Foliage d'autunno in Italia: le mete più belle per meravigliarsi

Paesaggi spettacolari dipinti di colori che scaldano il cuore

Foliage d'autunno
Getty Images

Arriva ottobre ed è tempo di foliage. L'arco temporale compreso tra gli ultimissimi giorni di settembre e San Martino (11 novembre) è il periodo dell'anno più indicato per apprezzare davvero, soprattutto nei paesaggi meno contaminati dall'uomo, i colori dell'autunno, quel variopinto mix di tonalità che sembrano partorite dalla mente geniale di un pittore rinascimentale. È la natura, invece, a prendersi la scena. Si parla infatti di foliage quando il colore delle foglie degli alberi cambia, anche se non accade sempre nello stesso modo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Foliage, quali alberi?

Gli alberi di cui sono costituite la maggior parte delle foreste in Italia, esclusi ovviamente i sempreverdi, sono interessati da questo fenomeno super scenografico. È il caso di alberi spettacolari come gigantesche sequoie, grandi querce o maestosi aceri, ma anche di arbusti comuni alle nostre campagne come faggi, larici, castagni, ciliegi, oltre che di numerose specie di piante selvatiche. Il colore delle foglie passa del verde al marrone, al giallo fino alle diverse tonalità del rosso.

Getty Images

Viaggi in autunno

Quali sono, dunque, i posti migliori in Italia dove immergersi nella poesia dei colori d'autunno? Ecco una mini-guida:

Foliage Alto Adige – La Val di Non è un ottimo suggerimento per una vacanza autunnale, non solo per la bellezza dei paesaggi e l'accoglienza delle strutture, ma perché è uno dei luoghi più indicati dove ammirare il cambio di stagione in tutta la sua bellezza. Distese di meli e lunghe successioni di vigneti ti accompagneranno in un tour meraviglioso tra i colori d'autunno, che diventa magico in posti come il lago Tovel, dove gli alberi si specchiano nelle acque.

Foliage Appennino Tosco Emiliano – Il foliage autunnale si mostra in tutto il suo splendore anche percorrendo la statale del Brennero, che collega la Toscana all'Emilia Romagna. Superando il passo dell'Abetone ti sembrerà di essere capitata all'interno della descrizione di un paesaggio autunnale, tanto sono vivi e forti i colori degli alberi in successione.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Foliage Biella – Nei dintorni di Biella, in Piemonte, si incontrano posti dove il foliage è assolutamente straordinario. È il caso, ad esempio, delle grandi faggete della Panoramica Zegna, che parte da Trivero ed arriva al ponte della Babbiera. Percorribile a piedi o in bici, è un itinerario da non perdere.

Foliage Dolomiti Se il bianco è il colore predominante d'inverno, le Dolomiti d'autunno assumono tanti colori grazie ai cambi di muta di faggi, castagni e di tutti gli altri alberi che da queste parti non mancano. Puoi gustarteli tutti dall'alto del Dolomiti SuperSummer, che consente con una sola tessera di utilizzare oltre 100 impianti di risalita in ben 12 valli.

Foliage Valtellina - Uno dei posti migliori dove ammirare il foliage in Lombardia è la Valtellina. Basta imboccare la strada che da Ardenno porta alla Val Masino per entrare in un paesaggio dai contorni fiabeschi, dove spiccano faggi di oltre 200 anni.

Foliage a Milano – Chi l'ha detto che il foliage è fenomeno esclusivo di valli o montagne? Anche in città grandi e piccine si può ammirare da vicino l'evoluzione cromatica del fogliame degli alberi. Tanto che il Comune di Milano, nel cui territorio sono presenti 260mila esemplari di arbusti, ha indicato sulla sua pagina Facebook i 20 luoghi cittadini più indicati per ammirare il foliage in città. Si va dai filari di tigli di viale Lazio a quelli di aceri di via Papi/via Tiraboschi, dai cipressi del giardino della villa Belgiojoso Bonaparte agli alberi di via Zubiani, fino ai filari di Liquidambar styraciflua di via Borsieri e via Alberto da Giussano, o al filare di Ginkgo biloba di via Piccinni.

Foliage a Roma – Anche nei dintorni di Roma non mancano posti ottimi per il foliage. È il caso delle Terme di Stigliano, un parco di 20 ettari con un microclima particolare, capace di favorire la crescita congiunta di querce, aceri, lecci, noccioli, roveri, bambù e pini. Anche il parco di San Liberato, nel Viterbese, è un Paradiso per gli amanti del genere, con alberi di vario fusto provenienti anche da Canada e Giappone che illuminano di colori il sottostante lago di Bracciano.

Sila, la splendida foresta italiana – Anche il sud è ricco di posti dove godere della meraviglia del foliage. Tra tutti, vanno segnalati i boschi del Parco Nazionale della Sila, che nel periodo autunnale diventano gialli e rossi grazie ai mutamenti cromatici dei faggi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi