Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

San Sebastián: sulla cresta dell'onda nei Paesi Baschi

La Capitale europea della cultura 2016 non è solo un paradiso per surfisti, ma anche una fucina di tendenze: dall'architettura al cibo gourmand

Getty Images

Solare, dinamica e molto cool: San Sebastián (sansebastianturismo.com), perla iberica della costa basca e Capitale europea della cultura 2016, è una destinazione di tendenza che ha tanto da offrire: mare, sole, spiagge, movida, ma anche storia e cultura.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
L'Isla Santa Clara
Getty Images

Distesa tra fiume e mare, circondata da verdi alture che la chiudono in una sorta di abbraccio immaginario, la città è impreziosita dalla mole pittoresca di Isla Santa Clara (nella foto), un'isola con tanto di faro e una breve, deliziosa spiaggia «a scomparsa» (a discrezione delle maree del Mar Cantabrico), che domina Bahía de la concha, ovvero la baia della conchiglia: una lunga lingua di sabbia bianca in pieno centro città.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
La Bahía de la concha
Getty Images

La Bahía de la concha è costeggiata da un paseo, il viale panoramico sopraelevato che si distende per un chilometro e mezzo dal Municipio fino al Pico del loro, il becco del pappagallo. È questa l'altura sulla quale si erge il Palacio de miramar, costruito sul finire dell'800 per la casa reale, che annuncia l'inizio di un'altra bellissima spiaggia: Playa de Ondarreta, meta prediletta da bagnanti e sportivi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
I pintxos, tipiche golosità basche
Matteo Carassale

Alle spalle di Playa de Ondarreta c'è il quartiere di Antiguo, affollato di bar e taverne dove gustare i tipici aperitivi locali – i pintxos (detti anche pinchos), capolavori di finger food assimilabili alle tapas spagnole, ma molto più elaborati, fantasiosi e vari – nonché di ristoranti, dove va in scena la miglior gastronomia basca.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
La Playa de la Zurriola
Matteo Carassale

Il surf è invece di casa a Playa de la Zurriola (nella foto), paradiso dei patiti della tavola e dei giovani in genere. Schiaffeggiata da alte onde, "Zurri" (come la chiamano i locali) è delimitata da un lato dalle geometrie moderne del Kuursaal, centro congressi e auditorium firmato dall'architetto Rafael Moneo, e dal Monte Urgull dall'altro.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Il pettine del vento
Getty Images

Una piacevole passeggiata di sei chilometri parte dai cubi futuristi di Moneo, sorpassa l'Urgull e prosegue lungo il Paseo nuevo per concludersi presso il Peine del viento (il pettine del vento, nella foto), scultura-simbolo della baia realizzata da Eduardo Chillida.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Il centro storico
Getty Images

Là dove finisce la sabbia, a San Sebastián cominciano le pietre antiche. La città vecchia, fortificata fino al 1863, si sviluppa attorno alla Plaza de la Constitución, orlata di portici e balconi asserviti al suo antico ruolo di arena da corride.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
In giro per chiese
Getty Images

Tra le vestigia antiche vi sono anche monumenti religiosi solenni, come la gotica chiesa di San Vicente (nella foto), la barocca basilica di Santa María del coro e la svettante cattedrale del Buen Pastor.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Il Museo San Telmo
Getty Images

Prima di lasciare la città vecchia per inchinarsi allo skyline moderno, è doverosa una visita al Museo San Telmo, ospitato in un convento dominicano del XVI secolo, con collezioni archeologiche e reperti storici baschi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
La parte moderna della città
Getty Images

Al volto contemporaneo e moderno di San Sebastián, invece, contribuiscono, oltre al già citato Kursaal (nella foto), capolavori come la scultura Construcción vacia (ovvero la costruzione vuota) di Jorge Oteiza, la minimalista parrocchia di Iesu (sempre firmata da Rafael Moneo), la sede del Centro culinario basco, che attira aspiranti chef da tutto il mondo ed è ospitato in un edificio avveniristico che ricorda una pila di piatti (bculinary.com/en/home), il ponte Mundaiz che scavalca il fiume Urumea senza sostegni e il ponte lineare Lehendakari Aguirre, inaugurato nel 2010: l'ideale punto di raccordo tra passato e futuro.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
I tesori del Monte Igueldo
Getty Images

In una giornata tersa, programmate un'escursione al Monte Igueldo, approfittando della storica funicolare (monteigueldo.es): vi aspettano panorami da urlo sulla baia e sulla città, un parco giochi vintage con attrazioni per i più piccoli, spazi verdi e ristoranti tipici. A fare da sentinella sull'altura, il settecentesco Torreón de Igueldo, un tempo faro e oggi osservatorio panoramico. Speculare, all'orizzonte, il torrione del medievale Castillo de la Mota (nella foto), fortezza sulla collina "gemella" Urgull, baluardo del passato militare di San Sebastián e sede del museo Casa de la historia.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi