Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Ai terremotati servono soluzioni, non polemiche

Dal 24 agosto, sono arrivate 54 mila scosse, poi la neve e il crollo dell'hotel: l'Italia, ad alto rischio sismico, combatte da sempre con i sussulti della terra, ma ancora è impreparata a prevenire e gestire l'emergenza

Getty Images

Trovarsi in una situazione di pericolo, come quando c'è un terremoto, e non riuscire a muoversi. A volte capita in sogno ed è terribile. Soprattutto se si verifica in quello strano stato di confine tra la veglia e il sonno, in cui la mente è vigile e il corpo incapace di rispondere ai comandi: tutto è immobile e pietrificato come sotto incantesimo. Paralisi notturna, la chiamano. Chi l'ha provata dice che è un'esperienza spaventosa. Volere alzarsi, scappare e non riuscire.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

La terra ha tremato e poi è arrivata la neve

Per la gente di Montereale (Aq), epicentro dell'ultima potente scossa sismica, e degli altri comuni limitrofi appoggiati come tazzine sulla faglia maledetta che da agosto fa ballare il Centro Italia, non era un sogno. Quando la terra ha tremato – quattro scosse sismiche di magnitudo tra 5.1 e 5.4 – l'istinto di fuggire è stato forte, ma è stato bloccato dalla neve. Il mondo crollava sopra le loro teste, col solito tintinnio di vetri e ninnoli e grida scomposte e pianti e silenzio di piombo, e fuori un muro bianco di ghiaccio impediva di correre altrove, lontano dalle cose che si squartano e si sbriciolano, per mettersi in salvo.

I soccorritori scavavano con le pale e con le mani

Imprigionati dalla neve. Mentre una slavina si portava via un albergo a Farindola, sul Gran Sasso - 24 morti, 11 sopravvissuti e 5 dispersi al momento in cui scrivo - mentre i primi soccorritori, arrivati nel cuore della notte con gli sci, scavavano con le pale e con le mani dicendo a bassa voce «Ci sono, resisti, non morire» a chi era seppellito in quel perimetro di gelo e di macerie; mentre crollava ad Amatrice il campanile rimasto indenne dal tagadà di agosto e di ottobre, e peggiorava la conta delle vittime e si accresceva il numero degli sfollati accolti nei palazzetti dello sport e negli edifici comunali messi a disposizione dai sindaci, sgomenti e impotenti di fronte a quella che definivano una «situazione apocalittica».

L'Italia è il Paese geologicamente più attivo del Mediterraneo

45.000 scosse dal 24 agosto a oggi. Gli scienziati dell'Istituto di geofisica sostengono che una successione così ravvicinata non si era mai verificata prima. Poi ci si è messa la bufera: tre giorni ininterrotti di vento e neve che hanno inghiottito in poche ore le case e i campi ad alta quota sotto una coltre di 40 cm. I vecchi del posto dicono che era da almeno 30 anni che non si vedeva una nevicata così. Ma in quelle località il meteo è infido da sempre. E anche la terra che sta sotto. L'Italia è il Paese geologicamente più attivo del Mediterraneo. È dall'inizio della nostra storia che combattiamo con i sussulti della crosta terrestre e ancora abbiamo imparato poco o niente. Non tanto e non solo sulla capacità di gestire un'emergenza. Ma sull'incapacità di sentirsi, almeno nella disgrazia, vicini e solidali. La Commissione grandi rischi adesso segnala un altro fronte di allarme a Campotosto, secondo lago artificiale d'Europa, a 20 chilometri da Amatrice, dove tre dighe poggiano sopra la faglia parzialmente riattivata. Non è il momento delle polemiche, ma delle soluzioni. Rapide, ragionate e senza tante chiacchiere. Come le mani di chi ha strappato alle fauci della neve le vite intrappolate nell'hotel.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Firme