Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Rupert Everett, intervista al più pettegolo

Intervistato dal Sunday Times, l'attore ha sparlato di tutti: da Caitlyn Jenner alla ex migliore amica Madonna

In un'intervista al Sunday Times, l'attore inglese ha parlato male di tutti: da Madonna a Caitlyn Jenner
Getty Images

In un'imperdibile intervista al Sunday Times, Rupert Everett ha completato la sua metamorfosi: da archetipo di favoloso amico gay a contessa vedova di Grantham, la vecchia nobile che tiene insieme tradizioni e malelingue in Downton Abbey

Come Lady Violet, Everett ha una parola spietata per ognuno. A partire da Caitlyn Jenner, che l'anno scorso è diventata donna – nasceva Bruce, patrigno di Kardashian – ma «povera cara, non aveva la minima idea di cosa comportasse essere transessuale. Quando ha scoperto che sono tutte drogate o prostitute, è inorridita». 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Come Lady Violet, Everett ha vissuto abbastanza da avere un aneddoto personale a supporto di qualunque teoria: dai sei ai 14 anni si è vestito da ragazza «ma all'epoca era diverso: fosse successo oggi avrei iniziato subito con gli ormoni, invece a 15 anni già non mi interessava più». 

Come Lady Violet, Everett non sa tenere un segreto: per vent'anni amico del cuore di Madonna – «le grandi dive ti succhiano tutta l'energia» – ha scritto di lei nell'autobiografia Bucce di banana che sembrava un Picasso, si comportava da barista lagnosa, e masturbava Sean Penn nei ristoranti. Lei si è infuriata e non gli ha parlato più, lui ora empatizza con le ribellioni del figlio Rocco: vivere con Madonna «presenta le sue difficoltà». 

Ma proprio come come a Lady Violet in Downton Abbey, a Rupert Everett dovrebbero essere concesse solo poche battute a settimana. Per darci il tempo di metabolizzarle, e riciclarle con adeguato sopracciglio in società.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Firme