Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Kim Kardashian, il 2016 che anno difficile!

Dopo la rapina di Parigi la socialite californiana stava provando a ricostruire una vita normale, ma il marito si è fatto venire un attacco psicotico

Per Kim Kardashian il 2016 è stato l'anno più difficile
Getty Images

Cara Kim Kardashian,

anche il 2016 passerà.

È stato un anno disgraziato, e l'indispensabile accessorio di stagione è l'aria distrutta con cui si dichiara di non poterne più. E pure se hai motivi più validi di molte di noi, il concetto dei ricchi che piangono è credibile soltanto alla tv. Che ingiustizia.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

All'inizio di ottobre sei stata rapinata da certi ladri di Parigi che hanno portato via sacchetti di gioielli per sei milioni di euro, e soprattutto: l'instancabile sfrontatezza del tuo esibizionismo. «Il mio primo pensiero è stato: è la fine di un sogno», ha detto un paparazzo francese a nome della categoria.

This guy is always in my shot!

A post shared by Kim Kardashian West (@kimkardashian) on

L'indagine sul caso – o come lo chiami tu: «Un'esperienza di pre-morte» – è ancora aperta, ma intrepida la settimana scorsa avevi cominciato a ricostruire una qual normalità, in aereo verso il primo impegno ufficiale, quando Kanye si è fatto venire una crisi di nervi. I mariti sono così: se si sentono usurpati del loro diritto al lamento – «Mi sono alzata alle sei, sono andata a farmi cavare un dente, mi hanno scippato all'ingresso della metropolitana, sono tornata a piedi sotto il diluvio, e tu sei stanco?» – i poverini danno di matto.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Kanye ha fatto le cose in grande: ha pubblicamente insultato Beyoncé, ha interrotto quel che rimaneva del suo tour mondiale, ha dichiarato di sentirsi «sotto attacco spirituale», ed è stato portato in manette all'ospedale di Los Angeles. Esaurimento, si dice in questi casi. Oppure: mancanza cronica di sonno. Ma c'è chi sostiene fosse abituato a confidare nel tuo senso della realtà e, quando hai avuto gli affari tuoi di cui occuparti, lui è andato in pezzi. Vorrai mica che un maschio adulto sappia badare a se stesso.

💥📸💥

A post shared by Kim Kardashian West (@kimkardashian) on

Forse l'universo sta cercando di dirti qualcosa, Kim. Vedi, io ero come te. Certo: più povera, ma l'ingordigia è solo marginalmente funzione del patrimonio. Io compravo pantaloni a mazzi di cinque da Zara, tu dozzine di abiti da Balmain, ma alla fine abbiamo entrambe più roba di quanta se ne possa indossare. Poi io sono cambiata. È successo quando in aeroporto mi hanno perso il bagaglio, e ho vissuto dieci giorni in mezzo al nulla dotata solo di: un paio di pantaloni; quattro magliette; due golfini. Sembravo una di quelle invasate che fanno le prove di forza col guardaroba, ma sono sopravvissuta. E ho maturato una consapevolezza ascetica: eliminare gratifica più di accumulare.

Il 2016 sta per finire (grazie al cielo, sono distrutta) e bisogna fare propositi per l'anno nuovo. Primo: bandire il superfluo. Non temere, puoi tenere tutti i tuoi vestiti. Ma per cortesia, butta quel marito.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Firme