Se ci terremo senza fiatare quel muro osceno, la dissoluzione dell'Ue sarà quasi raggiunta. E, in fondo, anche meritata.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Firme