Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Cilento, cosa vedere in un weekend

Cosa vedere in un weekend nel Cilento per scoprire questo angolo di paradiso in Campania tra mare stupendo e dolci colline

Cilento
Getty Images

Un week end nel Cilento? Ottima scelta. La parte meridionale della provincia di Salerno è una delle zone più belle e incontaminate di tutto il Sud, ricca di attrazioni culturali, spiagge da sogno e paesaggi straordinari. Tra i posti da visitare in Campania, il Cilento merita senz'altro una menzione speciale. Ma il Cilento dove si trova? E quali sono le meraviglie del Cilento da visitare in pochi giorni?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Cilento, cosa vedere

Il Parco nazionale del Cilento abbraccia e protegge buona parte del territorio del Cilento, che si estende per gran parte della provincia di Salerno, da Agropoli a Sapri. Visitare il Cilento significa riscoprire un angolo tra i più belli del Mediterraneo.

Cilento: Palinuro.
Getty Images

Le spiagge del Cilento

Pollica, Acciaroli e Pioppi sono le tre punte di diamante del Cilento. Pollica è il comune principale, mentre Acciaroli e Pioppi sono due frazioni di grande interesse turistico. Le spiagge di Acciaroli, in particolare, sono ricordate per i frequenti soggiorni di Ernest Hemingway, che nella costiera cilentana ha spesso trascorso estati alla ricerca di ispirazioni per i suoi romanzi. Pioppi, invece, ospita un attrezzato museo del mare, oltre ad un centro velico dedicato ai diversamente abili. Di Pollica va menzionato il castello medievale del XIII secolo e la cappella seicentesca di San Pietro. Straordinario il mare limpido dei paraggi, premiato regolarmente con le 5 vele di Legambiente. Anche le spiagge di Marina di Camerota sono assai note e celebrate, a cominciare dalla famosissima spiaggia di Lentiscelle. Bellissime inoltre la spiaggia Calanca e Cala d'Arconte, dove il mare del Cilento si fa davvero unico. E che dire delle spiagge di Palinuro, tra cui vanno menzionate la splendida Baia del Buon Dormire oppure la spiaggia dell'Arco Naturale. D'obbligo un tour alla Grotta Azzurra, alla Grotta del Sangue e a quella dei Monaci, alcune delle grotte del Cilento più caratteristiche, così come alla splendida Cala degli Infreschi, eletta spiaggia più bella d'Italia del 2014 e vero e proprio gioiello incastonato nella meravigliosa costa del Cilento. Un week end non consente troppi spostamenti, ma è quanto mai consigliata un'escursione alla Baia di Trentova, a Cala Bianca, a Punta Licosa, alla spiaggia della Marinella, alla spiaggia di Marina di Ascea, a Capo Palinuro, alla spiaggia del Pozzallo e alle stesse spiagge di Agropoli, tra le spiagge libere della Campania più meritevoli.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

I paesi del Cilento

Non solo mare. Molti dei più caratteristici borghi medievali della Campania si trovano nel Cilento. Qualche esempio? Teggiano, con le sue alte mura medievali ed il convento francescano del XIV secolo, oppure l'antico borgo di Padula. La certosa di Padula, con i suoi tre chiostri, è uno dei più sontuosi monumenti barocchi del Sud Italia. Dal 1998 è patrimonio dell'umanità dell'Unesco.

Vacanze nel Cilento all'insegna della storia

Anche dal punto di vista archeologico il Cilento non ha nulla da invidiare ad altre zone d'Italia. L'area di Velia/Elea è una delle meglio curate di tutto il meridione, con l'acropoli, l'agorà e il santuario di Poseidone. Paestum, spiagge a parte, consente di ammirare templi e vestigia dei primi coloni ellenici in ottimo stato di conservazione.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Cilento: Paestum.
Getty Images

Le grotte del Cilento

Le grotte di Pertosa-Auletta, che si estendono per circa 3000 metri sotto il massiccio degli Alburni, sono l'unico sito in Europa dove è possibile navigare su un fiume sotterraneo, il Negro. La Sala del Paradiso e la Grande Sala, ricche di stalattiti e stalagmiti, sono due degli antri più suggestivi di queste meravigliose cavità. Anche le grotte di Castelcivita, o di Spartaco, sono davvero caratteristiche e si estendono per oltre 4800 metri di lunghezza nel territorio di due comuni del Cilento, Castelcivita e Controne.

I prodotti tipici del Cilento

Un week end nella Campania meridionale è anche e soprattutto un viaggio alla scoperta di antichi e intriganti sapori. Tra i piatti tipici cilentani rientrano i cavatelli al ragù, la ciambotta a base di verdure, la pizza chiena pasquale e gli scauratielli, tipiche zeppole natalizie. Prodotti tipici del posto sono invece i ceci di Cicerale, l'olio d'oliva cilentano, la soppressata di Gioi del Cilento, caciocavallo podolico, cacioricotta e le alici di menaica di Pisciotta.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi