Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Milano Zucchero e Catrame, le prime cose che ho capito

Quando qualcuno decide di andare a vivere in un'altra città lo fa anche per le piccole cose. Succede solo a me?

matteo-maffucci-casetta-book-crossing-milano
Matteo Maffucci

Canzone per leggere l'umore: Agnes dei Glass Animals.

Cose che ho capito durante questa mia seconda settimana a Milano:

  • La raccolta differenziata dei rifiuti una cosa seria: c'è chi controlla e chi ti punisce se fai sciocchezze. Benvenuto nel mondo degli adulti.
  • Ho scoperto che il concetto di "distanze" a Milano è decisamente diverso da quello di Roma. Ciò che qui è "lontanissimo" per me è sempre stato "sotto casa".
  • Il cornetto, anzi brioche, non è "semplice", ma "vuota". Sento che questa differenza fra un po' di tempo mi farà capire tante altre cose.
  • Le bici fighe (oddio, già uso la "g" al posto della "c"...) le rubano tanto quanto a Roma. Forse anche di più.
  • C'è il tramonto. A volte.
  • "Se prega de rump i ball el men pusibil" l'ho visto su una targa appesa al muro nel laboratorio di Stefano Puzzo, a via Guerzoni, che realizza opere in ceramica meravigliose. Dovrebbe essere obbligatoria in tutte le città.
    Pubblicità - Continua a leggere di seguito

    Matteo Maffucci

    Bene. Ci sono. Non ho dubbi. Sto per fare qualcosa che da romano ormai adulto non avrei mai pensato di compiere. Prendo il tram. Il mio primo tram. A Roma una volta erano ovunque, e tutti o quasi li usavano, ma ero troppo piccolo. Oggi tocca a me. A Milano.

    Il 9 si ferma, io salgo, mostro il biglietto comprato con il telefono e parto. BOOM!

    Matteo Maffucci
    Mi guardo intorno e provo un sottile e inedito piacere. Quello delle cose semplici, facili, potenti. Quando qualcuno decide di andare a vivere in un'altra città lo fa anche per queste piccole cose. Succede solo a me?

    Accanto a me due ragazzi ascoltano musica dividendosi la cuffietta, una signora seduta si perde a guardare fuori le macchine che ci "accompagnano", e tanti uomini incravattati con zainetto e telefono in mano impegnati a parlare, scrivere e twittare come nei film in cui i manager comprano e vendono anche l'anima. Potrei essere a San Francisco e invece sono a Via Monte Nero.

    Quand'è che mi sentirò anche io parte di questa "scenografia"?

    Per ora ho voglia di correre, viaggiare e rubare - come molti di voi mi hanno consigliato - tempo al tempo. Così, per perdermi. A Roma non lo farei mai, mi sentirei uno scemo. Qui è diverso, ricomincio a guardare in alto, a leggere i nomi delle vie e dei ristoranti, a scoprire ville e parchi, a prendere metro e tram, a camminare, andare a fare un giro in bici e poi da capo.

    Il mio amico Alessandro pensa che l'unico modo che esiste per fare il figo con le donne è di dimostrare di tenere una città in pugno.

    Mi spiego: l'uomo che sa dove parcheggiare, mangiare, divertirsi o nascondersi, ma anche dove andare in palestra, comprare vestiti vintage e sentire musica dal vivo, è un uomo incredibilmente raro. Io questa abilità non l'ho mai avuta. Troppo distratto.

    Pubblicità - Continua a leggere di seguito

    Ma poi, succede, che giri l'angolo per tornare a casa e trovi una piccola casetta di ferro.

    Mi avvicino, sembra una gabbia per pappagalli, invece è " soltanto" piena di libri.

    Matteo Maffucci

    È un "book crossing"(c'è anche una pagina FB). Prendi un libro e ne lasci un altro, così, per la comunità. Ne sento parlare da anni, ma non l'avevo mai vista prima.

    Ecco la mia prima azione "importante" da neo residente a Milano: torno a casa, prendo L'amore dura tre anni di Frederic Breigbeder e corro a scambiarlo con un classicone, mai letto, come I Pilastri della terra di Ken Follett. Alé! Sono soddisfatto. Inizio a partecipare anche io.

    Maurizio Zorat
    Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

    Pubblicità - Continua a leggere di seguito
    Altri da Firme