Il Carnevale di Sciacca in Sicilia è uno spettacolo imperdibile che in pochi conoscono

Cinque giorni di festa molto intensi, tra assemblaggio dei carri, spettacoli, inni e copioni originali, sfilate, salsicce, cannoli e buon vino

Il Carnevale di Sciacca è uno dei più popolari in Sicilia
L'Altra Sciacca / Stefano Siracusa

A Sciacca (Agrigento), quando si parla di festa ci si riferisce al Carnevale. Ogni anno la tradizione di questa ricorrenza, che risale alla fine dell'800, si rinnova nell'impegno che migliaia di persone mettono nella preparazione dei carri allegorici, dei costumi, delle coreografie, degli inni e dei copioni inediti che vengono recitati e ne fanno una manifestazione sempre ricca e originale. Così Sciacca contende ogni anno ad Acireale il primato del Carnevale più bello di Sicilia.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Una sfilata notturna al Carnevale di Sciacca (Agrigento)
L'Altra Sciacca / Stefano Siracusa

Una grande e partecipata festa di piazza che dura mesi di preparazione: nei garage si costruiscono i carri e le coloratissime figure di cartapesta, nelle palestre si preparano le coreografie, sarte e sarti realizzano decine e decine di costumi, ovunque si compongono gli inni del Carnevale di Sciacca.

La festa dura 5 giorni molto intensi. Il giovedì grasso si apre con la simbolica consegna delle chiavi della città al re del Carnevale di Sciacca Peppe Nappa: da quel momento tutto è possibile. Si sentono gli inni del Carnevale, compaiono le prime maschere. Il venerdì sera si cominciano a intravedere i carri le cui componenti sono state già preparate nei garage, ma l'assemblaggio delle gigantesche macchine avviene per la strada e talvolta dura anche tutta la notte del venerdì con un gran via vai di persone addette al montaggio e alle rifiniture.

Carri allegorici al carnevale di Sciacca (Agrigento)
L'Altra Sciacca / Stefano Siracusa

Le sfilate dei carri sono 4, dal sabato al martedì grasso, quando la competizione tocca il suo culmine e la giuria emette il suo verdetto, molto sospirato dal popolo del Carnevale. Nelle varie giornate il carro del Re del Carnevale Peppe Nappa distribuisce generosamente salsicce abbrustolite, vino e aranciata. Non mancano i dolci di Carnevale di Sciacca: gli sfinci, frittelle talvolta farcite con cioccolato e ricoperte di zucchero o miele, la pignolata (palline fritte ricoperte di miele) e gli immancabili cannoli siciliani. Fino al martedì sera con il rogo di Peppe Nappa in piazza Scandaliato, come segnale di buon augurio.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Esplosione di colori al carnevale di Sciacca
L'Altra Sciacca / Stefano Siracusa

Finita la festa? Si, ma a Sciacca non ce la fanno ad aspettare un anno intero, così attorno a Ferragosto offrono un assaggio del loro Carnevale ai turisti in vacanza. Non solo: quest'anno alcuni carri di Sciacca sfileranno ad un festa ad Hammamet (in Tunisia).

I fasti del Carnevale sono raccontati nel Mucas, il Museo del Carnevale di Sciacca, che espone i modelli in ceramica dei carri allegorici delle varie edizioni della festa, oltre a una selezione di costumi, e video con le riprese degli spettacoli e delle sfilate.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi