Cammino di Santiago: da dove partire per ritrovare te stessa

Un viaggio avventuroso in cui scoprire non solo paesaggi mozzafiato, ma anche una nuova spiritualità (e tantissime persone)

image
Getty Images

Se sei intenzionata a vivere un'esperienza unica con l'obiettivo di riscoprire l'essenza più autentica della tua spiritualità, il Cammino di Santiago è il modo più indicato per farlo. Il celebre pellegrinaggio, il mistico Cammino di Santiago de Compostela non è soltanto un viaggio avventuroso che si può fare a piedi, in bici o addirittura a cavallo: è un vero e proprio percorso interiore e di fede, a cui prepararsi con cura.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il Cammino di Santiago de Compostela

Santiago è una città della Galizia, nel nord ovest della Spagna, dove secondo tradizione sono custodite le spoglie mortali di Giacomo il Maggiore, apostolo di Gesù Cristo. Sin dall'Alto Medioevo la cittadina galiziana ha richiamato pellegrini dalla Spagna, dalla Francia e più in generale da tutto il mondo cristiano. La tradizione si è sviluppata progressivamente, a tappe. Il Cammino di Santiago, a piedi o a cavallo, è nato dapprima nelle Asturie per poi estendersi a tutto l'Occidente.

Guida al Cammino di Santiago

La stagione migliore per affrontare il percorso è l'estate, quando il clima è mite e la disponibilità di ostelli, punti di ristoro e assistenza è maggiore. Naturalmente, l'inconveniente maggiore è legato al caldo: soprattutto nei periodi più afosi, è essenziale mettersi in cammino il più presto possibile, rifocillarsi durante il giorno e riprendere la marcia nel pomeriggio inoltrato, quando il sole è meno intenso. D'inverno, ovviamente, il problema principale è quello del freddo, soprattutto nell'attraversamento di tratti montani come i Pirenei.

I vari timbri su un «passaporto» del cammino di Santiago.
Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Credenziale Cammino di Santiago

Prima di mettersi in viaggio è necessario richiedere alla locale Confraternita di San Jacopo di Compostela uno speciale documento attestante l'identità, la condizione e le intenzioni del pellegrino, una sorta di salvacondotto che serve a distinguere un pellegrino da un qualsiasi altro viaggiatore e ad ottenere facilitazioni in ostelli e alberghi. Il rilascio delle credenziali per il Cammino di Santiago è gratuito, ma è ben accetta qualsiasi offerta.

Quanto è lungo il Cammino di Santiago

Grossomodo la lunghezza del Cammino di Santiago è di circa 800 km, per una durata di almeno un mese. I requisiti minimi per ottenere l'indulgenza, comunque, prevedono 100 km di cammino a piedi o a cavallo e 200 in bicicletta.

Cammino di Santiago in bici

Oltre l'80% dei pellegrini sceglie di recarsi a Santiago a piedi, il modo migliore per riflettere, conoscere altri compagni di viaggio e vivere più intensamente l'esperienza del percorso. Anche la bicicletta, comunque, è una modalità molto interessante perché si ha la possibilità di coprire maggiori distanze in un tempo inferiore. Va sottolineato, comunque, che chi si sposta a piedi ha diritto di preferenza negli ostelli e che in alcune zone, in caso di avaria al mezzo, potrebbe essere difficile trovare delle officine adatte. Solo una piccola percentuale sceglie infine di recarsi a Santiago a cavallo, modalità che presenta diversi inconvenienti: possedere un animale, saperlo cavalcare bene, trovare disponibilità di soggiorno per lo stesso durante il cammino.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

In cammino per Santiago de Compostela.
Getty Images

Cammino di Santiago, itinerari

Se la destinazione d'arrivo è unica (anche se un percorso prevede come tappa d'arrivo Fisterra-Muxia), la partenza del Cammino di Santiago può avvenire da più luoghi e seguire percorsi diversi. Nei secoli passati il viaggio cominciava dall'uscio di casa e si concludeva al santuario di Santiago, oggi si può scegliere l'itinerario più appropriato tra quelli riconosciuti.

Cammino di Santiago francese

Il più frequentato e popolare dei percorsi è quello che prende il via dai Pirenei francesi. Da Saint-Jean-Pied-de-Port, attraverso la Navarra e la Spagna centro-settentrionale, si arriva a destinazione in meno di un mese e lungo il percorso si ha ampia disponibilità di ostelli e locande. L'ultima parte del Cammino Francese si interseca con il cosiddetto Cammino di Santiago da Leon.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Cammino di Santiago portoghese

Il secondo itinerario più transitato è quello da Lisbona o da Oporto fino a Santiago, attraversando città come Caldas, Padròn e Pontevedra. Si tratta di un percorso molto ben segnalato e servito.

Via della Plata

Questo percorso segue l'antica via di comunicazione romana che collegava Astorga con Merida ed è l'unico praticabile per chi viaggia in bicicletta. Si entra in Galizia da Portelas do Padornelo e da A Canda ed è uno dei tracciati più tranquilli.

Cammino Inglese Santiago

Si parte da Ferrol e da La Coruña, i due porti dove sbarcavano i pellegrini inglesi, e si arriva a Santiago dopo un chilometraggio piuttosto corto. Rispetto ad altri percorsi, è quello meno dotato di ostelli e punti di ristoro.

Cammino di Santiago del Nord

Il Cammino del Nord è quello che da Irun, attraverso Bilbao, Santander, Oviedo e le Asturie, conduce fino a destinazione. Paesaggisticamente è uno dei tracciati più significativi, artisticamente un po' meno.

Cammino di Santiago Primitivo

Il più antico dei Cammini di Santiago è il Primitivo, che da Oviedo conduce a Compostela attraversando lande di montagna poco abitate delle Asturie e della Galizia. È forse il percorso più suggestivo, ma anche quello meno servito.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi