Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Gisele Bündchen, è così che si annichilisce un maschio

Al summit sull'ambiente dell'Onu, la modella ha mandato un messaggio a Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io

Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Getty Images

Cara Gisele Bündchen, è così che si fanno funzionare i matrimoni.

La settimana scorsa Anthony Scaramucci – te lo ricordi Scaramucci? È stato il responsabile della comunicazione di Trump alla Casa Bianca per circa venti minuti, improvvisamente l'estate scorsa, durante i quali è riuscito a farsi lasciare dalla moglie incinta e a mancare il conseguente parto, limitandosi a un sms di compìta insolenza: «Pregherò per nostro figlio», ciò nondimeno – si è sentito legittimato a commentare il vostro ménage. È un po' come se io, tra un'abbuffata e l'altra, mi prendessi il disturbo di consigliarti una detox.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

E tuttavia: Scaramucci dice che lo scorso aprile non hai mandato quel tuo marito Tom eroe della patria – almeno: di quella che gioca a football – all'incontro col presidente Trump perché intendevi marcare il territorio: sei un tipo possessivo, e non volevi dargli l'occasione di rinnovare la familiarità con Ivanka. La quale insinuazione sottintende la concomitanza di due fenomeni lunari: che ai tempi di Whatsapp un milionario di buon senso aspetti la cena ufficiale alla Casa Bianca per fare il cascamorto con la (presunta) ex; e che tu – Gisele! – sia l'inerte e irascibile oggetto di passioni terrene.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ma non ti ha mai visto, questo, fare yoga sulla piramide di Teotihuacan? Non ha mai letto la tua lista della spesa? «L'80% di quello che preparo è vegetale», ha notoriamente detto il tuo cuoco domestico, «biologico e integrale». Per il resto: pollo felice, salmone selvaggio, merende a base di spirulina disidratata (allo scopo in cucina tenete tre essiccatori, perché non si sa mai: metti che all'improvviso ti viene voglia di alga secca, mica puoi rischiare di trovarlo rotto o – peggio – sporco di fruttosio). A volte penso sia uno spreco, il patrimonio genetico che ti porti addosso: con un regime del genere potrebbe fare la modella persino Scaramucci.

Non sei abbastanza materiale per essere gelosa (e certo non di Ivanka: volenterosa replicante da grande magazzino). Volevi solo stabilire un principio politico – mi è stato chiaro quando ti sei presentata all'assemblea delle Nazioni Unite, a New York, per partecipare al summit sull'ambiente (e contestualmente ridurre Emmanuel Macron a scolaretto in brodo di giuggiole: la sua condizione naturale). E no, il principio non è che voi Brady-Bündchen non siete trumpisti: sai che ti frega. Piuttosto: che un giovanotto che di mestiere corre forte e lancia la palla, e in moglie ha preso la più bella del reame, può pure provare ad accontentarsi: non serve si occupi di attualità. Al tavolo dei grandi siedi tu.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Firme