Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Francesco Totti lascia la Roma: «Ora ho paura»

Dopo 25 anni in serie A, Totti lascia la Roma: è la nostra generazione che è diventata grande

Il 28 maggio 2017 Francesco Totti ha concluso i suoi 25 anni di carriera nella Roma, ecco perché il suo discorso sincero ha commosso tutti.
Getty Images

Fossi cinica, a sentire Francesco Totti – quarant'anni suonati – che si lamenta perché «il tempo mi ha bussato sulle spalle e mi ha detto "domani sarai grande", lèvati gli scarpini perché da oggi sei un uomo» scuoterei la testa e sbufferei: era pure ora. Ma il sublime è il ridicolo quando diventa eterno: Totti frignava in mezzo al prato dell'Olimpico mentre camminava scavalcando Isabel – terzogenita col ciuccio, unica ignara – e leggeva la lettera che aveva scritto con Ilary per trovare il modo di salutare, di riverire e di ringraziare Roma, la Roma, la curva, la storia. La storia, la curva, Roma e la Roma frignavano più forte: non esiste un modo indolore di sentirsi più vecchi. E allora lui l'ha detto, ché mica diventi Totti se non sei sincero ai limiti dell'indecenza (al massimo: diventi Beckham): «Spegnere la luce non è facile, adesso ho paura». Pure noi, France'. E chi se ne frega se non è elegante, se Grazie Roma di Venditti è troppo facile, se «io di calcio proprio non mi occupo, vuoi mettere il badminton»: è stato tanto bello, ho pianto tanto.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Firme