Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Sasha Obama, figlia di femminista

In vacanza a Martha's Vineyard, la figlia del presidente arrotonda come una normale ragazza ricca: sono le pari opportunità

La figlia del presidente uscente degli Stati Uniti Barack Obama lavora in un ristorante come una ragazza qualunque: anche queste sono pari opportunità.
Getty Images

Cara Sasha,

è quasi finita. Ancora pochi mesi, e poi papà sarà il presidente più rimpianto dai femminili di tutto il mondo – a cantare l'inno nazionale il giorno del secondo insediamento chiamò Beyoncé: come potrà mai andare meglio di così? – e tu avrai finalmente il diritto di vivere come una qualunque quindicenne figlia di miliardari democratici. Che non è facile, mi rendo conto, ma quantomeno nessuno reputerà ancora opportuno fotografarti in pantaloni beige mentre lavori in un ristorante di Martha's Vineyard.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Boston Herald
Questa del lavoretto estivo è una fissazione dei genitori ricchi di sinistra: come se sparecchiare nel locale di certi amici al mare, aiutata da sei guardie del corpo, in orari di bassa affluenza, potesse somigliare anche lontanamente a un lavoro vero. La responsabilità più delicata che hai imparato ad assumerti, in quella settimana (scarsa) da cameriera, è stata di tenere sempre in testa il cappello aziendale con visiera. Peraltro orrendo. Poi sull'isola è arrivato anche il resto della famiglia – mamma e papà dalla campagna elettorale, quella gran culo di Malia dai prati del Lollapalooza – e la vacanza è potuta cominciare.

Getty Images

Prima di partire, però, tuo padre l'infaticabile ha lasciato al mondo un messaggio su cui riflettere – come compito per le vacanze – sotto forma di editoriale breve per quindicenni che comprano Glamour (così non hai manco la scusa di non averlo letto perché dovevi lavorare). «Le persone più importanti della mia vita sono state donne», ha scritto lì per cominciare. Èd è stato allora che mi sei venuta in mente tu.

Dopo nonna Ann buonanima, che faceva la ragazza madre e l'antropologa quando le femmine erano al massimo mogli di carriera; dopo mamma Michelle, che ha reso quello della first lady un mestiere allettante anche per un marito; e dopo la solita Malia, che l'anno scorso era sul set con Lena Dunham e il prossimo andrà ad Harvard come papà; tu servi gamberi freschi fritti alla fermata dello yacht. Ci vuole coraggio a fare la secondogenita.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ma lui vuole bene a tutt'e due, ci mancherebbe. A un certo punto scrive: «È importante per le mie figlie avere modelli di riferimento in posizioni di vertice, qualunque sia il campo che scelgono» – "qualunque", capisci? – «Ed è cruciale che il loro papà sia femminista, perché questo adesso è quello che si aspettano da tutti i maschi». Non importa cosa tu decida di diventare, Sasha. Lui ha sbucciato le tue mele.

Getty Images

Nel mio piccolo, ho un padre anch'io. A casa era lui che sbucciava la frutta, per me e le mie sorelle. Pertanto, quando ho incontrato mio marito, ho messo in chiaro: «Va bene la parità, ma alla frutta ci pensi tu». Ha protestato, sbuffato, rivendicato. Ma è stato quando ha cominciato a occuparsi di frutta per le sue figlie che ha capito. Lui non sbuccia le mele: stabilisce uno standard.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Firme