Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Salento, guida alla vacanza perfetta

Mare bellissimo come alle Maldive, gastronomia gourmand, gente cordiale, arte, storia: ecco dove andare per godere il meglio del «tacco d'Italia», una delle mete italiane più trendy

Getty Images

Fantastico Salento! Peccato che ormai lo sappiano in tanti. Così, soprattutto in piena estate, c'è il rischio che una vacanza da queste parti si trasformi in un bagno di folla invece che di mare. La soluzione? Prenotare nei posti «giusti», come quelli che trovate sotto. Oppure partire a fine stagione (nel «tacco d'Italia» si fanno i bagni fino a ottobre inoltrato), quando il clima è può dolce, l'acqua pulita e le spiagge a disposizione degli ultimi turisti. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Nelle terre del Primitivo 

Una tazza di tè, per non sentire i rumori del mondo, dicevano gli antichi saggi cinesi. Alla Masseria Potenti di Manduria, a sud di Taranto, al posto del tè ci sono i mazzi di lavanda seccati al sole, i fichi con le mandorle e l'olio sul pane. 

courtesy Masseria Potenti

Ma l'effetto di pace è lo stesso: 14 suite a prova di privacy, una grande piscina a sfioro fra i cespugli odorosi, un "angolo dei sapori" con prodotti artigianali. E niente spa, perché la masseria di suo è già un'area benessere, coi suoi dintorni incontaminati, la genuinità dei cibi e i corsi di yoga all'aperto (www.tenutapotenti.it). 

Spiagge più belle che ai Tropici

Getty Images

Sulla costa ci sono stabilimenti con spiagge bellissime, come l'esotico Samanà a Punta prosciutto (www.samanaportocesareo.it). Ma il vero lusso è passeggiare sulle vicine spiagge libere della Salina dei Monaci, 30 ettari di riserva naturale dove si estraeva il sale (www.litoraletarantino. it), ammirando il volo di fenicotteri rosa fra dune bianche e canali dimenticati. 

Un tuffo nella storia

Taranto, la città dei due mari, e il gioiello barocco di Nardò. Senza dimenticare due "perle" poco note: il piccolo centro di Oria (nella foto), con il bellissimo castello medievale, e Manduria, un concentrato di fascino grazie al centro storico, il ghetto ebraico e la triplice cerchia di mura, parte dell'importante Parco archeologico delle mura messapiche (www.parcomuramessapiche.it).

Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Dove gustare il Primitivo, ottimo vino locale

Vivamente consigliato un giro fra vigne e cantine, per scoprire la magia del Primitivo, rosso raffinatissimo, tipico della zona. Si va dalla Cantina dei produttori di Manduria (www.cpvini.it) alla splendida Masseria Altemura (Torre S.Susanna, www.masseriaaltemura. it), all'Accademia dei Racemi (Manduria, www.racemi.it), fino alla Tenuta Emèra (www. magistravini.it), parte di un circuito di ricerca di vini autoctoni che si espande fino alla Campania.  

courtesy Tenuta Emèra

Nella vecchia fattoria

Getty Images
 Amate l'autenticità della campagna? La masseria Prosperi, a nord di Otranto (nella foto),  è il posto per voi. Essenziale e raffinatissima, è una mini fattoria di sei camere, in mezzo a campi dove razzolano cavalli, asini, caprette e oche. Può essere interamente affittata sia d'estate sia d'inverno grazie a pavimenti riscaldati e camini (www.masseriaprosperi.it).

courtesy Lido Tropea
 La proprietà ha una grande piscina immersa nel verde, ma è vicinissima ai lidi marini dell'Oasi naturalistica dei laghi Alimini. Qui si può girare in bici o a cavallo, fra acque dolci e safra vigne e cantine o sostare in comodi stabilimenti balneari, come I due mori (www.iduemori.it) e il lido Tropea (www.lidotropea. it). 

Otranto e dintorni

Un must del Salento è la splendida cittadina di Otranto, con il maestoso Castello aragonese e il preziosissimo mosaico pavimentale della Cattedrale di Santa Maria Annunziata. Da qui, si prosegue verso Santa Maria di Leuca (nella foto), lungo l'incantevole costa, passando per Porto Badisco, Santa Cesarea Terme, Castro.

Getty Images

 Valgono una deviazione, all'interno, l'Orto botanico della Cutura, dove le piante grasse sembrano sculture (Strada provinciale Palmariggi/ Giuggianello, www.lacutura.it), o il Parco dei guerrieri di Vasta, nel Comune di Poggiardo, con la vista a perdita d'occhio sui resti di un'antica città messapica. 

Tradizioni antiche

courtesy laboratorio Arteggiate

Fate una sosta per dare un'occhiata all'artigianato locale: per esempio, il laboratorio Arteggiate a Uggiano, dove si può acquistare una versione personalizzata delle famose massaie di terracotta (nella foto sopra, www.massaiasalentina.altervista.org).

courtesy Le Costantine

Un altro posto sicuramente interessante è la Fondazione Le Costantine di Casamassella, ente di formazione professionale femminile di tessitura (sopra): in vendita, sciarpe, biancheria raffinatissima e tappeti, realizzati con telai antichi e tecniche che si tramandano da generazioni (www.lecostantine.eu). Infine, a Scorrano si trovano le raffinatissime terrecotte di Lucia Mancini (su appuntamento, www.locra.it). 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

L'albergo diffuso 

"Rifugio" tranquillo, ma anche base strategica per visitare l'estremità orientale d'Italia: I Mulicchi di Specchia è un albergo diffuso su quattro ettari di terreno, che si sviluppa su otto pajere (tipiche costruzioni in pietra), fra mandorli, fichi e ulivi.

courtesy I Mulicchi

Le stanze sono in tutto 14, l'atmosfera è country chic e c'è anche una piscina fra gli alberi. In più, mini corsi di pizzica, la travolgente musica/danza locale che libera il corpo e la mente (www.imulicchi.it). 

Le soste per nuotate indimenticabili

Da non perdere Il giro della costa: dalle spiagge da sogno dello Ionio alle scogliere a strapiombo del Canale d'Otranto, passando per S.Maria di Leuca, il tacco d'Italia.

Getty Images

Vale una sosta il borgo marinaro di Tricase Porto (nella foto): vista incantevole, piccolo museo di imbarcazioni tradizionali e arte marinaresca all'interno della torretta del porto, attività marine (anche giornaliere, www.magnagreciamare. it), ottima cucina all'ittiturismo Anime sante, gestito da pescatori (cell. 339/7984291).

courtesy Lido Pineta

Per riposare il corpo e la mente ci vuole una giornata nello stabilimento eco-friendly Lido Pineta di Torre S.Giovanni (sopra), uno dei punti più belli della costa ionica (www.lidopineta.it). Da non perdere, anche i numerosi bici tour organizzati dallo studio ambientale Avanguardia, attivo in tutto il Salento (www.avanguardie.net).  

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Splendore nel verde

ll Naturalis bio resort di Martano, borgo contadino del XVIII secolo restaurato con amore da Marinella e Domenico Scordari, è un paradiso d'erbe e profumi. In tutto nove suite, arredate con tessuti artigianali.  

courtesy Naturalis Bio resort

Intorno, oltre a vigneti di Negroamaro e Malvasia nera, una bella piscina e le coltivazioni di piante officinali e aloe vera da cui nascono le creazioni di N&B, l'azienda di prodotti naturali beauty/health care della stessa proprietà. Immancabile la spa, ospitata fra le mura dell'antica cisterna (www.naturalisbioresort.com). 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi