Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Se Melania Trump copia il discorso di Michelle Obama

Nel suo discorso al congresso del partito repubblicano la moglie di Trump ha usato frasi identiche alla Obama, ma il testo era prima ancora dell'autrice di Hillary Clinton: forse vuole essere come lei, commenta Guia Soncini

Getty Images

Questa è la storia di Meredith e Melania e Michelle, che modernizzarono la candidatura Trump rendendola un affare di donne. Al congresso democratico del 2008, l'aspirante first lady Michelle fece un discorso in cui parlava dei valori degli Obama (lavoro duro, rispetto della parola data) e di quello che insegnavano alle figlie. Dal suo discorso al congresso repubblicano della scorsa settimana, abbiamo appreso che Melania Trump ha gli stessi valori e la stessa sintassi: non ha solo detto le stesse cose, le ha dette con frasi identiche. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Mentre i programmi comici americani banchettavano con quell'insperato dono (non solo la moglie di Trump copia un discorso, ma lo copia dalla first lady che Trump più dice di odiare), i dirigenti repubblicani si dividevano in: chi diceva che non era affatto copiato, e se dite di sì è perché siete clintoniani; chi diceva che bisognava licenziare l'autore del discorso; e persino uno che, tutto serio, sosteneva che, se Melania aveva copiato Michelle, allora Michelle aveva copiato Mio Minipony, giacché quella cosa del lavorare duro per i propri sogni lui l'aveva sentita lì. 

Finché è arrivato il sacrificio di Meredith McIver, oscura collaboratrice: s'era appuntata delle frasi di Michelle che Melania (che la ammira tanto!) le aveva declamato, e poi le ha usate uguali spiccicate e insomma è colpa sua (ci ha però rassicurato: i Trump non l'avrebbero licenziata). 

Non ha invece detto niente la vera plagiata, che non è Michelle ma Sarah Hurwitz. Quello fu il primo discorso che scrisse per Michelle: per tutte le primarie, Sarah era stata l'autrice di Hillary. Se fino a un attimo prima hai lavorato per la Clinton, il tuo sarà un discorso un po' clintoniano. Se otto anni dopo lo copiano, vuol dire che i Trump non ce l'hanno con Hillary, anzi: vorrebbero essere lei.  

Pubblicità - Continua a leggere di seguito