Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Johnny Depp e Amber Heard, un divorzio (finanziariamente) memorabile

La fine del loro matrimonio è come come una si immagina siano fatti i divorzi hollywoodiani: clamorosamente inconciliabili

Getty Images

È come una si immagina siano fatti i divorzi hollywoodiani in assenza di Gwyneth Paltrow: clamorosamente inconciliabili. A fine maggio, Amber Heard accompagnò all'istanza di separazione da Johnny Depp una colorita denuncia di violenze domestiche con minaccia di filmini. Il giudice concesse un provvedimento restrittivo, e fissò la deposizione all'inizio di agosto. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Dice lui: dopo infiniti tentativi di trovare un accordo economico, il giorno convenuto Heard si è presentata con quasi due ore di ritardo, e ha strillato che non voleva rispondere alle domande. Dice lei: dopo gli infiniti tentativi di Depp di evitare il confronto giurato, quella mattina lei si è presentata in orario, ed è rimasta fino a sera ad aspettare che gli avvocati si degnassero di interrogarla. Comunque: niente. 

C'è voluta un'altra settimana per farla parlare, e non sapremo mai cosa ha detto. Perché prima è comparso un video di Johnny ubriaco che sbatte alcuni sportelli; poi certe foto di lui che con un dito sanguinolento sporco di vernice blu scrive su uno specchio che Amber è una ragazza facile. Abbastanza sgradevole – ancorché non criminale – da rendere necessario un investimento in privacy. Così, alla vigilia del processo, le parti hanno trovato un accordo. 

Dice lei: nessuno si è fatto male. Dice lui: nessuna voleva guadagnarci dei soldi. Dicono entrambi: è stata una grande passione, giusto un po' irascibile. Costo dell'operazione: 7 milioni di dollari (ma lei li ha dati tutti in beneficenza, dice). È come una si immagina siano fatti i divorzi hollywoodiani in presenza di avvocati: finanziariamente memorabili.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Firme